Politica

quagliariello gaetano due

GAETANO QUAGLIARIELLO: IL MIO PATTO CON IL COLLEGIO L’AQUILA-TERAMO

“Fra le sue tante storture, questa legge elettorale figlia dell’emergenza ha una peculiarità positiva: prevede collegi uninominali nei quali si presentano persone con la loro storia, la loro faccia, la loro credibilità. Anche per questo bisognerebbe diffidare di quei candidati che si sono nascosti dietro un simbolo.

Chi sarà eletto nel collegio uninominale sarà legato innanzi tutto al territorio, prima e assai più che a un partito.

  • Per questo io mi impegno, in caso di elezione, ad aprire una struttura a disposizione dei cittadini, che potranno presentarmi le loro istanze ed essere informati sul mio lavoro; a rendere tangibile la mia presenza; a venire nel mio collegio tutte le settimane, nei tempi non occupati dall’attività parlamentare.

Mi impegno, inoltre, a portare avanti alcune proposte, diverse delle quali già avviate nella scorsa legislatura, cominciando dalle seguenti priorità:

  • disegno di legge organico su sicurezza sismica, prevenzione e ricostruzione;
  • modifica strutturale del codice degli appalti, per evitare inutili ritardi e sovrastrutture burocratiche che non producono nulla in termini di trasparenza e contrasto della corruzione e hanno il solo effetto di rallentare la realizzazione delle opere e ostacolare il lavoro delle persone oneste;
  • ripristino, a fronte di un’emergenza non risolta, di procedure emergenziali che possano tra l’altro sbloccare l’utilizzo di fondi già stanziati (in particolare per gli edifici pubblici: scuole, ospedali, caserme, ecc.);
  • disegno di legge su parchi e montagna, per rendere il tema delle aree interne una priorità e impedirne lo spopolamento;
  • estensione della cedolare secca alla locazione degli immobili a uso commerciale, imprenditoriale e artigianale nonché agli alloggi utilizzati con finalità turistiche ricadenti nelle aree dei crateri sismici;
  • Istituzione e ampliamento delle Zone Economiche Speciali nelle aree colpite da calamità naturali, nelle aree interne a rischio spopolamento e nelle aree colpite da forte crisi economica”.

Gaetano Quagliariello, candidato del centrodestra al Senato nel collegio uninominale L’Aquila-Teramo 

castellorsini

Insieme per il territorio è l’hashtag della convention che riunirà tutti i candidati alle politiche della coalizione di centrodestra, al Castello Orsini di Avezzano, oggi, 1° marzo alle 18.

L’incontro, che è organizzato dal coordinamento di Forza Italia di Avezzano, non sarà il classico comizio elettorale ma un momento dove tutta la coalizione interagirà con i presenti, anche attraverso i social che trametteranno in diretta streaming l’intero evento.

I candidati di Forza Italia, di Noi con l’Italia, di Fratelli d’Italia e della Lega saranno tra la gente per far conoscere i propri programmi.

avezzano municipio

Dopo aver ricevuto l'out out di alcuni consiglieri, stamattina è giunta al sindaco notizia di una dura presa di posizione da parte di "Partecipazione Popolare", la lista storicamente del primo cittadino che, a dire la verità, non ha avuto molto successo alle ultime amministrative dove si è aggiudicata un solo consigliere (nella persona di Alberto Lamorgese), ma, sulla eventualità di un accordo del sindaco (vedi il recente patto stipulato con il centrodestra), Partecipazione Popolare lo contesta accusandolo di portare avanti, autonomamente, trattative con i partiti, "ignorando la natura civica della coalizione che ha conseguito la vittoria al ballottaggio, contro l'armata Di Pangrazio" e quindi, P. P., Prende le distanze, considerando quello del sindaco come un atteggiamento che tradisce gli elettori. E poi, primo, sembrerebbe cheP. P., non abbia ancora "digerito" la sentenza del consiglio di stato... Secondo, "l'Armata Di Pangrazio", ha vinto, al primo turno, aggiudicandosi la maggioranza, con 13 consiglieri e solo una decisione scellerata della commissione elettorale, ha protratto ed ha consentito, per otto mesi, a sei consiglieri, di sedere illegittimamente, sui banchi del consiglio comunale di Avezzano. Terzo, certamente, a seguito della sentenza e quindi impedendo, di fatto, al sindaco De Angelis, eletto legittimamente, di avere una maggioranza in consiglio, si dovrà: avere o le sue dimissioni, oppure le dimissioni di 13 consiglieri, o ancora un accordo programmatico, nell'interesse della città di Avezzano. Ma questo, si sa, impedirebbe ad alcuni, e non solo, della vecchia maggioranza, aspettative per un "posto al sole" dovendo il sindaco "ripartire" le responsabilità in caso di accordo ("Grande Coalizione") ma pure tacitare l'appetito di qualche ex assessore della giunta Di Pangrazio... Il che non ci sembra politicamente proponibile...

