Politica

balducci alberto 300714 02

BALDUCCI REPLICA A FORZA ITALIA SULLA DIGA

FORANEA DI PESCARA

Destano perplessità le dichiarazioni degli esponenti pescaresi di Forza Italia Sospiri e Antonelli in merito al progetto di apertura della diga foranea. Quando erano maggioranza a Palazzo di Città hanno impiegato cinque lunghissimi anni per ottenere la Valutazione di impatto ambientale sul Piano regolatore portuale, ora si lamentano per qualche settimana di ritardo. Ritardo, è bene sottolinearlo, dovuto alla richiesta da parte del Consiglio superiore dei Lavori pubblici di ulteriore documentazione, che verrà presto fornita dal Comune di Pescara.

Inoltre, va ricordato che la Regione Abruzzo al 31 dicembre 2015 ha maturato Obbligazioni Giuridicamente Vincolanti su FSC per più di 580 milioni su 590 totali del programma. Un risultato eccezionale, maturato negli ultimi mesi del 2015, dopo che la precedente maggioranza di centrodestra aveva “dormito” arrivando a poche decine di milioni a giugno 2014. Infine, secondo quanto previsto dalla Delibera CIPE del 30 giugno 2014, n. 21, Punto 6.1, per i progetti che non hanno maturato l’OGV entro il 31 dicembre 2015 è prevista una decurtazione non del 10%, ma dell’1,5%.

Stiamo lavorando affinché si completi tutto l’iter del Piano regolatore portuale senza dover attendere i tempi biblici del centrodestra, per poter finalmente aprire la diga foranea come tutta la città ci chiede da mesi.

Alberto Balducci, vicecapogruppo del PD in Consiglio regionale

Sospiri e consiglieri Di Domizio e Ciuffi2

GRUPPO REGIONALE FORZA ITALIA

Comunicato dei capigruppo Forza Italia Antonelli (Comune Pescara) e Sospiri (Regione Abruzzo) su stop a procedura di Via per progetto apertura diga foranea

Tanto tuonò che piovve: come previsto due mesi fa, il Governatore D’Alfonso ha visto naufragare anche il progetto di apertura della diga foranea perché funzionale a un Piano regolatore portuale mai approvato, imponendo anche lo stop alla procedura di Via. Tradotto: per responsabilità del Presidente D’Alfonso, un vero ‘asino’, sotto il profilo amministrativo, abbiamo perso il 10 per cento del finanziamento ministeriale; se la procedura non sarà completata entro giugno perderemo il 50 per cento della somma, e il nostro porto perderà l’ultimo treno per il suo sviluppo. Quando due mesi fa avevamo ricordato le scadenze, ci aveva risposto il consigliere Pd Balducci, con il vicesindaco di Pescara Del Vecchio, affermando che le procedure attuate erano perfette, che non ci sarebbero stati problemi. Oggi il magnifico terzetto, D’Alfonso-Balducci-Del Vecchio, ha rimediato l’ennesima figuraccia che sconteranno i pescaresi”. A dirlo sono stati i capigruppo di Forza Italia al Comune di Pescara Marcello Antonelli e alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri in riferimento all’annuncio del blocco della procedura di Via sui progetti di apertura della diga foranea e di realizzazione della barriera soffolta.

