Politica

febbo mauro 180211 rep 06

CONCORSI IN REGIONE, FEBBO : PROCEDURE INOPPORTUNE CHE CREANO FALSE ILLUSIONI

Co.co.co del Servizio rifiuti rispediti a casa perché mancano i fondi

PESCARA – “Ancora una volta avevo ragione, ancora una volta le procedure attuate da questo governo regionale si sono rivelate non solo inopportune ma soprattutto inefficaci. Questo avviene purtroppo sulle spalle di tanti lavoratori”. E’ quanto dichiara il Presidente della Commissione di Vigilanza Mauro Febbo puntando l’attenzione, come fatto già in passato, sul concorso bandito nel mese di febbraio scorso, per 12 posti di collaborazione presso il Servizio Gestione Rifiuti. “Avevo più volte contestato, tramite comunicato e in Consiglio regionale, la procedura attuata per stabilizzare quei lavoratori, non certo le loro competenze e professionalità, ma soprattutto avevo sottolineato che mancanza mancava la copertura finanziaria tant'è che purtroppo le persone assunte sono state rimandate a casa perché semplicemente mancano i fondi. Vengono confermate quindi le mie preoccupazioni e le mie denunce come del resto accadrebbe nel caso del dott. Franco Girardini che, se le indiscrezioni di quotidiano locale fossero confermate, sarebbe stato nominato quale “nuovo” dirigente del Servizio Ambiente della Regione Abruzzo a confutare le mie previsioni dei giorni scorsi (scritte e inserite in una busta chiusa)”.   

Un modo di agire inaccettabile – rimarca Febbo - come non si può accettare il modo in cui si era proceduto alla stabilizzazione dei lavoratori del Servizio Rifiuti  in quanto, con quel bando, si erano alimentate inutili e false illusioni in tantissimi giovani abruzzesi e non che avevo presentato la domanda per una procedura di cui già si conosceva l’esito. Si poteva tenere la stessa procedura seguita da altri settori che non sono passati tramite concorso, a dimostrazione, se ve ne fosse ancora bisogno, che in questa Regione vige la regola dei “figli e figliastri”, che vale sia per le città sia per i territori ma anche per dirigenti e per vari settori.  Questa era ed è la mia denuncia. Certamente alle migliaia di laureti che hanno fatto domanda e hanno visto che 11 su 12 dei vincitori del concorso sono gli stessi co.co.co, qualche dubbio potrebbe venire, o no???”.

abruzzo regione logo

CONSIGLIO ABRUZZO: LA SETTIMANA POLITICA

(ACRA) – L’Aquila, 11 gennaio - Dopo le festività natalizie la settimana politica all'Emiciclo riprende mercoledì 13 gennaio, con la seduta della Quarta Commissione (Politiche europee) convocata alle ore 10.30 per discutere della raccomandazione del Consiglio europeo sull'inserimento dei disoccupati di lungo periodo nel mercato del lavoro. Verrà esaminata la notifica alla Commissione Europea IMI riguardante le discipline delle attività di servizi. La Quarta Commissione inoltre si esprimerà per il parere sul progetto di legge riguardante la valorizzazione del patrimonio culturale immateriale della Regione Abruzzo,  sugli interventi a favore della conservazione dell’orso bruno marsicano e sulle disposizioni urgenti per la sperimentazione del reddito minimo garantito nei Comuni di Bussi sul Tirino, Castiglione a Casauria, Lettomanoppello, Manoppello e Tocco da Casauria, in Provincia di Pescara. Alle ore 12.00 di mercoledì è convocata anche la Terza Commissione (Agricoltura) che esaminerà il progetto di legge sulla promozione e tutela dell’attività di panificazione in Abruzzo ed esprimerà il parere sulla delibera di giunta regionale 1016/P riguardante l’approvazione del programma operativo 2015/2017 per le attività previste dall’articolo 18 comma 1, lettera a) e b) e dell’articolo 20 della legge regionale 20 agosto 2015 n.22,  (Legge Europea regionale 2015) ed istituzione del relativo Regime di Aiuto ai sensi degli articoli 22 e 27 del Regolamento Europeo n.702/2014. (m.f.)

febbo mauro 180211 rep 03

Cosa succede ai fondi del Piano di sviluppo rurale 2007-2013 non spesi dalla regione Abruzzo entro il 31 dicembre? L’accento posto nelle ultime settimane su questo tema dal consigliere forzista alla regione Mauro Febbo (nella foto), fa temere il peggio: che ben 35 milioni di euro possano tornare a Bruxelles. Fra questi, anche 6 dei 14 milioni che dovevano servire per riparare capannoni devastati dal sisma e aiutare le aziende del cratere sismico a rimettersi in carreggiata.

