Politica

d alfonso frane

PIANO NEVE, LA REGIONE ASSEGNA 450MILA EURO ALLE PROVINCE

D’ALFONSO: E’ IN ARRIVO IL GELO, URGE ATTIVARE LE PROCEDURE NECESSARIE

La Regione Abruzzo ha stanziato 450mila euro per il Piano neve 2015-2016. Dopo l’incontro con le Province svoltosi il 3 novembre scorso, attraverso la legge regionale n. 40 del 12 novembre è stata effettuata la variazione di bilancio per destinare alle amministrazioni provinciali la somma necessaria a far fronte alle evenienze invernali.

In considerazione dei criteri individuati nel corso del vertice - ovvero la lunghezza delle strade provinciali, le precipitazioni nevose delle passate annualità nonché le difficoltà viarie dovute ai fenomeni di dissesto che hanno interessato il territorio regionale e che rendono diverse strade di difficile accesso - la ripartizione risulta essere la seguente: 120mila euro alla Provincia di Chieti; 100mila alla Provincia di Teramo; 90mila alla Provincia di Pescara e 90mila a quella di L’Aquila. Inoltre, la Regione ha voluto attribuire risorse appositamente dedicate alle località sciistiche di Passolanciano e a Pescasseroli, per una somma complessiva di 50mila euro così ripartita: per Passolanciano, 20mila euro alla Provincia di Pescara e 20mila a quella di Chieti; per Pescasseroli, 10mila euro alla Provincia di L’Aquila.

Dal Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso giunge l’impulso a predisporre celermente le adeguate contromisure per fronteggiare il freddo in arrivo: “E’ noto che le previsioni metereologiche preannunciano per i prossimi giorni precipitazioni nevose anche a bassa quota, quindi invito le amministrazioni provinciali a voler attivare tempestivamente le procedure necessarie per la messa in azione del Piano neve, sia utilizzando le proprie strutture organizzative sia avvalendosi della collaborazione di società o enti competenti nella gestione delle strade, compresi i mezzi della Protezione Civile”.

sospiri lorenzo 010715GRUPPO REGIONALE FORZA ITALIA

Comunicato del capogruppo Forza Italia (Regione Abruzzo) Sospiri su nuovo sit in dei dipendenti dell’azienda Maiella Morrone

La Regione Abruzzo ha assunto degli impegni chiari nei confronti dei dipendenti dell’azienda Maiella Morrone, ovvero il pagamento immediato di tutte le indennità, in singole quote mensili, e non in un unico importo, per metà prosciugato in tasse. E poi il riassorbimento veloce delle 65 unità, attraverso la Asp di Pescara o appaltando i servizi a cooperative o con la costituzione di un’Unione dei Comuni. Oggi è trascorsa una settimana da quella decisione, approvata dall’intero Consiglio regionale, e non uno degli impegni è stato rispettato, tanto da spingere i dipendenti a un nuovo sit in di protesta, segno dell’inadeguatezza del governo regionale Pd, lontano dal territorio e dai cittadini, che vedono violati i propri diritti essenziali”. A dirlo è stato il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri in riferimento alla nuova protesta annunciata dai dipendenti dell’azienda Maiella Morrone.

Ormai siamo dinanzi a un ‘balletto’ sconfortante, oltre che desolante – ha commentato il Capogruppo Sospiri -: i dipendenti, ridotti alla disperazione, continuano a manifestare per rivendicare i propri diritti, primo fra tutti quello di essere pagati a fronte di un lavoro svolto. L’assessore delegato Sclocco e il Governatore D’Alfonso non perdono occasione per dire che ‘è tutto a posto, e che la crisi è risolta’, e non è così. Appena sette giorni fa, nel corso di una seduta straordinaria del Consiglio regionale chiesta da Forza Italia, abbiamo avuto modo di ripercorrere le tappe essenziali che hanno determinato la grave crisi dell’azienda, ma soprattutto di approvare un documento che ha impegnato la giunta regionale ad adottare misure chiare almeno per dare garanzie ai 65 dipendenti, ossia procedere immediatamente al pagamento del debito maturato nei confronti dei lavoratori, disponendo anche delle risorse necessarie, e individuare soluzioni legali per il riassorbimento delle 65 unità in un nuovo soggetto gestore, ente privato o pubblico, come avviene per i restanti 34 ambiti, soluzioni che potevano e dovevano già essere individuate da mesi. La giunta D’Alfonso ha la possibilità di appaltare i servizi sociali a cooperative, o a un’unione di Comuni, o a un’azienda speciale consortile che possono tranquillamente riassorbire il personale di una società fallimentare; o ancora la giunta D’Alfonso ha la possibilità di far ricorso alla legge regionale 17 del 2011 di riforma delle ex Ipab, che consente agli Enti locali di sciogliere le proprie società e far confluire le relative attività nelle Asp, delegandole alla gestione dei servizi sociali. Il documento, predisposto e proposto da Forza Italia, discusso in aula, è stato approvato ma oggi di nuovo, a sette giorni di distanza, i dipendenti sono costretti a scendere in strada, perché non uno degli impegni è stato rispettato. Il pagamento delle prime cinque mensilità in un’unica soluzione ha sostanzialmente determinato la perdita di una indennità, bruciata in tasse; e soprattutto i lavoratori continuano a non sapere quale sarà il loro futuro, né è stato individuato o nominato il gruppo di lavoro che dovrebbe occuparsi ventiquattro ore su ventiquattro della vertenza, tanto che – ha ricordato il Capogruppo Sospiri – gli stessi dipendenti chiedono l’ammissione all’interno del presunto team dei propri rappresentanti, per poter effettivamente seguire l’iter del procedimento. Ovviamente noi siamo favorevoli alla presenza dei dipendenti nel gruppo di lavoro, ma soprattutto vogliamo sapere quali passi in avanti la Regione-Pd ha compiuto in merito alla crisi dell’azienda Maiella Morrone negli ultimi sette giorni”.