Il Pd riesce a demolire tutto ciò che tocca, anche il progetto di apertura della diga – hanno osservato i Capigruppo Antonelli e Sospiri -: nel dicembre 2014 il Presidente D’Alfonso con la delibera numero 244 ha rimodulato i fondi Fas, la stessa delibera con cui ha stabilito di dare 1 milione di euro per il ponte del cielo, 1milione e mezzo per i Giochi del Mediterraneo, ha finanziato il rifacimento del sagrato della chiesa di San Giovanni Teatino, la Badia di Celestino V, e ha destinato 6 milioni di euro per le portualità di Pescara e Francavilla al Mare. Il 20 gennaio 2015, dunque 13 mesi fa, nel corso di una seduta del Consiglio regionale, abbiamo chiesto al Governatore come sarebbero stati divisi i soldi tra Pescara e Francavilla al Mare, e cosa avremmo fatto su Pescara. Il Presidente ci ha risposto che a Pescara andavano 3milioni e mezzo di euro destinati all’apertura della diga foranea e alla realizzazione della nuova banchina con una nuova vasca di colmata, che avrebbe anche consentito di dragare migliaia di metri cubi di sabbia dai fondali. Nel corso dei 13 mesi appena trascorsi abbiamo spesso dibattuto su a che punto fosse il nuovo Piano regolatore portuale. Lo scorso novembre abbiamo lanciato l’allarme, ovvero il nuovo Piano regolatore portuale non è mai arrivato, e la conferma l’abbiamo avuta dal viceministro alle Infrastrutture Nencini, il quale, in visita a Pescara, ha anche rimproverato il sindaco Alessandrini e il Presidente D’Alfonso, rivelando di essere ancora in attesa delle risposte e dei documenti del Comune in merito alle osservazioni formulate dal Governo nei mesi scorsi; dinanzi a tale ritardo, sempre a novembre, abbiamo avanzato il forte timore che i fondi Fas, che dovevano tradursi in obbligazioni giuridicamente vincolanti entro il 31 dicembre 2015, rischiavano di essere persi, a meno che qualcuno non avesse progettato l’opera di apertura della diga foranea senza renderla pubblica. Parliamo del progetto di apertura verso nord di 70 metri della diga foranea, che ha una base grande quanto un campo di calcio, e l’intervento prevedeva che, fatta l’apertura, si prendeva il materiale demolito e ci si costruiva una nuova barriera frangiflutti, lato Madonnina, per limitare l’azione delle correnti. In più sappiamo che il Ministero ha appaltato una ulteriore barriera soffolta a nord che dovrà impedire alla sabbia di entrare nel bacino. Tuttavia tutta l’opera, meritoria, è oggi incompatibile con il vecchio Piano regolatore portuale ancora vigente, non essendoci il nuovo; ma soprattutto sapevamo che un simile cantiere va sottoposto alla Via, la Valutazione d’incidenza ambientale, che richiede almeno 45 giorni di tempo, a meno che non intervenga un decreto del Consiglio dei Ministri a tagliare i termini; ma sicuramente, visto l’importo dei lavori, è necessario un bando di gara europeo, che richiede almeno 60 giorni di pubblicazione sul Bura. A dicembre scorso – hanno sottolineato i Capigruppo Antonelli e Sospiri – abbiamo appreso che il progetto c’era, ma solo dopo l’allarme lanciato da Forza Italia è stato iscritto all’esame della Commissione di Via. Ma senza aspettare i termini, Comune e Regione hanno annunciato la pubblicazione, il 21 dicembre, del bando di gara per cantierare il progetto esecutivo, quindi senza attendere, come impone la legge, l’esito della Via. Dinanzi ai dubbi e alle perplessità che abbiamo sollevato, si è alzata la barriera del Pd, con Balducci e Del Vecchio pronti a fare muro a protezione del loro Presidente, bollando come ‘sciocchezze’ e disinformazione i nostri quesiti. Oggi siamo al solito disastro, una figuraccia per il Presidente D’Alfonso e per tutta la città: è stata bloccata la procedura di Via per il progetto di apertura della diga foranea perché, come previsto, non è stato approvato il nuovo Piano regolatore portuale, in ritardo di un anno, e l’opera è incompatibile con il vecchio Piano vigente. Tradotto in numeri, questo significa che intanto abbiamo perso il 10 per cento dei fondi Par-Fas disponibili, perché non sono state assunte le obbligazioni giuridicamente rilevanti entro il 31 dicembre passato; e se le procedure non arriveranno a conclusione entro giugno, perderemo ancora il 50 per cento dei fondi rimasti, senza considerare il danno per la nostra portualità, declassata, mortificata, penalizzata da un Governo di incapaci. Ora vogliamo vedere le carte, non ci interessano le chiacchiere inutili di Balducci, Del Vecchio e dei loro quattro amici al bar, ora vogliamo vedere gli atti per impedire che il nostro porto muoia definitivamente e vogliamo sapere quali saranno le conseguenze dell’odierno blocco alla gara d’appalto per la diga, i cui termini sono scaduti lo scorso 25 gennaio”.