L’Abruzzo ha speso già oltre il 98 per cento delle risorse disponibili per l’agricoltura regionale – scrive in un comunicato l’assessore Pepe – È un risultato eccezionale, che si attesta al di sopra della media italiana che è di circa 97,7 per cento”.

 

alessandrini marco rep 250614 02Comunicato Armando Foschi – Pescara Mi piace – su adozione targhe alterne a Pescara

L’adozione odierna delle targhe alterne a Pescara ha avuto un unico effetto: quello di mettere in luce i 18 mesi di inadempienze della giunta Alessandrini. Per 18 mesi non sono state lavate le strade, disattendendo anche un’ordinanza in vigore dal 2009, e si ricomincerà solo la prossima settimana. Per 18 mesi non sono state né programmate, né tantomeno realizzate, infrastrutture capaci di alleviare gli effetti del traffico congestionato. Da 18 mesi la città naviga a vista con un assessore al traffico che per la mobilità ha riaperto al traffico isole pedonali favorendo lo smog. E oggi il sindaco Alessandrini se ne esce con le targhe alterne impedendo la circolazione di lavoratori che operano in periferia, dove i mezzi pubblici sono carenti, di genitori che non sapranno come riprendere i figli a scuola all’uscita pomeridiana e facendo elevare multe nulle perché non hanno installato la segnaletica verticale in città, obbligatoria per legge, un obbligo che non può essere bypassato con una semplice ordinanza. Oggi assistiamo all’ennesimo fallimento di un governo Pd incapace e inadeguato”. Lo ha detto Armando Foschi, membro dell’Associazione ‘Pescara – Mi piace’ commentando l’istituzione delle targhe alterne a Pescara a partire da martedì prossimo.

L’istituzione delle targhe alterne non avrà alcun effetto sulla qualità dell’aria di Pescara, specie quando non sono state previste alternative per consentire, comunque, la mobilità dei cittadini. In più le tante deroghe previste in coda all’ordinanza avranno solo l’effetto di rendere ancora più caotico il provvedimento, facendo una netta divisione tra privilegiati e sfortunati – ha osservato Foschi -, specchio di un sindaco incapace persino di fare una scelta politica di campo radicale, tirato dalla giacchetta da commercianti, ordini professionali, consiglieri comunali di maggioranza, Presidente di Regione, e segretari di partito. A rimetterci sarà la città, costretta a sopportare l’ennesima sperimentazione fallimentare: martedì saranno tanti gli utenti che non sapranno come muoversi, a partire da quei lavoratori-turnisti che, ad esempio, operano in aziende situate in periferia, come la Fater, mal servita dai bus urbani, e che non sanno come arrivare al posto di lavoro. Non solo: l’ordinanza firmata da Alessandrini non tiene conto degli orari differenziati adottati dalle scuole, e non si preoccupa, ad esempio, dei bambini delle scuole materne o elementari che escono al pomeriggio, alle 16 o alle 16.30, con centinaia di genitori in crisi perché non sanno come andare a riprendere i figli. Ma soprattutto, qual è il parere espresso sull’ordinanza dal comandante della Polizia municipale Maggitti? Nel documento, infatti, è espressamente previsto che l’ordinanza è valida ‘anche in assenza di segnaletica stradale, attesa la natura contingibile e urgente’, per cui risultano sufficienti gli avvisi fatti attraverso i comunicati stampa. Ora, l’installazione della segnaletica stradale per informare la cittadinanza di una modifica alla disciplina viaria è obbligatoria per legge e un’ordinanza non può certo bypassare o scavalcare la legge, né un comunicato stampa può considerarsi sostitutivo della stessa segnaletica perché i cittadini non hanno l’obbligo di leggere i giornali, mentre hanno l’obbligo di prestare attenzione alla segnaletica. Ciò significa che tutte le multe che saranno eventualmente comminate martedì e giovedì ad automobilisti ignari dei divieti saranno tutte annullabili. Fra l’altro un’ordinanza che resta in vigore per tre mesi, sino al 31 marzo in questo caso, e non per due giorni, ha evidentemente perso il carattere ‘contingibile e urgente’ che avrebbe giustificato un’iniziativa frettolosa, in altre parole il sindaco Alessandrini aveva tutto il tempo necessario per far installare i cartelli in città. Ancora una volta – ha osservato Foschi - assistiamo al triste spettacolo dell’approssimazione e dell’inadeguatezza amministrativa del sindaco Alessandrini e della sua giunta, che stanno facendo piombare Pescara in un pozzo buio senza fondo”.

