Sport

RENATO CURI ANGOLANA vs PINETO (COPPA ITALIA) 1-1

Semifinale di ritorno della Coppa Italia di Eccellenza Abruzzo. La Renato Curi Angolana ospita il Pineto. Tatomir ritrova Fabio Lalli che parte dalla panchina mentre Donatelli deve rinunciare a Cacciatore squalificato e Pigliacelli infortunato. Termina 1-1, risultato che permette ai teramani di accedere alla finale di Coppa Italia del 3 gennaio. La cronaca del match parte al 1’ minuto di gioco La Selva imbuca Bordoni, conclusione a botta sicura poco sopra la traversa. Tre minuti dopo ancora Angolana protagonista. Farindolini entra in area, tiro che si stampa sul palo. Al 20’ l’Angolana passa in vantaggio. La Selva entra in area, mette in mezzo e Dragani si fa trovare pronto al momento del dunque. Il pareggio del Pineto arriva al 34’ minuto. Mischia in area di rigore, esce male Agresta e Antonini ne approfitta depositando la sfera in rete. Parità fino alla conclusione della prima frazione di gioco. Nella ripresa il primo acuto è a tinte nerazzurre. Dragani, al 54’ minuto, serve in area Farindolini che solo davanti a Cattenari tocca senza però imprimere la giusta forza, facile preda dell’estremo ospite. Al 76’ altra occasione ghiotta per l’Angolana. Dragoni mette in mezzo, Galasso a botta sicura trova la schiena di Maluku che salva sulla linea di porta. All’89’ Di Camillo rimedia il cartellino rosso per un fallo su N’Diaye. È l’ultima nota della gara. Il Pineto forte del 2-1 dell’andata accede alla finale di Coppa il prossimo 3 gennaio contro il San Salvo che si è aggiudicato il passaggio del turno contro la Vastese.

TABELLINO

RC ANGOLANA: Agresta, Ricci, Carpegna, Di Camillo, Mottola, Remigio, Bordoni (35’ Galasso), Cipressi, Dragani, La Selva, Farindolini (77’ Sichetti).

A disposizione: Giangiacomo, Balzano, Galasso, Sichetti, Angelozzi, Busiello, Lalli.

All. Alessandro Tatomir

PINETO: Cattenari, Camporesi, Maluku, Scartozzi (85’ Assogna), Stacchiotti, Fruci, Antonini, Francia, Orta, Rachini (46’ De Simone), N’Diaye.

A disposizione: Mazzocchetti, Assogna, De Simone, Ferretti, Pavone, Sorgentone, Vespa.

All. Giuseppe Donatelli

Arbitro: Roberto D’Amore (Sulmona)

Assistenti: Luca Marrone (L’Aquila) Andrea Marrollo (Vasto)

Ammoniti: Francia (P); Rachini (P); Dragani (A); Cattenari (P)

Espulso all’89’ Di Camillo

Reti: 20’ Dragani (A); 34’ Antonini (P)

ACQUA&SAPONE vs RENATO CURI ANGOLANA 1-1

Giornata numero quindici del campionato di eccellenza Abruzzo. L’Angolana sfida, in trasferta, l’Acqua&Sapone dell’ex Giuseppe Naccarella. Termina in parità, 1-1, il risultato finale. La cronaca del match parte al 4’ minuto con una punizione calciata da Dragani che impegna D’Amico. Al 15’ l’Angolana passa in vantaggio. Corner calciato da La Selva, spizza di testa Miani, raccoglie Mottola che al volo infila sotto l’incrocio dei pali. La reazione dei padroni di casa arriva al 20’ con il gol del pareggio. Agresta manca la sfera in uscita, Pagliuca è lesto a intercettare e spedire in rete il gol del pareggio. Risponde l’Angolana al 34’ minuto con Dragani che dalla lunga distanza prova il pallonetto a sorprendere D’Amico ma è reattivo l’estremo di casa deviando in corner un insidiosissima traiettoria. Nella ripresa la prima occasione arriva al 73’ minuto. Farindolini entra in area di rigore e a tu per tu con D’Amico spedisce la palla sul fondo. Sempre Angolana pericoloso due minuti più tardi. Sviluppi di un calcio di punizione, respinta della difesa di casa e sulla ribattuta arriva Mottola, prova la conclusione al volo ma solo uno strepitoso D’Amico riesce a togliere la palla da sotto il sette. La risposta dell’Acqua&Sapone arriva  79’ minuto. Colantoni entra in area di rigore, salta un difensore e calcia ma la conclusione è debole e centrale, facile preda di Agresta. Acqua&Sapone pericolosa anche al 86’ con una mischia furibonda in area nerazzurra, pallone vagante raccolto da Colantoni ma la deviazione sfiora il palo alla destra di Agresta. Un punto per parte che accontenta l’Acqua&Sapone ma che rende amaro il pomeriggio angolano.

