rubriche varie

augustodibastiano

Qualche avezzanese si è rivolto al Centro Giuridico del Cittadino, presieduto da Augusto Di Bastiano (nella foto), lamentando il fatto che siano giunte a casa delle bollette del CAM, il Consorzio Acquedottistico Marsicano, risalenti al 2012. Pare che il consorzio voglia risalire a quell'anno per integrare alcune cifre che andrebbero aggiornate, sanate e quindi addizionate di altri soldi. Ma è giusto imporre una bolletta inerente il consumo di tre anni fa? E' un problema dell'utente (pagatore), al di là dell'ammontare della cifra, questo aggiornamento? E' giusto pagare una bolletta retrodatata (a meno che la mancanza non sia la nostra, a meno di aver evitato di pagare, a suo tempo, il dovuto?)... E poi, qualche tempo fa, non si era parlato del fatto che il CAM dovesse indietro delle cifre ai contribuenti, per il mancato funzionamento del famoso (o famigerato) depuratore?

Torna a far discutere l’argomento degli autovelox non sottoposti a tarature periodiche.

dispositivi elettronici non a norma sono stati oggetto di una contestazione davanti al Giudice di pace di Vasto. Lo scorso 31 agosto, il magistrato ha annullato una multa notificata a un conducente perché il Comune non è stato in grado di provare che il Velomatic 512 che ha individuato l’infrazione dell’auto fosse stato sottoposto a verifiche periodiche di funzionalità.

Nel caso in questione l’automobilista aveva sollevato tre motivi per impugnare l’a multa:

la mancanza di adeguata cartellonistica di preavvisola mancata visibilità degli agenti accertatori; la taratura dell’apparecchio di rilevazione della velocità. Tuttavia, solo quest’ultima eccezione è risultata decisiva per l’accoglimento del ricorso.

L’ordinanza è stata una delle prime dopo l’intervento della Corte Costituzionale che con una sentenza stabilisce un principio fondamentale: tutti gli autovelox vanno sottoposti a controlli, senza alcuna distinzione fra velox fissi e mobili. 

cavallo rai

Il governo vuole far pagare il canone tv con la bolletta dell’elettricità. Ma è una soluzione che separa imposta e fruizione del servizio. Per risolvere il problema dell’evasione basterebbe invece crittare le trasmissioni Rai. E si potrebbero così abolire anche i tetti pubblicitari.” Nel dettaglio si tratterebbe di riconferire “al canone Tv la natura di imposta associata all’effettiva fruizione del servizio”. Come? Utilizzando la tecnologia digitale e rendendo il servizio televisivo “escludibile”.

Dopo un lungo excursus sulla storia del canone per il servizio pubblico televisivo, dal regio decreto del 1938 che lo istituiva ai cambiamenti che hanno riguardato il mezzo televisivo e la sua fruizione nei decenni, Sabbatini, dell'Autorità Garatne, porta la sua proposta, ossia “tornare alla filosofia dell’originario regio decreto, riconferendo al canone Tv la natura di imposta associata all’effettiva fruizione del servizio. Peraltro, l’evoluzione tecnologica rende questa soluzione ben più facilmente perseguibile.

tari

Quest’anno non ci sarà l'imposta sulla prima casa per gran parte degli italiani, ma assisteremo, probabilmente, a un aumento dell'imposta sui rifiuti, la famigerata Tari. E questo perché, la legge istitutiva del tributo, al fine di non concentrare, in un solo anno, un notevole aumento delle tariffe, aveva previsto, solo per gli anni 2014 e 2015, un regime transitorio agevolato, con la possibilità di derogare i valori minimi e massimi dei coefficienti di produzione dei rifiuti (discostamento consentito di non oltre il 50%) e di non considerare, per le utenze domestiche, il numero dei componenti la famiglia (rendendo la Tari molto simile alla Tarsu).

Ora, però, le deroghe del periodo transitorio sono scadute e da quest’anno torna la regola generale. Cadendo la flessibilità sui coefficienti, le tariffe della Tari aumentano.

pescara citta

L'inquinamento del mare pescarese, specie lungo la riviera nord nel tratto fra via Balilla e via Mazzini, dipende in gran parte dal fiume. E' quanto dimostrato dalle analisi approfondite compiute in queste settimane dall'ARTA che ha analizzato sia campioni di acqua marina che di acqua fluviale, e studiato tramite complesse indagini i flussi delle sostanze inquinanti.

Durante il campionamento straordinario del 13 ottobre, tutti i tre punti di controllo lungo la riviera nord hanno mostrato valori che superano i livelli di legge per quanto concerne i batteri fecali.

L'attività di monitoraggio, che prevede analisi ogni 10 giorni fino a marzo, è frutto del protocollo d'intesa firmato da Arta, Capitaneria di Porto e Comune.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

MARTINSICURO: VERDE ...

Gli interventi più consistenti ...

Marinucci: "No al ...

Marinucci: "No al sottopasso al ...

SULMONA – METANODOTTO: ...

Il sindaco di Sulmona, Annamaria ...

ROSETO: INFILTRAZIONI ...

A Roseto degli Abruzzi, ...

PESCARA: LUNGOMARE CHIUSO

Il vice sindaco di Pescara, ...

AVEZZANO: MAROCCHINO ...

    Nella serata di ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

CORO "LE COLLANELLE": IL ...

Il cd del coro “Le Collanelle”, ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

CULTURA

PREMIO CROCE A PESCASSEROLI

Si sono conclusi oggi al ...

IN RICORDO DI DON MARIO

Sono passati tre anni dalla ...

LANCIANO: PROGETTO PER ...

E’ stato presentato, alla ...

RUBRICHE VARIE

WEEKEND: FARA' CALDO?

Si avvicina l’Estate e già sono al vaglio di ...

SCUOLE E AMBIENTE

Sta riscuotendo molto successo il progetto ...

SPORT

KICK BOXING: UN ORO

 Ha vinto l’oro ai ...

MARSICA CALCIO "REGIONALE"

L’Asd Marsica Calcio ...