Pescara, 02.02.2016

Capogruppo Forza Italia

Comune di Pescara

Marcello Antonelli

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

pescara municipio 110812 rep 06

 

Verrà depositata domani, in due testi, la proposta di legge per la ‘Nuova Pescara’ ( che prevede la fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore).

Due i testi che saranno depositati, contenenti due diversi percorsi di integrazione, su cui saranno chiamati a decidere, sulla base di un attento dibattito, la commissione consiliare competente e dunque il Consiglio regionale. Accanto al processo di fusione dei tre Comuni, prevista una Conferenza del Sistema Urbano di Chieti e Pescara. Sarà istituita un’assemblea costitutiva formata dai tre consigli comunali, con un Comitato per la fusione composto dai tre sindaci e dal Presidente della Regione, che si metteranno subito al lavoro.

sospiri lorenzo 010715

Le procedure amministrativo-burocratiche necessarie per garantire, a un cittadino affetto da celiachia, il diritto alla salute e all’erogazione dei buoni pasto vanno assolutamente modificate. La denuncia lanciata attraverso i giornali dal signor Nicola Di Luca, costretto a perdere giorni di lavoro, e a fare il pendolare da un reparto all’altro della Asl per ottenere ciò che spetta alla sua bambina di dieci anni, deve suonare come un campanello d’allarme per il Governo Pd che non si accorge di disfunzioni macroscopiche. Stamane ho depositato in Regione la richiesta al Presidente Olivieri di convocazione della Va Commissione su tale problematica, seduta che si svolgerà il prossimo 4 febbraio al fine di individuare una soluzione immediata ed efficace”. Lo ha detto il Capogruppo di Forza Italia alla Regione Abruzzo Lorenzo Sospiri intervenendo sulla vicenda.

La storia del signor Di Luca – ha detto il Capogruppo Sospiri – è emblematica di un sistema sanitario che, nonostante le belle parole, continua a colpire i più deboli, le famiglie, i lavoratori, i bambini. Il signor Di Luca ha diritto, per la sua bambina, ai buoni pasto per i malati celiaci, ovvero ai buoni necessari per ottenere gratuitamente almeno una parte dei pasti senza glutine disponibili, fino a poco tempo fa, solo nelle farmacie, anche se oggi, fortunatamente, visto anche il diffondersi della patologia cronica, sono nati punti vendita specializzati. Ma i costi dei prodotti specifici comunque restano elevati. Purtroppo il signor Di Luca, e come lui altre migliaia di malati, sono costretti a girovagare per giorni tra i vari reparti del proprio ospedale di riferimento per ottenere firme, timbri, certificazioni e autorizzazioni che oggi si potrebbero rilasciare semplicemente utilizzando la pec, la posta elettronica certificata, alleviando sicuramente il disagio dei malati, o, nel caso di bambini o anziani, anche dei congiunti che, necessariamente, devono assentarsi dal lavoro per provvedere al necessario. I pazienti potrebbero inoltrare le loro richieste tramite mail e la Asl potrebbe concedere i propri nulla osta con la Pec, consentendo, dunque, al paziente di spostarsi una sola volta, magari per il ritiro materiale dei buoni pasto, evitando la rincorsa tra il reparto di pediatria, il Cup, l’Ufficio Prevenzione e Igiene pubblica e la farmacia dell’ospedale. E questa variazione procedurale va subito esaminata e codificata dalla Regione Abruzzo che, anziché preoccuparsi di come allontanare il cittadino dalla sanità pubblica chiudendo ospedali e reparti, dovrebbe preoccuparsi di come rendere la sanità pubblica più facilmente accessibile da parte dell’utente. Stamane ho trasmesso la richiesta di convocazione della Va Commissione regionale al Presidente Olivieri, prevedendo come oggetto la ‘Variazione delle procedure burocratiche per la richiesta dei buoni pasto per i soggetti affetti da celiachia’. La seduta – ha aggiunto il Capogruppo Sospiri – si terrà giovedì prossimo, 4 febbraio, e già per quella giornata dovremo dare una risposta concreta al signor Di Luca e a tutti i malati di celiachia costretti ad affrontare la sua stessa odissea”.

