Politica

Questi i principali appuntamenti di Luciano D’Alfonso giovedì 10 dicembre:

- ore 8:30 a PESCARA, in viale Bovio n. 425, incontro con dr. Gianni Cordova Presidente L.A.A.D.;

- ore 9:00 a PESCARA, in viale Bovio n. 425, incontro di lavoro avente ad oggetto "Proposta intervento di manutenzione sulle opere di difesa del litorale marino di Pescara Sud - Specchio acqueo tra le Concessioni Mila, Ippocampo, Aurora, La Lucciola, Lido delle Sirene.” Sono stati invitati il Sindaco Alessandrini, il Dirigente Servizio Opere marittime e i legali rappresentanti delle concessioni Mila, Ippocampo, Aurora, La Lucciola, Lido delle Sirene;

- ore 14:00 a ROMA, nella sede del PD, riunione con i Presidenti di Regione PD;

- ore 17:00 a ROMA, a Palazzo del Quirinale, inaugurazione esposizione dei Presepi d'Italia allestita presso il Quirinale alla presenza del Presidente della Repubblica Prof. Sergio Mattarella;

- ore 19:30 a L’AQUILA, a Palazzo Silone, seduta straordinaria di Giunta regionale con il seguente o.d.g.: adozione delibera bilancio della Regione;

- ore 21:30 a ROCCASCALEGNA, nel palazzo polifunzionale in via Campo Boario, incontro pubblico con la cittadinanza organizzato dall'Amministrazione Comunale di Roccascalegna per presentare nuovi progetti, discutere delle problematiche che coinvolgono oggi la vita amministrativa dei piccoli centri e proseguire una fattiva collaborazione con la comunità, ascoltandone esigenze e accogliendone le proposte.

cinquestelle fotoMetanodotto Larino Chieti, ennesima opera contro gli abruzzesi. D’Alfonso NON perda tempo, il metanodotto può essere fermato!

IL PROGETTO: Presentato dalla Società Gasdotti Italia un anno fa,  Il Metanodotto “Larino-Chieti” attraverserà due regioni (Abruzzo e Molise) conivolgendo 3 province (Chieti, Pescara e Campobasso) e 26 comuni (In Abruzzo: Cupello, Furci, Monteodorisio, Scerni, Pollutri, Casalbordino, Paglieta, Lanciano, Castel Frentano, Orsogna, Poggiofiorito, Filetto, Casacanditella, Bucchianico, Casalincontrada, Chieti, Cepagatti, Rosciano, Pianella. In Molise:  Larino, Guglionesi, Montecilfone, Palata, Montenero di Bisaccia, Tavenna, Mafalda) per una linea lunga 113,7 KM.

La linea, sarà in gran parte parallela al già contestato “Elettrodotto Villanova-Gissi”.

L’opera connetterà tracciati già in funzione e si pone l’ulteriore obiettivo di connettere siti di stoccaggio già esistenti con altri in fase di progettazione, come ad esempio l’impianto in progetto “Poggiofiorito” in San Martino sulla Marrucina della Gas Plus o quello di S.Benedetto del Tronto a Nord e quello di Cupello a Sud. Il valore complessivo dell’investimento, che parte nel 2015 per finire nel 2021, è di 120 milioni di euro.  

Il procedimento autorizzativo è in fase di valutazione d’impatto ambientale, il progetto verrà discusso in sede di Comitato CCR-VIA il prossimo 15 dicembre. Diversi comuni, associazioni e gruppi politici hanno presentato osservazioni di parere negativo al progetto. (rispettivamente comuni di Bucchianico, Lanciano, Paglieta, Casacanditella, Castelfrentano, Orsogna, il gruppo consiliare M5S di Bucchianico, il comitato No Stoccaggio Gas Poggiofiorito e il Forum H2O).

PERCHE IL M5S E’ CONTRARIO ALL’OPERA?

“L’opera progettata sfiora numerosi centri abitati e nuclei abitati” commenta Sara Marcozzi “nonostante la scelta progettuale sia a norma di legge, riteniamo utile evitare la localizzazione del tracciato nella distanza minima consentita. L’esplosione del Gasdotto di Mutignano a Pineto dello scorso 5 marzo 2015 sembra non aver insegnato nulla alla classe dirigente di questo Paese” continua il Consigliere “cosa sarebbe accaduto se l’esplosione fosse avvenuta in un punto dalla densità abitativa più elevata?”.

