Politica

quirinobis

ELEZIONI NELLA MARSICA

I cittadini dei 4 comuni marsicani tornati al voto hanno scelto i nuovi sindaci.

Nel comune piu' grande,San Benedetto dei Marsi, con 3.910 abitanti,ad avere la meglio con uno stacco importante gia' dalle prime proiezioni,il sindaco uscente Quirino D'Orazio che ha superato i due avversari.Anche a Oricola l'ha spuntata il sindaco uscente, Antonio Paraninfi, mentre a Castellafiume il nuovo primo cittadino e'una donna, Giuseppina Perozzi. E,dopo un anno di commissariamento,anche i 1.509 residenti di Massa D'Albe, hanno finalmente un nuovo sindaco:Nazzareno Lucci.

COMUNALI: TERAMO E SILVI AL BALLOTTAGGIO,
IL MOVIMENTO CINQUE STELLE FUORI DA GIOCHI

 

 

 

 

 

 

 

dDi 

L'AQUILA - Si profila un ballottaggio in entrambi i Comuni maggiori chiamati al voto in Abruzzo, dove a giocarsi il secondo turno sono centrodestra e centrosinistra, con il Movimento cinque stelle fuori dai giochi sia a Teramo, sia a Silvi, dove nelle scorse settimane era arrivato lo stesso Luigi Di Maio, prima che si formasse il governo del quale è entrato a far parte come ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico.

Nel capoluogo di provincia dai primissimi dati dello spoglio che filtrano lentamente, l'ex assessore regionale di Fratelli d'Italia Giandonato Morra è avanti, e prevale su Gianguido D'Alberto sostenuto da Partito democratico e altre tre liste. Segue a distanza il grillino Cristiano Rocchetti.

A Silvi si profila un testa a testa tra Andrea Scordella della Lega, sul quale ha trovato l'unità il centrodestra, nel corso dello spoglio apparso più volte in vantaggio, e Francesco Comignani, il sindaco costretto a lasciare l'incarico circa un anno fa in seguito alle dimissioni di 9 consiglieri su 16, che guida uno schieramento di centrosinistra. Terza Simona Astolfi del Movimento cinque stelle.

L'affluenza alle urne in Abruzzo è stata inferiore rispetto alla volta precedente, ma superiore di circa 4 punti rispetto alla media nazionale.

Tra i primi sindaci ad essere eletti, nei 31 Comuni chiamati al voto, quello di Fallo, Alfredo Pierpaolo Salerno, e quello di Controguerra, Franco Carletta, per il quale la sfida era con il quorum essendo unico candidato.

"Al ballottaggio sarà comunque un’altra elezione: non bisogna sedersi e iniziare una diversa campagna elettorale, bisogna migliorare il programma per ospitare le istanze e tutti i consigli che sono sempre ben accetti. In questa sfida a due conta molto anche l’intuito e il modo di essere del candidato e comunque parlerò a tutti i cittadini, anche a quelli, il 35%, che non sono tornati dal mare nella vicina costa teramana, e che non sono andati per scelta a votare. Sono fiducioso del buon risultato conseguito dal centrodestra unito, nonostante quanto sta succedendo a livello nazionale", ha detto Morra, intervenendo alla diretta elettorale di Rete8.

"Se dovessi vincere al ballottaggio in una partita peraltro tutta aperta, si formerebbe un asse che a me piace molto soprattutto nell’ottica della grande Pescara", ha aggiunto a proposito dell'ipotesi di diventare secondo sindaco di Fratelli d'Italia dopo Pierluigi Biondi dell'Aquila, "se si propone un progetto equilibrato e giusto che avrebbe ragione di esistere in un Abruzzo unito, saremmo d’accordo, se invece causerà ancora una doppia velocità tra la costa e l’interno, saremo contrari".

"Non sono andato al mare, sono stato a Teramo, sono andato in giro anche per sentire amici che in questi giorni non ero riuscito a vedere, sono fresco perché reduce da una doccia", ha concluso rispondendo alle domande del conduttore.

"In Abruzzo c’è un quadro mutato rispetto al dato delle politiche del 4 marzo scorso: si registra il primo posto del centrodestra, secondo il centrosinistra, e terzo il Movimento cinque stelle", ha commentato il deputato del Partito democratico Camillo D’Alessandro sui primi dati relativi alle elezioni amministrative in Abruzzo.

"Certo - ha continuato -, se si rivotasse alle politiche probabilmente andrebbe allo stesso modo, ma localmente i risultati sfuggono dal livello nazionale per quanto riguarda i pentastellati perché scattano altri meccanismi rispetto alle tematiche e ai rapporti. Nonostante la sconfitta pesantissima alle politiche, in campo nazionale alle amministrative per il centrosinistra - ha concluso - non c’è stato il tracollo che tutti avevano preventivato".

"Il centrodestra vive a una fase di confusione visto che una delle tre gambe a livello nazionale ha scelto di fare il governo con il Movimento cinque stelle. Aver tenuto unito il centrodestra ci ha portati a ottimi successi, un buon segnale e un viatico per le elezioni regionali sulle quali ci applicheremo subito dopo la vittoria a Teramo, della quale conoscendo bene Morra che ho voluto come candidato, sono sicuro, anche se al ballottaggio bisogna ripartire da zero per impostare una nuova campagna elettorale", è il commento di Nazario Pagano, senatore e coordinatore abruzzese di Forza Italia.