avezzano municipio

di Germana D'Orazio

Noi di Telesirio siamo stati facili profeti in merito alla prosecuzione di questa legislatura, al comune di Avezzano, dopo la sentenza del consiglio di stato che ha ribaltato gli equilibri all'interno del consiglio comunale (insomma, "tutti contro tutti"). Il primo cittadino De Angelis, ha ricevuto, in questi giorni, da alcuni suoi consiglieri, un out out affinché non perda la sua connotazione civica; tra questi il vice sindaco Emilio Cipollone, che probabilmente sente odore di una sua prossima impossibilità a restare in carica e critica un eventuale accordo del sindaco con parte del centrodestra, poiché lo stesso De Angelis si era sempre dichiarato, come abbiamo già riportato, sin dalla sua candidatura, civico. Ma ora le cose sono cambiate e gli effetti dell'anatra zoppa dovranno ancora realmente pervenire, per alcuni, ma soprattutto per gli "sponsor" dell'attuale sindaco, che tutto erano meno che "civici" e ai quali, degli interessi di Avezzano, non importerebbe nulla, se non riguardo a qualche posizione per i propri amici. Lo spoil system attuato da De Angelis, subito dopo la sua legittima vittoria verrebbe ridimensionato (ricordiamo il fattaccio del cambio delle serrature agli uffici dell'ex sindaco), come la predominanza anche di alcuni dirigenti, soprattutto di Claudio Paciotti, ritenuto dagli stessi consiglieri di maggioranza il "sindaco ombra" (che sarebbe in odore della revoca di capo di gabinetto), e quella della dirigente Maria Laura Ottavi (che probabilmente sarà richiamata dalla corte dei conti, a rifondere (con altri) le somme pagate dai cittadini avezzanesi, oltre 50 mila Euro, per la difesa dei consiglieri comunali non eletti). A proposito di cifre: per i ricorsi, a differenza di quella che oggi è minoranza, la coalizione Di Pangrazio, le ha sborsate dalla propria tasca. Se ci dovesse essere (o se non ci fosse) l'accordo per il prosieguo della legislatura, così come sembra, con il patto sottoscritto dal sindaco, oggi, con Forza Italia e con l'UDC, l'aquilano, dottor Piero Carducci, dovrà fare le valigie e svernare in qualche altro ente pubblico.

martino antonio

ELEZIONI: MARTINO, “SI’ AL PATTO PER LA MARSICA, PUO’ ATTRARRE SVILUPPO”

L’AQUILA, 26 feb - “Ho appoggiato con convinzione il Patto di unità per lo sviluppo della Marsica, di cui condivido tantissime idee su trasporti, infrastrutture, depuratori, sviluppo economico e la salvezza dei tribunali”.

Lo afferma Antonio Martino, candidato del centrodestra alle elezioni politiche 2018 nel collegio uninominale per la Camera numero 1 - L’Aquila.

Si tratta di un lavoro che abbiamo avviato da settimane e ora siamo arrivati a una sintesi - prosegue - Eletto o non eletto, sarò sempre al fianco degli amministratori di centrodestra, a partire dal sindaco Gabriele De Angelis”.

È anche una risposta concreta, non a chiacchiere, alle critiche strumentali che mi vengono rivolte da politici fantasiosi, senza un passato e senza un lavoro, che sanno di stare perdendo il collegio e non trovano di meglio che attaccare la mia persona”, aggiunge poi.

La Marsica, per Martino, “ha tutte le potenzialità per proporsi come attrattore competitivo e uscire dal guscio. In tal senso, in base alla mia esperienza di imprenditore vi dico che, quando un’impresa investe, guarda anche alla risposta che il territorio è in grado di dare in termini di attività giudiziaria”.

Ecco perché - conclude - mantenere il Tribunale ad Avezzano significa avere la forza di fare economia, chi investe milioni di euro vuole la certezza del diritto”.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

"NOTTE ROMANTICA" A ...

Torna a Tagliacozzo, il prossimo ...

"LIONS": NUOVO PRESIDENTE

Annunziata Morgani nuovo ...

FONTANILE: COMUNE ...

Recentemente gli abitanti del ...

PROVINCIA: RIAPERTA ...

Il Presidente della Provincia ...

SOLSTIZIO IN FESTA

L'esperienza di "agricoltura ...

ORDINE COMMERCIALISTI: ...

L’Ordine dei Dottori ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

ABRUZZO: ARTIGIANATO ...

Sono 1.390 gli occupati ...

CULTURA

"NOTTE ROMANTICA" A ...

Torna a Tagliacozzo, il ...

"LIONS": NUOVO PRESIDENTE

Annunziata Morgani nuovo ...

SOLSTIZIO IN FESTA

L'esperienza di ...

RUBRICHE VARIE

SOLE TRA LE NUBI...

Giugno instabile sul territorio Marsicano: ciò ...

AVEZZANO: GIORNATA ...

Tutto pronto ad Avezzano per la ...

SPORT

PALLAVOLO: LA MARSICA C'E'

L'alzatrice ...

MARSICA: NUOTATORE DA RECORD

"Nuotatore marsicano 2018", ...