E’ doveroso ricordare che lo scoppio avvenne a causa del cedimento della condotta e di un traliccio dell'alta tensione in prossimità della condotta stessa. L’innesco del gas rilasciato produsse un’esplosione che lambì alcune abitazioni, provocando gravi danni e il ferimento di undici persone che vivevano in prossimità della condotta.

Il tracciato in progetto interseca in numerosi punti il realizzando elettrodotto o altri già esistenti “l’effetto domina come già dimostrato da numerosi studi sarebbe pericolosissimo con eventuali conseguenze distruttive”.

Altro punto critico dell’opera è il passaggio in numero aree franose come il passaggio a ridossi dei Calanchi in Bucchianico, “ho depositato numerosi osservazioni al Comitato VIA” commenta Alfredo Mantini, Consigliere Comunale M5S a Bucchianico, “stiamo mettendo a serio rischio l’incolumità delle persone, tutti conoscono la fragilità del territorio”.

Il progetto si inserisce nello schema già analizzato della deriva petrolifera e mineraria che questo Governo sembra voler destinare a Regione Abruzzo. Il metanodotto potrebbe essere strettamente correlato agli impianti di stoccaggio previsti in San Benedetto del Tronto e Poggiofiorito. Il M5S aveva depositato e fatto approvare due risoluzioni che hanno attivato ricorsi al TAR contro tali opere.

“Il Presidente D’Alfonso, in questa fase ancora progettuale non ha scuse, la politica attraverso i tecnici che ha nominato in CCR-VIA tuteli il territorio dalle opere inutili che stanno invadendo la nostra Regione. Si tratta di opere utili solo ai gestori degli impianti e non ai cittadini” commenta Sara Marcozzi “oltre le dichiarazioni sulla stampa e le leggi manifesto, mi aspetto che questa Giunta faccia tutto quanto in proprio possesso per bloccare questa opera inutile”.


d alfonso luciano 230214 rep 01FOSSA DI POMO, LA REGIONE SOLLECITA DI NUOVO IL GOVERNO

Con una nota inviata oggi il Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso e l’assessore regionale alle politiche della pesca Dino Pepe sollecitano il Governo – attraverso il Sottosegretario Sandro Gozi – e in particolare il Ministro della pesca Maurizio Martina a modificare l’articolo 6 del Decreto Ministeriale del 3 luglio scorso intitolato “Arresto temporaneo obbligatorio delle unità autorizzate all’esercizio della pesca con il sistema strascico – annualità 2015”.

Il 26 novembre l’associazione Armatori del Medio Adriatico, nel segnalare e documentare le gravi difficoltà delle marinerie interessate, ha rappresentato gli effetti negativi del decreto, che si sostanziano in un sensibile ridimensionamento dei quantitativi di pescato e nella riduzione di specie bersaglio, tra cui quelle più pregiate. L’associazione proponeva quindi una revisione dei termini del divieto, anticipando soluzioni da praticare, per ora, in forma volontaria, che potrebbero confluire nel tempo in un vero e proprio piano di gestione capace di determinare, ai fini della tutela degli stock ittici e delle opportunità riproduttive nell’area, effetti durevoli con il concorso responsabile degli stessi operatori.

Già il 27 luglio scorso – ricorda Pepe – con una nota indirizzata al Sottosegretario alla pesca, Giuseppe Castiglione, avevamo segnalato le criticità per la marineria abruzzese (condivise anche da una parte della marineria marchigiana) derivanti dal prolungato divieto di pesca imposto per l’area della Fossa di Pomo. Ora torniamo a sottolineare il problema: abbiamo spiegato che ‘ove dovesse permanere un divieto di pesca obiettivamente afflittivo per la categoria, aggravato da incomprensibili deroghe per chi esercita tipologie di prelievo che mettono seriamente a rischio i riproduttori, potrebbero determinarsi, con l’accentuazione di uno stato di crisi già oggi grave, sia ragioni di contenzioso non infondato che incresciosi disordini.Il tema è serio e delicato e merita certamente uno sforzo (politico e tecnico) di approfondimento concludente e risolutivo’. Su questi aspetti – conclude l’assessore – abbiamo una piena sintonia con le Regioni Marche e Molise, con le quali abbiamo deciso sin dall’inizio di muoverci in sinergia”.

