bagno civita di bagno

Pena confermata in appello al giovane israeliano processato per l’estorsione a luci rosse ai danni di un sacerdote a Civita di Bagno.

Trenta mesi di carcere confermati anche in appello per il giovane israeliano Mehez Amara, condannato per un ricatto ai danni dell’ex parroco di San Raniero di Civita di Bagno, don Luigi Abid Sid, che denunciò l’episodio facendolo arrestare, circa tre anni fa. L’israeliano - secondo gli investigatori - aveva chiesto al prete somme di denaro per non divulgare messaggi WhatsApp compromettenti, a sfondo sessuale. Nonostante il gesto coraggioso della denuncia il sacerdote, per le disposizioni del diritto canonico, dovette comunque sostenere un percorso di riabilitazione.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

VALANGA TRAVOLGE SCIATORI

Provengono dalla Campania i due ...

PALAZZO TORLONIA ...

L’ex Arssa nel degrado: a ...

DIFFERENZIATA ED ISOLE ...

Incrementare la raccolta ...

CIMITERO: FOLLI CORSE

Con l'acceleratore a tavoletta, ...

... E LA DISTANZA DI ...

All'interno dei centri abitati ...

WEEKEND DI SOLE E VENTO

Inizia un weekend soleggiato e ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

"AMATRICE SIAMO NOI"

Il terremoto del 24 agosto ...

GIANNI LETTA A CHIETI

Sabato 20 gennaio, sarà ...

FESTA DI SAN SEBASTIANO

Sabato 20 gennaio, dalle ...

RUBRICHE VARIE

WEEKEND DI SOLE E VENTO

Inizia un weekend soleggiato e secco con meteo ...

WEEKEND DA... BRIVIDO

Farà freddo nel fine settimana, ove sarà ...

SPORT

SACCHI ARBITRO PER FOGGIA – ...

Sarà Juan Luca Sacchi di ...

JUDO: CAMPIONATI PER NUNZIATO

Si è qualificato per il ...