Pescara, 17.11.2015

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

abruzzo regione logo

Questi i principali appuntamenti di Luciano D’Alfonso per mercoledì 18 novembre:

- ore 9:30 a SCUTARI, visita alla Comunità S. Francesco Saverio di Scutari con Padre Pino Piva (conosciuta come comunità dei Gesuiti);

- ore 16:20 a TIRANA, all’aeroporto, partenza per Pescara;

- ore 18:30 a PESCARA, nella sede della Regione in viale Bovio n. 425, seduta di Giunta Regionale.



 

abruzzo provincie

I principali appuntamenti di Luciano D’Alfonso martedì 17 novembre:

- ore 8:00 a PESCARA, il Presidente Luciano D'Alfonso si recherà nella sede RAI in via E. De Amicis a Pescara;

- ore 8:30 a CHIETI, negli Uffici del Sindaco in corso Marrucino, incontro avente ad oggetto "Adesione al Piano d'Azione e di Coesione (PAC) 2015. Comunicazione termini di conclusione e pagamento interventi nell'ambito del POR FESR 2007-2013". Sono stati invitati: il Presidente della Provincia Chieti e il sindaco del Comune di Chieti - parteciperanno, in rappresentanza dell'Ente Regione, il dott. Giovanni Savini, la dott.ssa Elena Sico, la dott.ssa Mariangela Tucceri e la dott.ssa Paola Angelozzi dell'Assistenza tecnica;

- ore 10:30 a TERAMO, nella sala Consiliare del Comune, conferenza stampa del Presidente della Regione Abruzzo Luciano D'Alfonso su due tematiche: 1) dieci interventi su frane nei comuni montani finanziati dal Ministero dell’Ambiente con una contribuzione di 3 milioni di euro; 2) stanziamento, da parte della Giunta regionale, di 10 milioni di euro per la messa in sicurezza degli edifici comunali a carattere strategico;

- ore 11:00 a TERAMO, nella sala Giunta, incontro avente ad oggetto "Adesione al Piano d'Azione e di Coesione (PAC) 2015. Comunicazione termini di conclusione e pagamento interventi nell'ambito del POR FESR 2007-2013". Sono stati invitati: i Presidenti delle Province L'Aquila e Teramo e i sindaci dei Comuni di L'Aquila e Teramo - Parteciperanno, in rappresentanza dell'Ente Regione, il dott. Giovanni Savini, la dott.ssa Elena Sico, la dott.ssa Mariangela Tucceri, la dott.ssa Paola Angelozzi dell'Assistenza tecnica e la Dott.ssa Sabrina Saccomandi;

- ore 14:00 a PESCARA, all’Aeroporto d’Abruzzo, volo per Tirana;

- ore 19:30 a TIRANA, nell’Ufficio del Primo Ministro, incontro con il Primo Ministro della Repubblica di Albania, Edi Rama, per l'avanzamento della strategia della Macroregione Adriatico-Ionica.

febbo sospiriFEBBO E SOSPIRI: SU SOCIALE E OSPEDALI “TRUFFA” AI DANNI DEGLI ABRUZZESI

Alle  famiglie spetterà pagare la loro quota sui ticket

PESCARA 16/11/2015 – “Il remake del film “Totòtruffa” in salsa abruzzese è firmato da D’Alfonso e Paolucci. Argomento principale della farsa sono i ticket socio-sanitari ma purtroppo si tratta dell’amara realtà e non di una pellicola cinematografica”. E’ quanto hanno dichiarato nel corso di una conferenza stampa i Conisglieri regionali di Forza Italia, Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri.

