bagno civita di bagno

Pena confermata in appello al giovane israeliano processato per l’estorsione a luci rosse ai danni di un sacerdote a Civita di Bagno.

Trenta mesi di carcere confermati anche in appello per il giovane israeliano Mehez Amara, condannato per un ricatto ai danni dell’ex parroco di San Raniero di Civita di Bagno, don Luigi Abid Sid, che denunciò l’episodio facendolo arrestare, circa tre anni fa. L’israeliano - secondo gli investigatori - aveva chiesto al prete somme di denaro per non divulgare messaggi WhatsApp compromettenti, a sfondo sessuale. Nonostante il gesto coraggioso della denuncia il sacerdote, per le disposizioni del diritto canonico, dovette comunque sostenere un percorso di riabilitazione.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

MERCATO DEL SABATO: TONI ...

Come previsto, lunedì ...

FURBETTI: "A VOLTE ...

Il caso "Furbetti del ...

PREMIO BORSELLINO: ...

Tanti e tutti importanti i nomi ...

GIULIANOVA: LAVORI DI ...

Sono stati consegnati ieri alla ...

CHIETI: VERTENZA

Tensione tra azienda e sindacati ...

STRADA DEI PARCHI: FUORI ...

Strada dei Parchi, un ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

ABRUZZO: ARTIGIANATO ...

Sono 1.390 gli occupati ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

CULTURA

PREMIO BORSELLINO: CONSEGNA ...

Tanti e tutti importanti i ...

L'AQUILA: "SCRITTORI AL ...

Presentata oggi la seconda ...

CAPISTRELLO: LOTTERIA

A due mesi dall’estrazione ...

RUBRICHE VARIE

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...

SPORT

RUGBY: L'AVEZZANO SCONFITTO

Un minuto di troppo. Tanto ...

CALCIO: ANGIZIA VINCE

La squadra marsicana si è ...