Politica

febbo sospiri  1901

DISSESTO IDROGEOLOGICO, FEBBO E SOSPIRI: MAZZOCCA E D’ALFONSO MENTONO SAPENDO DI MENTIRE, FACESSERO FIRMARE LE CONCESSIONI

PESCARA – “Il Sottosegretario Mazzocca, e di conseguenza il Presidente D’Alfonso, mentono sapendo di mentire. Se è vero che le risorse ci sono e volessero smontare le nostre accuse li sfidiamo a far firmare oggi stesso le concessioni ai Comuni, evitando così di esporre i sindaci a contenziosi derivanti dagli eventuali debiti fuori bilancio. Ma sanno benissimo che l’atto,  di competenza della Direzione Lavori pubblici, non verrà mai validato dagli uffici competenti. Il perché è semplice: i fondi che servirebbero a contenere le numerose emergenze sul nostro territorio non sono disponibili”. E’ quanto dichiarano i Consiglieri regionali di Forza Italia, Mauro Febbo e Lorenzo Sospiri che replicano alle dichiarazioni del Sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Mario Mazzocca. “Inoltre, con le sue dichiarazioni – proseguono i Consiglieri di opposizione - Mazzocca non fa altro che confermare quanto abbiamo affermato: se è vero che i fondi contro il dissesto idrogeologico saranno attinti dalla nuova programmazione 2014-2020, vuol dire che sulla precedente non avevano previsto nulla mentre D’Alfonso aveva annunciato un intervento immediato (a marzo) e i Comuni si erano prontamente attivati per presentare i loro progetti. E se consideriamo che la nuova programmazione non è stata ancora approvata siamo ben lontani dal vedere quelle risorse a disposizione dei territori. Piuttosto Mazzocca – aggiungono Febbo e Sospiri – ci spieghi perché questo provvedimento, come tanti altri di questo esecutivo regionale, non è passato al vaglio del Servizio Bilancio e in questo modo solo successivamente scopriamo che non c’è la copertura finanziaria. E’ evidente ancora una volta che questa giunta regionale continua ad andare avanti solo con spot e annunci propagandistici. Altro punto sul quale il sottosegretario è oltremodo impreciso e tendenzioso – riprendono i Consiglieri di Forza Italia – riguarda il ruolo di Abruzzo Engineering, sul cui destino le intenzioni della Giunta Chiodi erano chiare visto che era stata messa in liquidazione. E’ evidente, trattandosi di fondi Fas relativi alla programmazione 2000/2006, che le responsabilità non possono essere di certo attribuite al centrodestra; i pagamenti sono relativi al periodo 2007/2008 quando a governare la Regione c’era Del Turco. Invitiamo Mazzocca a fare più attenzione prima di fare certe per difendere l’operato della 'sua' maggioranza che di fatto si traducono in un ipocrita tentativo di gettare fumo negli occhi degli abruzzesi”.

d alfonso

IMPIANTO SUPERDIMENSIONATO DI CASALINCONTRADA,

D’ALFONSO REVOCA LA COSITUZIONE IN APPELLO DELLA REGIONE

In merito all’impianto superdimensionato di smaltimento rifiuti di Casalincontrada, oggi pomeriggio il Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso ha dato mandato all’Avvocatura regionale di revocare la posizione di costituzione in appello contro la sentenza n. 221 del 21 maggio scorso emessa dal Tar di Pescara, che ha annullato il parere favorevole all’esclusione dalla procedura di Valutazione dell’impatto ambientale sul progetto presentato dalla società Edilizia Colonnetta per la realizzazione dell’impianto.

La decisione è coerente con la vocazione dibattuta e riconosciuta dell’area territoriale oggetto di intervento – ha spiegato D’Alfonso – al di là della difesa delle competenze del Comitato VIA che ha motivato in un primo tempo la struttura tecnica dell’Ente Regione a costituirsi in giudizio in una condizione di autonoma ponderazione degli interessi”.