ACQUA&SAPONE: D’Amico, Di Donato, Piccioni, Guardiani, Buonafortuna, Bassano, Musto (81’ Planamente), Colantoni, Del Gallo, Marrone, Pagliuca.

A disposizione: Angelosante, Erasmo, D’Alessandro, Palumbo, Minutolo, Planamente, Bardhi.

All. Giuseppe Naccarella

RC ANGOLANA: Agresta, Galasso, Angelozzi, Di Camillo, Motosa, Remigio, Dragani (81’ Agnellini), Sichetti, Miani (87’ Carpegna), La Selva, Bordoni (66’ Farindolini).

A disposizione: D’Andrea, Di Giacomo, Agnellini, Cipressi, Balzano, Farindolini, Carpegna.

All. Alessandro Tatomir

Arbitro: Cristiano Ursini (Pescara)

Assistenti: Andrea Marrollo (Vasto); Gerardo Boffa (Chieti)

Ammoniti: Angelozzi (A); Del Gallo (A&S);

Reti: 15’ Mottola (A); 20’ Pagliuca (A&S)

l aquila rugby-alessio cocchiaroL'Aquila Rugby Club lotta e cede nel finale al Lyons Piacenza

L'Aquila Rugby Club perde nel finale la sfida con i Lyons Piacenza, valevole per il settimo turno del campionato italiano d'Eccellenza. Cornice delle grandi occasioni al Fattori, che ha tifato per tutti gli ottanta minuti il XV neroverde. A fine gara dura contestazione del pubblico alla terna arbitrale: cori contro l'arbitro e la sicurezza che a stento riesce a contenere il pubblico all'ingresso del rettangolo di gioco, critico contro alcune scelte dubbie soprattutto nel secondo tempo.

L'Aquila entra in campo aggressiva e nel primo quarto d'oradomina il possesso, andando sul 6-0 grazie a due calci piazzati – frutto dei crolli in mischia chiusa dei Lyons – ad opera di Alberto Bonifazi, schierato oggi all'ala. I neroverdi spingono forte con il pack e rubano tre touche, ma nella seconda metà del primo tempo gli emiliani prendono coraggio, grazie alle penetrazioni di Samuel Ward – tra i migliori in campo – e segnano una meta tecnica. Alla mezz'ora è il momento peggiore per L'Aquila, che marca meta proprio con Ward per il 6-14. Il primo tempo si chiude con il terzo piazzato di Bonifazi e porta le squadre negli spogliatoi sul 9-14, non prima di un'altra punizione, fallita allo scadere di tempo.

Nella ripresa la gara si fa più confusa, anche per la voglia delle squadre in campo di portare a casa la vittoria. I neroverdi lasciano troppi break agli avversari, che si portano in attacco e permanendo a lungo nella ventidue aquilana, e andando in meta con la spinta in mischia. Un'altra punizione, però, porta il risultato sul 9-22. Nel momento del divario più ampio L'Aquila inizia a percuotere con pack e nel gioco alla mano. Al 65' bell'azione dei tre quarti neroverdi, con la palla che arriva all'esordiente Gianmarco Cialente, aquilano classe 1996, entrato qualche minuto prima, che marca la sua prima meta in Eccellenza.

Il finale è convulso, con una meta annullata all'Aquila per un avanti, una punizione – criticata dagli spalti – centrata da Thrower nel finale e la meta negli ultimi minuti di Danie Faasen. L'Aquila non riesce a vincere ma conquista il primo punto.

La squadra è molto giovane ed è in crescita. Il campionato sarà difficile e lungo, e servirà tutta la determinazione del gruppo per rimanere nel massimo campionato italiano di rugby.

L'Aquila, stadio “Tommaso Fattori” – Sabato 5 dicembre 2015

Campionato nazionale d'Eccellenza, VII giornata

L'AQUILA RUGBY CLUB – LYONS PIACENZA 23-25 (9-14)

Marcatori: p.t. 7' cp Bonifazi (3-0); 12' cp Bonifazi (6-0); 27' m. tecnica tr. Thrower (6-7); 31' m. Ward tr. Thrower (6-14); 33' cp Bonifazi (9-14); s.t. 51' m. Ward (9-19); 60' cp Thrower (9-22); 65' m. Cialente tr. Bonifazi (16-22); 77' cp Thrower (16-25); 79' m. Faasen tr. Bonifazi (23-25).