Il Presidente della Commissione di Vigilanza Mauro Febbo ha precisato: “Sono mesi che si parla dell’uscita dal commissariamento, ma non ci dicono quando avverrà, intanto l’assessore Paolucci ha portato a Roma un documento ignobile che certifica di fatto l’abbandono del sistema sanitario regionale. Il miglioramento dei livelli di assistenza (LEA) si riferisce al 2014 (6 mesi di governo Chiodi e 6 mesi di Giunta D’Alfonso) ma di fatto abbiamo perso una posizione rispetto al 2013 (giunta Chiodi). Con la riforma Lorenzin poi si colpirà duramente sia la sanità pubblica sia quella privata mentre dal punto di vista sociale saranno penalizzate fortemente le famiglie in difficoltà con la compartecipazione (ticket socio-sanitari). Dopo la nostra forte opposizione si è arrivati a un Regolamento (approvato con decreto del Presidente) che stabilisce come per il 2015 le spese (di Comuni e utenti) fossero a carico della Regione. Recentemente è stata inviata una circolare che di fatto vorrebbe superare il decreto stesso rimettendo tutto in discussione: in pratica si precisa che non è prevista la copertura della quota a carico dei cittadini. Siamo al paradosso. A 18 mesi dall’insediamento di D’Alfonso si è creata una situazione assurda, confusa, che ha già messo in serie difficoltà strutture come il San Giovanni Battista di Chieti o il San Francesco di Vasto che non riescono a pagare gli stipendi perché non ricevono i fondi dalla Regione che a sua volta non ha chiarito che tipo di liquidazione dovrebbero fare i Comuni”.

Il Capogruppo di Forza Italia Lorenzo Sospiri ha aggiunto: “Il pagamento delle prestazioni sanitarie si divide in tre parti, una a carico del servizio sanitario nazionale (Stato), una dei Comuni e una dell’utente. Con il regolamento approvato si è arrivati a ottenere che questa spesa fosse coperta al 100% dalla Regione onde evitare di gravare ulteriormente sulle amministrazioni, a rischio fallimento, e le famiglie in difficoltà. Il 30 settembre Paolucci scrive ai Comuni ricordando che saranno rimborsati per intero mentre i cittadini non dovranno pagare nuove quote. Se la situazione non fosse tragica sarebbe a dir poco ridicola, poiché con la successiva nota interpretativa, si dice che la Regione coprirà le quote di Stato e Comune ma la parte dell’utente resterà a suo carico. La truffa è servita. Ora mi chiedo: come faranno i cittadini a difendersi? Come faranno a sapere che una nota non può valere più della Legge? Questo è un vero e proprio abuso. Se vogliono cambiare il Regolamento, vengano in Aula e si assumano le loro responsabilità stabilendo che la gente dovrà pagare il ticket. Per quanto riguarda la riforma sanitaria, si preannuncia un’autentica sciagura per la nostra regione. A causa del decreto Lorenzin infatti saranno chiusi numerosi ospedali: Ortona, Guardiagrele, Sant’Omero, Atessa e di fatto Popoli; saranno declassati Giulianova, Sant’Omero, Atri, Sulmona, Castel di Sangro e Penne mentre strutture private come Villa Pini e Spatocco perderanno le attività chirurgiche”.             

A margine della conferenza stampa è intervenuto anche il Consigliere regionale Emilio Iampieri:  “E’ evidente come la realtà sia ben diversa da quella rappresentata dall’assessore alla sanità. Mi chiedo se per lui sia un successo portare a termine un piano sanitario del genere. Restiamo fortemente critici su questo progetto firmato da Paolucci e D’Alfonso e continueremo la nostra battaglia a difesa dei diritti dei cittadini”.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

COMPIONO UN OMICIDIO: ...

A causa della droga assunta per ...

MISSIONE PER DONNE

Sabato 25 novembre, ad Avezzano, ...

LADRI A PROCESSO

Ladri seriali finiranno sotto ...

CAMERA DI COMMERCIO ...

L’ufficio decentrato di Avezzano ...

IL "CAMMINO DI ZEFFIRINO"

Domenica 3 dicembre  ad ...

"SE CHIUDI TI COMPRO"...

Lunedì 27 novembre, alle 18.00, ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

MISSIONE PER DONNE

Sabato 25 novembre, ad ...

IL "CAMMINO DI ZEFFIRINO"

Domenica 3 dicembre  ...

"SE CHIUDI TI COMPRO"...

Lunedì 27 novembre, alle ...

RUBRICHE VARIE

MARSICA: NEBBIE

Un peggioramento delle condizioni ...

ABRUZZO: CLIMA INVERNALE

Si prevedono correnti d’aria a soffiare dai ...

SPORT

AVEZZANO: VITTORIA FUORI CASA

Vittoria fuori casa per ...

CALCIO - AVEZZANO – L'AQUILA: ...

1 – 1 per l'Avezzano: i ...