rubriche varie

fucino

È ancora gravissima la situazione dei campi del Fucino dopo l’alluvione che si è abbattuta sulla Marsica provocando ingenti danni alle coltivazioni e alle strutture agricole.

Gli uffici di Coldiretti sono al lavoro per le opportune ricognizioni e stanno svolgendo i sopralluoghi dando anche soccorso agli agricoltori marsicani che, armati di caparbia e buona volontà, oltre che dalle necessità dettata dall’emergenza, sono tornati nei campi per far defluire le acque alluvionali e cercare di salvare le coltivazioni agricole con particolare riferimento a carote, patate, spinaci e altri orticoli caratteristici della zona.

Coldiretti L’Aquila ha depositato all’Assessorato Regionale all’Agricoltura la richiesta di riconoscimento dello stato di calamità naturale, evidenziando la gravissima situazione che imperversa nel Fucino.

confcommercio

«I consumi interni ripartono, seppure molto lentamente, ma la crisi del commercio non si arrende. Le tasse sono troppo alte, negli ultimi anni il 60-70% di quello che guadagni, va a finire lì». Questa la denuncia di Confcommercio Imprese Avezzano che suggerisce di fare una breve passeggiata nel centro di Avezzano per capire lo stato della crisi economica della città.

«Le vetrine definitivamente spente» commentano infatti dall’associazione di categoria «sono quelle che si trovano nel centro urbano. Ci si imbatte in decine e decine di locali vuoti, serrande abbassate e cartelli “affittasi”. È piacevole fare shopping in un centro città che ospita un negozio sfitto ogni quattro?».

«Abbiamo letto e scritto fin troppe parole sull’isola pedonale permanente. Il commercio nella nostra città» proseguono «è in ginocchio e non vogliamo celebrare il funerale a quelle poche imprese che ancora resistono nel centro urbano. 

piazza risorgimento

Via Mazzini, piazza Risorgimento, via Marconi, via Cavalieri di Vittorio Veneto, via Marcantonio Colonna e tante altre strade, pure centrali, di Avezzano, dopo l'ondata di maltempo del 14 ottobre scorso, rivelano adesso profonde crepe e segni di disgregazione nelle sedi dei marciapiedi, così come lateralmente ad essi, dove le caditoie si sono sfaldate e, qualcuna, già colma di detriti (come più volte riferito da "Marsicaflash"), è addirittura scoppiata. Il recente fortunale ha scaricato, lo ricordiamo, ine Capoluogo della Marsica come purtroppo, anche più gravemente, altrove, ondate funeste di pioggia torrenziale che, come fosse gettata a secchi, ha fatto sì che anche le coperture dei tombini di alcune zone della città saltassero in aria.

Speriamo che Chi di competenza se ne avveda, provvedendo al più presto al ripristino di ciò che la violenza meteorologica ha così vilipeso.

avezzano

Dietro al palazzo ex Saub ed ex ASL, ad Avezzano, su via XX Settembre, vi è uno spiazzo dedicato ai parcheggi ("gettonatissimo" soprattutto di sabato, quando c'è il mercato), ricoperto dalla ghiaia, mai asfaltato. Contenuto da via Lolli, via Mattei e via Vidimari, questo largo, pieno di avvallamenti, con le precipitazioni si riempie d'acqua. Qualche residente lamenta che, spesso, piccoli sassi schizzano via da questa sede ghiaiosa, perché schiacciati dalle ruote dei mezzi, andando a colpire altre macchine, causando pure danni alle carrozzerie. Giriamo a Chi di competenza sperando in un solerte ripristino.

rifiuti rep 03

Strada centrale che tocca via Camillo Corradini, vicinissima a piazza Risorgimento, che non ne può più delle immondizie gettate indiscriminatamente sul suolo che ad essa appartiene: parliamo di via Veneto, strada avezzanese che ospita un insieme di palazzine conosciute, piuttosto datate, eleganti e significative, insieme con diversi negozi "di grido". A questa strada non viene conferito l'onore che merita, perché buste, anche rotte, accompagnate da bottiglie di vetro, qualche volta integre, spesso in pezzi (pure pericolose!) sono disseminate sull'asfalto che la ricopre, in modo quasi dissacrante. Questo grande atto di inciviltà è iniziato in sordina, andando via via degenerando. Dapprima le buste erano poche e semi – nascoste: da qualche tempo la loro presenza è cresciuta a dismisura, con sfacciataggine, quasi fosse autorizzata e, in qualche modo, approvata. Ma non è così: i residenti (come tanti altri, in città, che subiscono l'angheria dell'immondizia gettata in strada), sono stufi. Ricordiamo che molti abitanti di Avezzano non hanno mai ritirato i mastelli per il conferimento della differenziata. Lo ridiciamo alle autorità.

in primo piano

  • Più Recenti
  • Più lette

FONDI EUROPEI: ...

FONDI EUROPEI: QUAGLIARIELLO, ...

RAPINO (PD):programma di ...

RAPINO (PD): “Rafforzare e ...

MARTINO “IN POLITICA ...

ELEZIONI MARTINO “IN ...

ANATRA ZOPPA: TUTTI ...

La decisione del Consiglio di ...

ORDINE DEGLI AVVOCATI: ...

Gli avvocati marsicani rivolgono ...

FIAMM – SIAPRA: ACCORDO

Premio di produzione per i ...

ORANTE BELLANIMA IN ...

Il Coro “Schola Cantorum San ...

ABRUZZO: SCUOLE SICURE

“Ho intenzione di destinare l’1% ...

MUSICA SACRA AD AVEZZANO

Sabato 6 AGOSTO, alle 21,00 ...

TRASPARENZA: indaga ...

Di Germana D'Orazio L'ex ...

Un’azienda agricola come ...

Un’azienda agricola come ...

L’ Azienda Agricola ...

L’ Azienda Agricola  ...

CULTURA

PAZIENTI ONCOLOGICI: INCONTRO

Sabato 24 febbraio, dalle ...

NONNA AMELIA FA 108

San Giovanni Teatino: nonna ...

AIELLI: RESTYLING

Ritrovare, con il restauro, ...

RUBRICHE VARIE

AVIS AVEZZANO: ASSEMBLEA

Convocata per il 24 febbraio alle 15.30 ...

LETTOMANOPPELLO: ...

  Nasce a Lettomanoppello uno sportello ...

SPORT

CALCIO, AVEZZANO: TERZO POSTO

4 i gol per l’Avezzano ...

RUGBY: VITTORIA PER L'AVEZZANO

L'Avezzano nel ...