Politica

Sospiri e consiglieri Di Domizio e Ciuffi2GRUPPO REGIONALE FORZA ITALIA

Comunicato del capogruppo Forza Italia (Regione Abruzzo) Sospiri e amministratori di Cepagatti su conferenza stampa odierna su ‘Vasche antiesondazione: opere e vincoli’

Finanziate e avviate, si spera, le opere antiesondazione sull’asta Aterno-Pescara, con la realizzazione di 5 vasche naturali sui territori di Rosciano e Cepagatti, che comunque causeranno una perdita a carico dei due comuni, la Regione deve ora operare per vincolare in maniera perenne le aree ancora libere lungo l’intero asse, al fine di impedire ulteriori e future cementificazioni. A tal fine lunedì depositerò un emendamento alla legge approvata un mese fa per vietare ogni genere di edificazione, sia residenziale che commerciale, sulle superfici poste sino a 150 metri dalle sponde e dagli argini. In altre parole, fatte le vasche di compensazione, a nessuno venisse in mente di autorizzare altri palazzi o centri di distribuzione, com’è già avvenuto in passato a Spoltore, Chieti, Manoppello o San Giovanni Teatino. Sono certo che il Pd non potrà che sottoscrivere e approvare tale norma a tutela dell’intera regione”. A dirlo è stato il Capogruppo di Forza Italia, alla Regione Abruzzo, Lorenzo Sospiri nel corso della conferenza stampa odierna convocata sul tema, alla presenza dei due consiglieri comunali di Cepagatti Paolo Di Domizio e Monica Ciuffi.

Nei giorni scorsi il Governatore D’Alfonso è riuscito a sbloccare l’iter di un progetto iniziato con il Governo Chiodi, ossia la realizzazione delle 5 vasche o bacini di laminazione, ossia le vasche di espansione, per permettere al fiume Pescara di esondare in occasione delle piene ventennali, trentennali e cinquantennali, un’opera – ha spiegato Sospiri – oggi obbligatoria perché nel tempo molti Comuni che corrono lungo l’asta hanno cementificato le aree naturali di esondazione e tutti ricordiamo gli effetti su Pescara dell’alluvione del 2 dicembre 2013, quando è stato necessario evacuare l’intero quartiere di Villaggio Alcyone e l’acqua ha invaso la golena sud e quella nord. Ora il progetto prevede la realizzazione di quelle vasche negli abitati di Rosciano e di Cepagatti perché, paradossalmente, sono stati i Comuni più virtuosi, ossia i soli due Comuni che hanno lasciato correttamente libero il territorio a ridosso del fiume. Le vasche vengono dunque realizzate, e, dovendo acquisire i terreni necessari per le opere, ciò accadrà tramite una legge che stabilisce la Servitù di allagamento, ovvero non ci saranno espropri, anche per evitare il rischio di contenziosi che avrebbero allungato i tempi di cantiere con il rischio di perdere i 54milioni di euro di finanziamento, dunque i terreni, tutti di natura agricola, non verranno tolti ai proprietari, ma ci sarà solo una servitù e i proprietari potranno continuare a coltivarli, imponendo, però, comunque delle limitazioni, ossia dei danni. Personalmente ho però fatto approvare due emendamenti alla legge 7 del 2010, ratificata un mese fa circa, per garantire comunque un indennizzo nei confronti dei Comuni e dei cittadini che sono stati bravi, e dunque non hanno cementificato come a Manoppello o Spoltore, né hanno fatto opere folli come a Pescara con la diga foranea: con il primo emendamento abbiamo previsto un ristoro per i proprietari dei terreni, che andrà da un minimo del 40 per cento del prezzo di mercato sino a un massimo del 75 per cento, a seconda se la superficie andrà a ospitare la vasca, o l’argine o solo la strada di accesso alla vasca. Con il secondo abbiamo previsto per i Comuni virtuosi, ossia Rosciano e Cepagatti, il pagamento di un ristoro consistente nella realizzazione di opere di mitigazione delle criticità idrauliche, idrogeologiche e ambientali. Ora però – ha proseguito il Capogruppo Sospiri – dobbiamo guardare al futuro, ossia garantire che quello che è avvenuto in passato, ovvero la cementificazione selvaggia delle sponde del fiume, che oggi ha reso necessario le 5 vasche, non accada mai più. Quindi non possiamo pensare di togliere tra i 50 e i 100 ettari a Cepagatti e Rosciano, e poi autorizziamo Megalò 2 o 3, o cementifichiamo ancora sulla sponda di Manoppello o autorizziamo un altro complesso residenziale lungofiume a Spoltore, rendendo inutile il sacrificio dei cittadini di Rosciano e Cepagatti. Oggi abbiamo il dovere di vincolare per sempre le aree a ridosso dell’asta fluviale e, a tal fine, lunedì depositerò un emendamento alla legge con il quale stabiliamo che sulle aree a 150 metri dalla linea di confine dell’area di rischio per fenomeni alluvionali, non si potrà mai più costruire, una norma che andrà applicata su tutti i comuni, come Chieti, Spoltore, Manoppello, San Giovanni Teatino e Pescara. Il Pd non potrà che sottoscrivere e votare la mia proposta di legge, che rappresenta solo il completamento del lavoro del Governatore D’Alfonso nell’assegnazione dei 54milioni di euro di finanziamento. È nostro dovere mettere in sicurezza l’asta fluviale per i prossimi trent’anni, le aree libere devono restare libere per sempre. Se non ci sarà l’approvazione della norma – ha commentato ancora Sospiri – evidentemente dovrò rivedere il mio giudizio e la mia posizione sull’intera operazione del Governatore D’Alfonso, ricordando che, ovviamente, i Comuni e i cittadini di Cepagatti e Rosciano non sono contenti di vedersi sottratti centinaia di ettari di terreno, ma sono comunque consapevoli della necessità di fare un sacrificio, purchè ne valga la pena”.