di pangrazio giuseppe rep 10SETTIMANA POLITICA

(ACRA) – L’Aquila, 19 ottobre – La settimana politica all’Emiciclo inizia oggi, lunedì 19 ottobre, con la seduta della Commissione Speciale Immigrazione, che si riunisce alle 11.30 nella sala consiliare del Comune di Vasto, per discutere dell’accoglienza dei migranti in alcune strutture della provincia di Chieti. Martedì alle 10 la Quarta Commissione (Politiche europee) esaminerà il progetto di legge sulla valorizzazione dell’aeroporto d’Abruzzo e il programma europeo in materia di gioventù. Alle 12 la Conferenza dei Capigruppo stabilirà l’ordine del giorno della prossima seduta del Consiglio regionale, prevista per martedì 27. Interverranno in audizione anche i rappresentanti delle aree protette regionali. Mercoledì alle 10 è fissata la Commissione della Vigilanza, che si occuperà, tra gli altri argomenti, dell’acquisto del complesso La City e del protocollo d’intesa Regione-Tribunali. Alle 12, infine, il Comitato per la Legislazione discuterà dell’adeguamento della normativa regionale alle nuove disposizioni sull’armonizzazione dei bilanci e del progetto di legge sulle politiche di genere in Abruzzo. (f.f.)

abruzzo regione logo

Questi i principali appuntamenti di Luciano D’Alfonso per sabato 17 ottobre:

- ore 8:00 a PESCARA, se nelle condizioni di tempo, nell’Hotel Esplanade, XIII Annual Meeting 2015 - Congresso Urologia territoriale;

- ore 10:00 a PESCARA, nella sala blu della sede della Regione di viale Bovio n. 425, Conferenza stampa di illustrazione delle graduatorie riguardanti i progetti presentati per accedere ai finanziamenti della L.R. 77/2000 "Interventi di sostegno regionale alle imprese operanti nel settore del turismo". Saranno presenti il Presidente L. D’Alfonso, gli assessori Sclocco e Gerosolimo e il Direttore G. Zappacosta;

- ore 11:00 a PESCARA, all’Aurum, Repubblica delle idee 2015 - "Il prezzo della corruzione". Interverranno Marco Alessandrini, Luciano D'Alfonso e Carlo De Benedetti;

- ore 13:00 a MONTENERODOMO, nell’ Auditorium/oratorio Santa Maria Goretti, Convegno "Giuseppe De Thomasis, un intellettuale abruzzese protagonista in un mondo in trasformazione". Saluti di: Antonio Tamburrino, Mario Pupillo, Luciano D'Alfonso. Relazione di Marco Meriggi; interventi di: Luciano D'Amico, Raffaele Manfrellotti, Armando Vittoria, Raffaele Giannantonio, Giancarlo Zappacosta; lectio magistralis di Giovanni Legnini. Coordina Arnaldo Rossi.

 

GRUPPO REGIONALE FORZA ITALIA

sospiri lorenzo 010715

Comunicato del capogruppo Forza Italia (Regione Abruzzo) Sospiri sui ‘tecnicismi’ del sindaco Alessandrini sull’emergenza balneazione

Nella redazione di un’ordinanza non esistono ‘tecnicismi’: si scrive l’ordinanza e si mette la data del giorno in cui viene scritta, firmata e protocollata, perché le ordinanze non si possono ‘retrodatare’, salvo voler redigere un atto falso. La smettesse il sindaco Alessandrini a propinare improbabili tesi per giustificare una menzogna perpetrata per tre mesi ai cittadini, alle Istituzioni, finanche a un magistrato. Oggi, fra le tante sciocchezze dette in conferenza stampa, non ha pronunciato l’unica parola che la città si attendeva: dimissioni, le sue, quelle del vicesindaco Del Vecchio e, automaticamente, dell’intera giunta e maggioranza di governo. Dimissioni ormai ineluttabili per le quali è già cominciato il conto alla rovescia”. È questo il commento del Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri alla conferenza stampa odierna convocata in via d’urgenza dal sindaco Alessandrini.