L'AQUILA RUGBY CLUB: Matzeu (51' Cialente), Erbolini (61' Panetti), Perju, Angelini, Bonifazi, Biffi, Faasen, Ceccarelli, Vaschi, Boccardo (73' Casolari), D'Onofrio (61' Gentile), Flammini, Badalicescu (61' Montivero), Marchetto, Tamba (61' Breglia).

A disposizione: Rettagliata, Carnicelli.

All.: Mercier.

LYONS PIACENZA: Thrower, Bruno, Subacchi, Forte, Albertin, Zucconi, Pasini (78' Via), Ward, Fornari, Ferrari (62' Cisse), Chiappini, Baracchi (60' Ortis), Carloni (65' Staibano), Daniele (41' Cocchiaro), Lombardi (51' Ferri).

A disposizione: Cammi, Montanari.

All.: Bertoncini.

Arbitro: Liperini (Livorno)

Cartellini: 28' giallo Flammini (L'Aquila); 31' giallo Baracchi (Lyons)

Man of the match: Angelini (L' Aquila Rugby Club)

Calciatori: Bonifazi (L'Aquila) 5/7; Thrower (Lyons) 4/5

Note: terreno pesante. Giornata fredda, spettatori 1500 (quota abbonati 300 ca.)

Punti conquistati in classifica: L'Aquila Rugby Club 1; Lyons Piacenza 4.

l aquila rugby-alessio cocchiaroLa corte sportiva d'appello annulla i 4 punti di penalizzazione all'Aquila Rugby Club

La Corte sportiva d'Appello della Federazione Italiana Rugby, presieduta dall'avvocato Achille Reali, ha accolto il ricorso dell'Aquila Rugby Club in seguito alla decisione del giudice sportivo in merito alla prima giornata del campionato italiano d'Eccellenza.

La penalizzazione di 4 punti al club neroverde, dunque, è stata annullata. Una buona notizia per la società e la squadra, alla vigilia della sfida contro i Lyons Piacenza di domani (ore 15) al “Fattori”.

La penalità era stata comminata in seguito all'esordio a Viadana, dove L'Aquila aveva schierato 4 giocatori stranieri in formazione. Secondo il giudice sportivo, nessuno dei quattro atleti ha giocato in Italia nelle due precedenti stagioni, nonostante Daniel Faasen fosse stato tesserato con in Italia negli ultimi due campionati. Lacorte d'appello ha invece accolto le ragioni dei neroverdi, assistiti dagli avvocati Lanfranco Massimi e Stefano Di Salvatore, che il club ringrazia per l'ottimo lavoro svolto.

“Siamo naturalmente soddisfatti della decisione del giudice – afferma il presidente Mauro Zaffiri – ci dà serenità per il proseguo del campionato. Abbiamo applicato il regolamento”.

“Ora tocca a noi dimostrare sul campo quanto valiamo – conclude il presidente – a partire da domani contro i Lyons Piacenza, dove ci aspettiamo che i tifosi diano una spinta in più ai ragazzi in campo”.

teramo palazzo provincia 110313 rep 02

Fiom Cgil e Fim Cisl di Teramo confermano le otto ore di sciopero degli operai della Fonderia Veco di Martinsicuro. La decisione e’ scaturita dall’incontro presso la Prefettura di Teramo, per cui oltre allo sciopero di domani e’ stato organizzato un presidio dei lavoratori davanti alla Prefettura di Teramo.
Sabato 5 dicembre, a Martinsicuro, ritrovo sul piazzale della ditta dalle 09.30 e corteo lungo via Roma fino a piazza Cavour. Alla base dello stato di agitazione ci sono le problematiche di carattere ambientale ed il rischio chiusura che delinea un futuro incerto per circa 80 lavoratori.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

TACCUINO ELETTORALE

Lunedì 19 febbraio, alle 17,00, ...

E... GLI "SPAZZINI"?

Prima si chiamavano, più ...

D'ALEMA AD AVEZZANO

Unica tappa abruzzese ad ...

TAR: SI AD ACCORPAMENTO ...

Il Tar dell’Aquila, con ...

SCIENTIFICO E LEGALITA'

Anche quest’anno i ragazzi del ...

IL CIELO DI DOMENICA

    Aumento deciso ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

RUBRICHE VARIE

LETTOMANOPPELLO: ...

  Nasce a Lettomanoppello uno sportello ...

L'AQUILA: APP DENUNCIA ...

Arriva anche all’Aquila ‘You Pol’, l’App che ...