Pescara, 11.11.2015

Capogruppo Forza Italia

Regione Abruzzo

Lorenzo Sospiri

CONSIGLIO REGIONALE, FEBBO E SOSPIRI: SU ARAP E GARANTE DETENUTI MAGGIORANZA ANCORA DIVISAfebbo sospiri  1901 

L’AQUILA – Il Presidente della Commissione di Vigilanza, Mauro Febbo e il Capogruppo di Forza Italia, Lorenzo Sospiri hanno rilasciato la seguente dichiarazione in meiro alla seduta di ieri del Consiglio regionale: “La crisi ferragostana interna alla maggioranza di centrosinistra continua e si evidenzia con maggiore frequenza, come oggi. Dopo 18 mesi di mancati tentativi di ricostituire il Cda dell’Arap, per mancanza di condivisione gestione del sistema idrico, evidenziando una diversità di vedute tra l’assessore competente, il vice presidente Lolli e il presidente D’Alfonso che si è tramutata in una mancata individuazione dei 2 membri spettanti alla maggioranza (mentre la minoranza aveva indicato il dott. Giuseppe Savini), si è arrivati inevitabilmente al Commissariamento. E’ apparsa ancora piu’ palese la frattura interna alla maggioranza, sulla scelta del nome del Garante dei detenuti: D’Alfonso proponeva, sapendo di non avere i numeri, la candidatura di facciata (così come denunciato durante lo scorso Consiglio regionale) di Rita Bernardini e per ricompattare la sua maggioranza andava allo scontro “volgare” e inopportuno con il centrodestra. Oggi la conferma delle divergenze interne alla maggioranza e le reali intenzioni di non nominare la Bernardini stessa si sono palesate con la richiesta fatta dall’ormai difensore d’ufficio, ex sottosegretario Camillo D’Alessandro, di rinviare la votazione.  Ora D’Alfonso avrà sulla coscienza il nuovo status di disoccupata della Bernardini che fidandosi, non conoscendolo, delle promesse si è dimessa dall’incarico di Partito”.

di nicola maurizio 150112 rep 02

Favorire ed incentivare le fusioni tra piccoli comuni con una popolazione inferiore a 5 mila abitanti, attraverso l’erogazione di sostegni economici da parte della Regione a supporto dell’Ente locale originato da questo processo, in aggiunta a quelli previsti dal Governo. Questo l’obiettivo del progetto di legge depositato in Consiglio regionale dal consigliere Maurizio Di Nicola (nella foto), sottoscritto anche dal neo assessore all’Associazionismo Territoriale, Andrea Gerosolimo.

