Politica

municipio az tre

La "botta" è stata più forte del previsto, considerato anche il comunicato dell'ottimo portavoce Roberto Alfatti Appetiti (a noi non pervenuto), fuori luogo, visto che si riferisce al successo del sindaco De Angelis, che nessuno ha mai contestato. Mentre, era evidente (e lo sanno pure le pietre, così come la coalizione del sindaco), l'abominevole decisione del Presidente della Commissione elettorale, che aveva stravolto ogni norma giuridica (considerato, lo ripetiamo), che al primo turno, la coalizione Di Pangrazio aveva ottenuto oltre il 51%. Pertanto, spettava ad essa la maggioranza dei seggi in consiglio. Quindi, il sindaco di Avezzano, ha usufruito della maggioranza, per oltre tre mesi, grazie alla citata decisione di Forgillo (trasferito a Napoli), di sei consiglieri in più di quanto dovuto. Una vera e propria usurpazione, mentre, la sentenza del TAR riporta, malgrado le accuse di De Angelis (gli andava bene, ovviamente, la decisione di Forgillo), quanto spettante alla coalizione Di Pangrazio. Ebbene, dopo la decisione del TAR, nella conferenza stampa, De Angelis, che ha collezionato un'altra brutta figura (ormai, come tante altre), considerata la sua inadeguatezza al ruolo di primo cittadino, non ricorda o fa finta di non ricordare e cerca di fare "giochi di prestigio" dichiarando, più volte, che in caso di sentenza sfavorevole, si sarebbe dimesso con ricandidatura (pronosticata vincente all'80%). Premesso che, al di là delle centinaia di esperti di diritto, sia pro che contro, la sentenza è immediatamente esecutiva e non sarebbe prevista nessuna sospensiva; quindi, De Angelis, dichiarando di non volere sostegni da alcuno, non potrà amministrare ed apporterebbe solo danni ad Avezzano. Allo stato, come abbiamo già riferito, rimangono, o le sue dimissioni o verrebbe dimissionato dai tredici consiglieri di Di Pangrazio, che in questa occasione ha dimostrato grande responsabilità istituzionale. Insomma, è probabile che questa sentenza (secondo noi), potrebbe essere favorevole a De Angelis, per togliersi di torno alcuni suoi mentori. Conclusione: è costretto ad andarsene!

DE ANGELIS Gabriele

Come ampiamente previsto, in questi mesi da "Telesirio" (ed era prevedibile, vista l'assurda decisione del presidente del Tribunale di Avezzano, Eugenio Forgillo), la sentenza "417" del 12.10.2017 del TAR dell'Aquila, ristabilisce la volontà degli elettori avezzanesi che, per quanto riguarda i consiglieri comunali, al primo turno, avevano espresso la maggioranza dei voti per la coalizione del candidato sindaco Di Pangrazio, sconfitto al ballottaggio che passa da 7 a 13 consiglieri; la coalizione del sindaco De Angelis, da 15 a 9. Decadono Mariano Santomaggio, Massimo Verrecchia, Mauro Di Benedetto, Annamaria Cipollone, Pierluigi Di Stefano,Chiara Colucci; subentrano Antonio Di Fabio, Roberto Verdecchia, Gianfranco Gallese, Sonia Di Stefano, Gianni Luccitti, Luigia Francesconi. La "stangata" (il provvedimento è immediatamente esecutivo) per la coalizione De Angelis, è stata, anche se prevedibile, non indolore ed apre diversi scenari per il prosieguo della nuova amministrazione. Infatti, due sono le più accreditate soluzioni: l'una, nuove elezioni con le dimissioni del sindaco attuale (che fin dal primo consiglio comunale ha sempre sostenuto che si sarebbe dimesso in caso di sentenza a lui sfavorevole); l'altra, un accordo programmatico con l'azzeramento della giunta e degli enti sovracomunali, vista anche la eventuale disponibilità ribadita con vari comunicati, della coalizione di Giovanni Di Pangrazio.

