Cronaca

tribunale az

L'imprenditore marsicano M. P., finito nell'indagine della Guardia di Finanza per una presunta evasione fiscale, dice, tramite un comunicato stampa di ieri, 20 ottobre, di non aver acquistato beni di lusso, bensì di aver pagato gli alimenti alle figlie minorenni e le bollette di luce e gas nella loro casa.

Due giorni fa le Fiamme Gialle hanno disposto un sequestro di beni mobili e immobili per un valore di 542.431 nei confronti dell’uomo, della propria compagna e della società da lei amministrata, per evasione fiscale.

M. P. dichiara anche di non essere più imprenditore del settore petrolifero da vari anni e di non risiedere in Italia.

funghi 080613 rep 07

Per il ritiro dei tesserini per raccogliere funghi e il rinnovo bisognerà che i marsicani si spostino all’Aquila. Anche l’ufficio dove si recavano i marsicani che volevano ritirare la documentazione per andare a cercare funghi commestibili, è stato trasferito nel capoluogo insieme con quello del settore caccia e pesca. La Provincia, come già detto, pare abbia spostato da Avezzano agli uffici del capoluogo tutto il settore perchè con l’entrata in vigore della riforma Delrio le competenze di caccia e pesca, e funghi, sono passate alla Regione e i dipendenti che se ne occupavano sono stati trasferiti in altre amministrazioni pubbliche. Però, in realtà, gli uffici della Provincia, all'Aquila, sono pieni di "operatori inoperosi", mal dislocati e mal utilizzati, mentre fuori L'Aquila, ad Avezzano, le condizioni lavorative ci sarebbero ma non vi vengono inviate le persone atte a ricoprire le mansioni richieste. Adesso l'ennesima soppressione in pochi giorni, sempre a favore dell'Aquila e a sfavore della Marsica, creerà non pochi svantaggi e disagi, soprattutto a scapito di chi, come gli anziani, non si può spostare con facilità. Dopo la sanità anche settori degli enti pubblici vengono tolti di mezzo per continuare nella già iniziata depauperazione, spoliazione del nostro territorio. Intanto, i sindaci marsicani, in primis quello di Avezzano, non impediscono ma neanche tentano di arginare soppressioni e spostamenti che impoveriscono il comprensorio. Ahinoi, cosa devono aspettarsi ancora i marsicani?

tagliacozzo ospedale rep 02

Il programma di riordino dei Punti di Primo Intervento (PPI) della Regione Abruzzo, elaborato dall’Agenzia Sanitaria Regionale in sede Comitato regionale emergenza urgenza, rappresenta un’importante tappa del percorso di riorganizzazione della rete ospedaliera regionale, necessaria per la riqualificazione dell’intero sistema dell’emergenza-urgenza e per l’affinamento dell’appropriatezza clinico-organizzativa”. Lo ha detto l’assessore alla Sanità Silvio Paolucci a margine della seduta della Giunta regionale che oggi ha licenziato il provvedimento relativo al Riordino dei Punti di Primo Intervento della Regione Abruzzo. Il provvedimento dispone il riordino dei PPI regionali di Gissi, Casoli, Guardiagrele, Pescina, Tagliacozzo, Atessa, Ortona e Popoli elaborando un cronoprogramma per il periodo che va dagli ultimi tre mesi del 2016 ai primi sei del 2017.

 

logo asl pescara

Prot. URP n. 4834/u                                      Pescara, 21/10/2016

                                        

Oggetto :Comunicazione n. 84

Sospensione attività sabato 22 Ottobre 2016

Sede erogativa distrettuale di Loreto Aprutino

Via Chiarelli n. 2

Si comunica che la sede erogativa distrettuale di  Loreto Aprutino – sita in Via Chiarelli n. 2, resterà chiusa al pubblico nella giornata di sabato 22 Ottobre 2016.

Il Servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica) sarà attivo con i consueti orari.

                                                                La Responsabile

                                                                         Dott.ssa M. A. Ceccagnoli

lanciano 

Il sansificio di Lanciano torna in funzione, per il disappunto di migliaia di residenti tra Lanciano e Treglio assaliti da cattivi odori.

La struttura in Contrada Paglieroni, nel comune di Treglio, era stata al centro in passato di proteste e battaglie a colpi di esposti. Lo scorso anno l’Arta, su invito della stessa Procura, aveva effettuato dei rilievi dai quali era emerso un eccesso di emissioni diffuse e per questa ragione il sansificio venne multato. In questi giorni l’attività è ripresa con il consueto via vai di camion, ed il fumo che ha ricominciato ad invadere una vasta zona. Rabbiose le reazioni di cittadini ed associazioni che chiedono come sia possibile che questo tipo di attività riprenda senza prima un controllo.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

"SULLA MIA PELLE"

“Sulla mie pelle”, pellicola ...

"UDITO INFORMA"

Controlli gratuiti e tecnici ...

CONSIGLIO COMUNALE: ...

Grande attesa per il consiglio ...

PRIMA NEVE A PRATI DI ...

Con l’abbassamento delle ...

SCUOLE CHIUSE A PESCARA

Ordinanza di chiusura delle ...

CACCIA ABUSIVA A ...

Caccia abusiva e uccisione di un ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

ABRUZZO: ARTIGIANATO ...

Sono 1.390 gli occupati ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

RUBRICHE VARIE

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...

Scommesse sportive ...

Scommesse sportive online: come avvicinarsi al ...