 «È assolutamente necessario superare l’inadeguatezza dimensionale e la parcellizzazione dell’attuale sistema amministrativo locale presente anche nella nostra Regione» spiega Di Nicola, presidente della Commissione Bilancio «al fine di migliorare l’efficienza nell’erogazione dei servizi al cittadino".

acerbo maurizio 01Comunicato stampa
 
Ombrina: il governo PD è nemico degli abruzzesi e dell'ambiente
 
Quanto accaduto oggi a Roma non mi stupisce. Il governo Renzi se ne frega degli abruzzesi, dell'ambiente e della democrazia.
Il comportamento del Ministero è espressione dell'arroganza e della prepotenza che caratterizza un'esecutivo che ha messo le istituzioni al servizio dei poteri forti come mai era accaduto nella storia repubblicana.
Ora la battaglia si sposta sul piano dei ricorsi e degli esposti.
A chi ci aveva criticato per le contestazioni e i lanci di uova contro Renzi durante la visita a aquilana diciamo che i fatti confermano che avevamo fatto bene a individuare nel governo PD il nemico dell'Abruzzo.
A guidare l'ufo che sta per atterrare sulla costa dei trabocchi è il Presidente del Consiglio e segretario nazionale del PD.
 
Maurizio Acerbo, segreteria nazionale PRC-SE
 

d alfonso

Questi i principali appuntamenti di Luciano D’Alfonso per lunedì 9 novembre:

- ore 9:30 a PESCARA, incontro di lavoro per perfezionamento Patto per lo sviluppo dell'Abruzzo (Masterplan);

- ore 12:15 a PESCARA, nella sala Giunta del Palazzo di Città, riunione avente ad oggetto “Presentazione Preliminare Progetto Stadio Adriatico”;

- ore 16:15 a PESCARA, in viale Bovio n. 425, riunione programmatoria finalizzata alla riqualificazione e valorizzazione delle località sciistiche di Passolanciano e della Maielletta. Sono stati invitati: Sottosegretario alla Presidenza, Presidenti delle Province di Pescara e di Chieti, sindaci dei comuni di: Pretoro, Rapino, Serramonacesca, Lettomanoppello, Roccamorice; Direttori dei Dipartimenti regionali alle Opere Pubbliche e ai Trasporti e Turismo; Dirigenti regionali ai Trasporti e al Turismo; Responsabile Ufficio Infrastrutture funiviarie della Regione Abruzzo, il Presidente di Abruzzo Sviluppo;

- ore 18:00 a PESCARA, in viale Bovio n. 425, incontro con Luca Carapellotti, rappresentante degli studenti del Liceo Scientifico L. Da Vinci;

- ore 19:00 a PESCARA, in viale Bovio n. 425, riunione di approfondimento, convocata dal Consigliere C. D'Alessandro, relativa alle problematiche e alle prospettive dell'Aeroporto d'Abruzzo. Sono stati invitati: Nicola Mattoscio, Silvio Paolucci, Pierpaolo Petrucci, Maurizio Di Nicola, Luciano Monticelli.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

ANCORA SU ESPOSTO PIERO ...

Nei mesi scorsi, abbiamo parlato ...

CAMPUS PREMIATO

Facendo seguito al lavoro ...

SANTOMAGGIO: NESSUNA ...

Nessuna incompatibilità del ...

TELESPAZIO: RINNOVO ...

Ieri si è svolto lo scrutinio ...

CELANO PER LE DONNE

Anche quest’anno, come ogni 25 ...

SPETTACOLO PER AMATRICE

Si terrà giovedì 30 novembre, ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

RUBRICHE VARIE

MARSICA: NEBBIE

Un peggioramento delle condizioni ...

ABRUZZO: CLIMA INVERNALE

Si prevedono correnti d’aria a soffiare dai ...