Insomma, giustizia è fatta, soprattutto per l'arroganza di molti consiglieri comunali e principalmente dei sostenitori esterni di De Angelis (nella foto), "sindaco teleguidato".

tribunale amministrativo aq

Come ribadito più volte da Telesirio, ribaltone a palazzo di città. Era probabile che ciò avvenisse e adesso c'è stata una correzione del tribunale amministrativo regionale a cui avevano fatto ricorso le minoranze dopo la proclamazione degli eletti e dopo l’assegnazione dei seggi da parte del tribunale di Avezzano. Assegnazione contestata fin dal primo momento e poi impugnata.

I giudici della prima sezione del Tribunale amministrativo regionale hanno rimodulato l’assegnazione dei seggi correggendo i  risultati elettorali attribuendo 13 seggi alla coalizione Di Pangrazio (più 6) e 9 seggi alla coalizione del sindaco De Angelis (meno 6).

Analogo ricorso è stato presentato dal centrosinistra al comune dell'Aquila, visto il ribaltone al secondo turno nel Capoluogo di regione, con Pierluigi Biondi che ha prevalso su Americo Di Benedetto, nonostante che al primo turno la coalizione di centrosinistra guidata da Di Benedetto avesse ottenuto maggiori consensi. L'avvocato Claudio Verini, che ha curatoil ricorso del centrosinistra aquilano, spiega che, "secondo i risultati ufficiali, le liste che hanno appoggiato il candidato sindaco Di Benedetto, non hanno avuto, per 41 voti, la maggioranza dei voti validi (presupposto per cui si verifichi il caso dell'anatra zoppa) e quindi il ricorso proposto mira a consentire il recupero di tali voti mancanti e, solo all'esito, la modifica dell'atto di proclamazione degli eletti".

di pangrazio giovanni 281213 rep 02

 

Coalizione Di Pangrazio: "Rispettato il voto dei cittadini"

"Hanno vinto la democrazia e i cittadini che hanno visto riconosciuto e rispettato il loro voto". Così Giovanni Di Pangrazio, leader della Coalizione cui il Tar ha riconosciuto la validità del ricorso presentato contro le decisioni assunte dalla commissione elettorale nella ripartizione dei seggi in Consiglio comunale dopo l'esito delle elezioni di giugno. "Oggi è stata ristabilita la Rappresentatività del Consiglio comunale, i giudici del Tar sono stati rigorosi nel rispetto delle leggi, abbiamo avuto ragione nel confidare nella Giustizia. Siamo pronti ad assumerci le responsabilità e a lavorare per realizzare il programma scelto dalla maggioranza degli elettori, portando a termine i lavori avviati con la dedizione e l'impegno di sempre. Un ringraziamento va a quanti sono scesi in campo nella nostra Coalizione e non hanno mai perso fiducia e voglia di fare per il nostro territorio".

tribunale amministrativo aq

L'AQUILA - Il Tar dell'Aquila ha accolto il ricorso presentato da Gianni Di Pangrazio e altri assegnando 13 seggi alla coalizione di centrosinistra e 9 a quella del centrodestra e ribaltando di fatto l'equilibrio del Consiglio comunale di Avezzano.

de angelis gabriele 3

di pangrazio gianni intervista 050312 09

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

TACCUINO ELETTORALE

Lunedì 19 febbraio, alle 17,00, ...

E... GLI "SPAZZINI"?

Prima si chiamavano, più ...

D'ALEMA AD AVEZZANO

Unica tappa abruzzese ad ...

TAR: SI AD ACCORPAMENTO ...

Il Tar dell’Aquila, con ...

SCIENTIFICO E LEGALITA'

Anche quest’anno i ragazzi del ...

IL CIELO DI DOMENICA

    Aumento deciso ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

SCIENTIFICO E LEGALITA'

Anche quest’anno i ragazzi ...

AMBASCIATORI DIGITALI ...

Il Consiglio Regionale ...

MANOPPELLO: CONVEGNO SUI ...

"Ambienti tartufigeni ...

RUBRICHE VARIE

LETTOMANOPPELLO: ...

  Nasce a Lettomanoppello uno sportello ...

L'AQUILA: APP DENUNCIA ...

Arriva anche all’Aquila ‘You Pol’, l’App che ...

SPORT

TORNEO MINI PALLANUOTO

Straordinaria tappa ad ...

SLALOM: CAMPIONE UNDICENNE

A 11 anni si piazza al ...