Vi inviamo cordiali saluti

Pescara, 09/01/2016

Armando Foschi

salvini foto euroconic 050215CARO PEDAGGI, ‘NOI CON SALVINI’ PROPONE RICORSO AL TAR  IMPRUDENTE: “CONVOCARE SUBITO UN CONSIGLIO COMUNALE AD HOC”

L’AQUILA - La convocazione di un’assise comunale ad hoc, con un Ordine del giorno specifico, per ricorrere al Tar contro l’ennesimo aumento delle tariffe sull’A24/A25. I tre consiglieri comunali del gruppo ‘Noi con Salvini’ Emanuele Imprudente, Daniele Ferella e Luigi D’Eramo hanno già chiesto il parere all’Avvocatura comunale e non si fermeranno fin quando il Primo Cittadino e l’amministrazione comunale non presenteranno ricorso al TAR e, il Comune dell’Aquila, si farà capofila di un atto collettivo a difesa non solo degli aquilani costretti a utilizzare l’autostrada ogni giorno; ma anche di tutti gli altri comuni più piccoli interessati dal mega-aumento di pedaggio. “L’omertà che incombe su questa vicenda – attacca il Capogruppo Emanuele Imprudente – dovrebbe preoccupare tutti. Gli aumenti si ripropongono con scadenza ormai annuale, vengono autorizzati quasi in silenzio…e incidono sulle economie già precarie di moltissimi cittadini che percorrono la tratta interessata per piacere, per esigenze di lavoro o studio ma anche per chi lo fa per questioni di salute. Molti comuni nel corso di questi anni hanno tentato la strada del ricorso – prosegue Imprudente - chiamando a raccolta tutti gli Enti interessati ma in pochi hanno risposto. Ci auguriamo di riuscire, per una volta a fare sinergia, lasciando da parte personalismi, politica e campanile per fermare quello che secondo noi può essere definito un vero abuso. Chiediamo al sindaco – aggiunge - di condividere un percorso unitario mirato a presentare un ricorso al Tribunale Amministrativo Regionale per l’annullamento del decreto interministeriale che ha autorizzato gli aumenti delle tariffe autostradali sull’A24/A25; trasmettere gli intenti a tutti i comuni abruzzesi, alle Province e gli Enti Parco e chiedere agli stessi di avviare lo stesso iter. Questa è una battaglia – chiosa Imprudente – che bisogna vincere per evitare che l’isolamento già in atto nelle aree interne dell’Abruzzo non divenga irreversibile”.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

AVEZZANO: CORSA IN ROSA

Donne di corsa per ...

SPACCIO: UN ARRESTO

Avevano avviato una proficua ...

RINNOVO RSU ALLA ASL

La Uil Fpl si afferma nella Asl ...

"OFFICINE DELLA PAROLA"

Con il vescovo dei Marsi, Pietro ...

WEEKEND ... MITE

Persiste un campo anticiclonico ...

8 MILIONI GLI INCAPIENTI ...

Il Centro Giuridico del ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

RUBRICHE VARIE

WEEKEND ... MITE

Persiste un campo anticiclonico sull'Europa ...

In Italia quasi otto ...

7,25 miliardi di detrazioni che non vengono ...