bagno civita di bagno

Pena confermata in appello al giovane israeliano processato per l’estorsione a luci rosse ai danni di un sacerdote a Civita di Bagno.

Trenta mesi di carcere confermati anche in appello per il giovane israeliano Mehez Amara, condannato per un ricatto ai danni dell’ex parroco di San Raniero di Civita di Bagno, don Luigi Abid Sid, che denunciò l’episodio facendolo arrestare, circa tre anni fa. L’israeliano - secondo gli investigatori - aveva chiesto al prete somme di denaro per non divulgare messaggi WhatsApp compromettenti, a sfondo sessuale. Nonostante il gesto coraggioso della denuncia il sacerdote, per le disposizioni del diritto canonico, dovette comunque sostenere un percorso di riabilitazione.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

TEATRO ROMANO RACCOLTE

GRANDE ...

AVEZZANO: CORSA IN ROSA

Donne di corsa per ...

SPACCIO: UN ARRESTO

Avevano avviato una proficua ...

RINNOVO RSU ALLA ASL

La Uil Fpl si afferma nella Asl ...

"OFFICINE DELLA PAROLA"

Con il vescovo dei Marsi, Pietro ...

WEEKEND ... MITE

Persiste un campo anticiclonico ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

CULTURA

TEATRO ROMANO RACCOLTE

...

AVEZZANO: CORSA IN ROSA

Donne di corsa per ...

"OFFICINE DELLA PAROLA"

Con il vescovo dei Marsi, ...

RUBRICHE VARIE

WEEKEND ... MITE

Persiste un campo anticiclonico sull'Europa ...

In Italia quasi otto ...

7,25 miliardi di detrazioni che non vengono ...

SPORT

PESCARA – SPEZIA: L'ARBITRO ...

Pescara Spezia: la partita ...

TAEKWONDO CELANO: UN SUCCESSO

Successo per il centro ...