L'AFFLUENZA

Si chiude con un'affluenza del 65,03 per cento, con una flessione di sei punti rispetto alla volta precedente e a fronte del 61,12% della media nazionale, il voto per le elezioni amministrative in Abruzzo, che hanno coinvolto 31 Comuni, tra cui Teramo e Silvi, con popolazione superiore ai 15mila abitanti e dov'è quindi previsto il doppio turno, entrambi commissariati.

A Teramo, che arriva al voto con un anno di anticipo per la caduta dell'amministrazione di centrodestra e dove sono concentrate le maggiori attenzioni per analizzare gli scenari politici, ha votato il 67,18%, in flessione rispetto a quattro anni fa, quando votò il 74,24 per cento degli aventi diritto.

Ad Alba Adriatica il 62,53 a fronte del 69,64 per cento di cinque anni fa.

Ad Atri ha votato il 67,85% (72,67%), a Castilenti il 77,59 (85,22), a Civitella del Tronto il 56,54 (67,95), a Controguerra il 62,11 (72,10), a Montorio al Vomano il 64,16 (71,68), a Nereto il 70,16 (77,24), a Notaresco il 63,54 (75,42) a Silvi il 60,83 (71,15).

In provincia dell'Aquila, dove si registra l'affluenza maggiore, a Barete ha votato il 77,42 per cento (74,43), a Lucoli il 68,21 (53,01), a Castellafiume il 78,06 (72,88), a Massa d'Albe il 62,77 (66,32), a Oricola il 66,40 (84,96), a San Benedetto dei Marsi il 75,09 (78,19), a Scanno il 64,69 (66,54).

In provincia di Pescara, a Bussi sul Tirino ha votato il 73,96 (73,98), a Cepagatti il 67,98 (71,97), a Loreto Aprutino il 63,27 (68,84), a Nocciano il 62,70 (63,92), a Pianella il 68,59 (72,04), a Pietranico il 52,23 (57,75), a Roccamorice il 29,08 (33,10), a San Valentino in Abruzzo Citeriore il 55,86 (59,71), a Turrivalignani il 67,93 (70,73).

In provincia di Chieti, a Fallo ha votato il 41,35 per cento degli aventi diritto (34,27), a Frisa il 62,87 (67,80), a Pizzoferrato il 44,67 (50,03), a Torino di Sangro il 70,06 (70,78), a Villa Santa Maria il 56,27 (61,09).

da Abruzzo Web

municipio az 3

Il prefetto Linardi ordina la surroga in consiglio riguardo al seggio conteso tra Annalisa Cipollone, attualmente esclusa, e Francesco Paciotti. In sostanza, Annalisa Cipollone dovrà entrare al posto di Francesco Paciotti.

Secondo il prefetto, è necessario dare seguito alle procedure previste dall’articolo 45 del testo unico enti locali. Fino a questo punto, per gli effetti  dell’anatra zoppa, il terzo eletto della lista si è ritrovato a occupare lo scranno che, in condizioni normali, sarebbe toccato alla seconda eletta, la Cipollone appunto, in sostituzione del dimissionario Emilio Cipollone, all’epoca nominato vicesindaco. Ora, a qualche mese di distanza, interviene di nuovo il prefetto che già in passato aveva indicato i correttivi da applicare dopo le sentenze del Tar e del Consiglio di Stato nel rispetto della volontà popolare.

municipio avezzano

Come abbiamo preannunciato, evidenziando il fatto nel tg di ieri, il consigliere comunale Nando Boccia, eletto ad Avezzano per la coalizione Di Pangrazio, con la lista "Avezzano al Centro, ha lasciato oggi, 1° giugno, l'attuale minoranza, ed è ufficiale, per dare luogo ad un gruppo misto, non vincolabile da opposizione e maggioranza. Nell'ambito della coalizione Di Pangrazio, che pare attraversi un momento "burrascoso", pare che altri consiglieri abbiano intenzione di seguire l'esempio di Boccia.

municipio az 3

Il consigliere comunale Nando Boccia, eletto ad Avezzano per la coalizione Di Pangrazio, con la lista "Avezzano al Centro", che è stato vice sindaco per 5 anni nella passata amministrazione e uno dei più attivi consiglieri di opposizione nell'amministrazione De Angelis, sembrerebbe (fonti ben informate assicurano che è quasi certo), che sia intenzionato ad abbandonare la coalizione (attuale minoranza), per costituire un gruppo misto, definito libero da qualsiasi vincolo, sia di minoranza che di maggioranza. Noi di Telesirio, nei giorni scorsi, avevamo annunciato "maretta" all'interno della coalizione Di Pangrazio, laddove sembra che altri consiglieri abbiano intenzione di seguire l'esempio di Boccia.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

LFOUNDRY: CONTRATTO DI ...

Accordo tra LFoundry e i ...

PESCARA: UFFICIO EUROPA

Nel corso di una cerimonia ...

CITTA' SANT'ANGELO: ...

  Il presidente vicario ...

PESCARA: MARATONA ...

Maratona Dannunziana: domenica ...

WEEKEND: IL METEO

Previsioni meteo per l'Abruzzo, ...

TERAMO: SGOMBERATI ...

  Si è svolta l’operazione ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

ABRUZZO: ARTIGIANATO ...

Sono 1.390 gli occupati ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

CULTURA

AVEZZANO: "URBAN NATURE"

Domenica "Urban Nature" ad ...

ISTITUTO TAGLIACOZZO: ...

A Tagliacozzo, domani, ...

PESCARA: MOSTRA SU PAZIENZA

A 30 anni dalla prematura ...

RUBRICHE VARIE

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...

SPORT

CALCIO: ANGIZIA VINCE

La squadra marsicana si è ...

SANPELINESE: PRIMA DI ...

Al via  il campionato ...