paolucci 230714 serv 09L’ASSESSORE AL BILANCIO SILVIO PAOLUCCI SUI RILIEVI DELLA CORTE DEI CONTI

Per quanto riguarda la tempistica di approvazione del bilancio di previsione della Regione va ormai tenuto conto del necessario coordinamento tra legge di stabilità regionale e nazionale. Anche nel documento di prossima approvazione da parte del Parlamento è presente una modifica normativa e di registrazione contabile concordata dall'Abruzzo nel tavolo delle Regioni e con il Governo, che ci consentirà di utilizzare le economie in giacenza, tra le quali 237 milioni per le Asl. 

Sulle questioni relative al pregresso restano fermi gli impegni presi dall'attuale Governo regionale ma va di nuovo sottolineato che si sta ponendo rimedio ad anni di ritardi sul riallineamento dei documenti contabili. Per quanto riguarda la documentazione per i rendiconti 2013, depositata in data odierna, il termine del 9 dicembre era stato concordato con la stessa Corte.

Stiamo ponendo riparo ad una situazione che perdurava da tempo mettendo in campo un nuovo modello gestionale in modo da rispondere anche alle questioni sollevate dalla Corte dei Conti. Riallineeremo gli strumenti contabili nel 2017 ma va ricordata la tradizione di non accertare i residui che ha caratterizzato le ultime legislature.

Silvio Paolucci, assessore regionale al Bilancio

febbo mauro 180211 rep 06TAR SU OMBRINA, FEBBO A MAZZOCCA: CONTENTO LUI, GLI ABRUZZESI NO

L’AQUILA – “Capisco la posizione imbarazzante dell'ex assessore Mazzoca che cerca con ogni mezzo di far credere, in tutte le sedi, di essere contrario ad Ombrina ma, ormai, nessuno gli crede più poiché anche le pietre sanno che il nostro mare è stato svenduto al Governo Renzi con il silenzio assenso di D'Alfonso e parlamentari del Pd". E’ quanto dichiara il presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo replicando alle dichiarazioni di Mazzoca sulla data della sentenza del Tar del Lazio.

"Ancora più eclatante è imbarazzante - rimarca Febbo - è la manifesta soddisfazione di Mazzocca sulla data del 22 giugno in quanto il Tar del Lazio entrerà nel merito  ma non dice che bisogna aspettare 4 o 5 mesi per conoscere la decisione e le motivazioni della sentenza quando ormai Ombrina sarà già una  realtà. L'attuale sottosegretario ormai veste i panni da ventriloquo di D'Alfonso ma ancora più tristi sono le sue posizioni e le conseguenti affermazioni di contrarietà al progetto pensando che gli Abruzzesi credano ancora alle loro favole. Purtroppo - conclude Mauro Febbo - a giugno o meglio ottobre Ombrina sarà già realtà con l’assenso di questo Governo Regionale ormai vassallo di Renzi". 

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

MANIFESTAZIONE ELETTORALE

MANIFESTAZIONE ELETTORALE di ...

Scuole chiuse domani a ...

  Scuole chiuse domani a ...

Scuole chiuse all’ Aquila

Il sindaco Pierluigi Biondi ha ...

TACCUINO ELETTORALE

Domenica 25 febbraio, alle ...

CITTA' METROPOLITANA: ...

Su iniziativa del presidente ...

QUAGLIARIELLO: MENO ...

“C’è un’Italia che funziona, che ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

"LA SIRENETTA", FAVOLA AL ...

Domenica 25 febbraio, alle ...

PAZIENTI ONCOLOGICI: INCONTRO

Sabato 24 febbraio, dalle ...

NONNA AMELIA FA 108

San Giovanni Teatino: nonna ...

RUBRICHE VARIE

AVIS AVEZZANO: ASSEMBLEA

Convocata per il 24 febbraio alle 15.30 ...

LETTOMANOPPELLO: ...

  Nasce a Lettomanoppello uno sportello ...

SPORT

CALCIO: PESCARA – CREMONESE

Sabato 24 febbraio, allo ...

CALCIO, AVEZZANO: TERZO POSTO

4 i gol per l’Avezzano ...