Pescara, 01.02.2016

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

d alfonso

Dichiarazione del Presidente della Giunta regionale Luciano D’Alfonso

sul progetto di legge per l’istituzione del Comune di Nuova Pescara

Depositerò domani la proposta di legge recante “Disposizioni per l’istituzione del Comune di Nuova Pescara mediante fusione dei Comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore e della Conferenza del Sistema Urbano di Chieti-Pescara”, dopo le verifiche in corso nella giornata di oggi con il Servizio Legislativo e l’Ufficio finanziario del Consiglio regionale.

Sono due i testi che saranno depositati, contenenti due diversi percorsi di integrazione, su cui saranno chiamati a decidere sulla base di un attento dibattito la commissione consiliare competente e dunque il Consiglio regionale.

Con questa proposta vogliamo dare fondamento al rinascimento istituzionale dell’Area urbana vasta, che ha bisogno di una declinazione istituzionale in termini di ingrandimento collaborativo e cooperativo. Accanto al processo di fusione dei tre Comuni, prevediamo una Conferenza del Sistema Urbano di Chieti e Pescara, senza oneri per il bilancio della Regione. La fusione, che sarà monitorata da un Osservatorio tecnico che ne misurerà l’impatto e l’allineamento istituzionale in termini di efficienza, adeguatezza e appropriatezza sulla vita di imprese e famiglie, sarà avviata da subito con una forte cessione di competenze e di sovranità al costituendo Comune di Nuova Pescara nei settori dell’urbanistica, della pianificazione territoriale, della tutela dell’ambiente, dell’approvvigionamento energetico, della mobilità, della promozione turistica e in altri che sono individuati nel testo proposto.

Si istituirà da subito un’Assemblea costitutiva, senza ulteriori oneri per la finanza regionale e locale, formata dai tre consigli comunali, con un Comitato per la fusione composto dai tre sindaci e dal Presidente della Regione, che si metteranno subito al lavoro per determinare l’armonizzazione delle contabilità, delle strutture e dei sistemi informativi.

Da domani i due testi saranno a disposizione per generare un dibattito intenso e una gravidanza plurale tra consiglieri, commissioni e Consiglio regionale per confezionare la migliore proposta possibile.

Luciano D’Alfonso, Presidente della Giunta regionale

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

Scioglimento Consiglio ...

 scioglimento Consiglio ...

Presentazione XXI Premio ...

Di Germana D'Orazio Maria ...

LEGA: LA SITUAZIONE IN ...

La somma di due dichiarazioni, ...

MARTINO: "CORREREMO DA ...

“Basta con i veti, basati su ...

CALCIO: ORDINANZA CHIETI

Per motivi di ordine pubblico e ...

MARSICA: EVENTI D'AGOSTO

A San Benedetto dei Marsi, ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

ABRUZZO: ARTIGIANATO ...

Sono 1.390 gli occupati ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

CULTURA

MARSICA: EVENTI D'AGOSTO

A San Benedetto dei Marsi, ...

MANIFESTAZIONI A TAGLIACOZZO

“Una sera qualunque” è il ...

"NOTTI DEI DESIDERI" IN ...

L’Abruzzo sotto le ...

RUBRICHE VARIE

TEMPO DI MEZZA ESTATE

Dalle previsioni meteo per l’Abruzzo, nel fine ...

TEMPORALI IMPROVVISI

Un campo di alta pressione di matrice ...

SPORT

SILVI MARINA: TRIATHLON

Grande attesa: domenica 12 ...

NUOVA LEVA DELL'ANGIZIA

Ci sarà ...