Tanto rumore per non dire nulla, anzi, peggio, per tentare di convincere la platea della bontà e correttezza del suo operato, costellato da verità nascoste, bugie, omissioni e segreti – ha sottolineato il Capogruppo Sospiri -. La scena è stata la solita, quella di circondarsi, nella sala Giunta, dei ‘suoi’ uomini, il vicesindaco, qualche altro assessore e consigliere, questi ultimi con l’espressione titubante, pure loro, oggi, poco convinti di quello che racconta loro il sindaco stesso, affermazioni sempre border line, o meglio, affermazioni che oggi ci risulta molto difficile ritenere attendibili. E ovviamente, di ritorno da Zurigo, il sindaco-avvocato Alessandrini ne ha tirata fuori un’altra delle sue, forse maturata durante il breve volo in aereo: se ha retrodatato l’ordinanza, si tratta dopotutto di un ‘tecnicismo’ che, a detta sua, si può fare. Certo, adesso, dopo che l’ha detto Alessandrini siamo tutti più sollevati! Peccato che la legge dica tutt’altro: la legge non lascia spazio a tecnicismi né interpretazioni, anzi, è molto chiara: quando si viene a conoscenza di un inquinamento del mare, il sindaco ha il dovere di emettere immediatamente un’ordinanza per vietare la balneazione e di divulgarla nella maniera più ampia possibile, utilizzando tutti i canali di comunicazione, e, soprattutto, facendo installare i cartelli di divieto di balneazione. Il sindaco Alessandrini ha saputo dell’inquinamento il 31 luglio; per tre mesi ha affermato di aver fatto l’ordinanza di divieto, firmata il primo agosto, ma di aver scelto di non renderla pubblica. Due giorni fa abbiamo scoperto che ha sempre mentito, avendo dovuto confessare al magistrato di aver scritto l’ordinanza solo il 3 agosto, ma di averci messo la data del primo agosto, falsificando il documento, per far tacere le polemiche della politica. In altre parole, se il centro-destra non avesse sollevato il polverone, la popolazione non avrebbe mai saputo di aver nuotato per tre mesi tra le feci. Oggi scopriamo, grazie al sindaco-avvocato, che è possibile alterare le date delle ordinanze, metterci una data falsa, retrodatare o, a questo punto, anche posticipare una data, alla faccia della legge, delle norme e delle regole. E mentre lo diceva, la platea non sapeva se doveva ridere o piangere, pensando che a parlare era il sindaco, ossia il primo tutore della salute pubblica e il primo a dover rispettare le leggi dello Stato. In tutta onestà – ha detto il Capogruppo Sospiri – la misura è veramente colma: oggi dalla convocazione d’urgenza del sindaco ci aspettavamo una decisione di grande dignità, ossia annunciare con coraggio di aver sbagliato, chiedere scusa alla città e il prendere in mano la sua vita, accettare di farsi da parte, in attesa che la magistratura faccia il suo iter. In altre parole ci aspettavamo le dimissioni di un sindaco che ha mentito ai cittadini, e non certo uno che si metteva a rilanciare la palla, dicendo che, siccome nella vita ha fatto pure l’arbitro, è abituato a resistere anche agli insulti più beceri. Purtroppo qui non stiamo giocando una partita di pallone, né a biliardino, qui siamo di fronte a un sindaco che ha mentito ai suoi concittadini e che pensa di aver fatto bene a farlo, preparandosi, magari, anche a reiterare quel comportamento illegittimo se capitasse la stessa cosa, se ci fosse una nuova emergenza, se altri 30milioni di litri di feci dovessero riversarsi in mare, un sindaco, Alessandrini, che comunque non ritiene di dover allertare la popolazione dinanzi a un’emergenza di protezione civile. E questo non è né possibile né accettabile. Alessandrini deve dimettersi, e se non lo farà da solo, sarà la città a mandarlo a casa”.

Pescara, 15.10.2015

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

FINTO DIPENDENTE ENI

Si aggira tra i comuni marsicani ...

SCUOLA: SENTENZA STORICA

Gli insegnanti delle scuole ...

FIACCOLATA PER RIGOPIANO

Torna la tradizionale fiaccolata ...

LICEO CLASSICO PESCARA: ...

Liceo Classico Pescara: Con una ...

METEO: FINE SETTIMANA ...

Domenica 19 novembre, cielo ...

CANOSA SANNITA: MORTO ...

  È deceduto all’alba di ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

FIACCOLATA PER RIGOPIANO

Torna la tradizionale ...

IL "SERPIERI" VESTE... IL ...

Anche quest’anno scolastico ...

"PINOCCHIO" AL CASTELLO

Lunedì 21 novembre ad ...

RUBRICHE VARIE

METEO: FINE SETTIMANA ...

Domenica 19 novembre, cielo parzialmente ...

IMU e TASI 2017, saldo ...

Saldo IMU e TASI, istruzioni ministeriali: ...

SPORT

AVEZZANO: VITTORIA FUORI CASA

Vittoria fuori casa per ...

CALCIO - AVEZZANO – L'AQUILA: ...

1 – 1 per l'Avezzano: i ...