elezioni 2018

elezioni tessera

Candidati e liste depositati per le elezioni comunali in Abruzzo del prossimo 10 giugno. A Teramo sette candidati sindaci.

Sono 31 i comuni abruzzesi che eleggeranno i nuovi sindaci e rinnoveranno i consigli comunali. Il turno di ballottaggio, invece, si svolgerà domenica 24 giugno: in Abruzzo questa eventualità riguarda solo i comuni di Teramo e Silvi.

Si voterà in 5 Comuni in provincia di Chieti (Fallo, Frisa, Pizzoferrato, Torino di Sangro e Villa Santa Maria),

7 in provincia dell’Aquila (Barete, Castellafiume, Lucoli, Massa d’Albe, Oricola, San Benedetto dei Marsi e Scanno);

9 in provincia di Pescara (Bussi, Cepagatti, Loreto Aprutino, Nocciano, Pianella, Pietranico, Roccamorice, San Valentino in Abruzzo Citeriore e Turrivalignani).

Il maggiore numero di comuni è nella provincia di Teramo: oltre a Teramo e Silvi, gli unici con popolazione superiore a 15mila abitanti, si voterà anche in altri 8 centri: Alba Adriatica, Atri, Castilenti, Civitella del Tronto, Controguerra, Montorio al Vomano, Nereto e Notaresco.

elezioni

A difesa del sindaco uscente, ad Alba Adriatica, lanciata una proposta chiara: riconsegnare, in tempi ristretti, le deleghe da assessore e da presidente del consiglio comunale.

Una stilettata, diretta e motivata, che cade a pochi giorni dal consiglio comunale e dalla scadenza naturale della consiliatura. Francesco D’Ambrosio, consigliere comunale di Alba Futura, parte integrante della maggioranza che non sarà presente all’imminente tornata elettorale, manifesta tutte le proprie perplessità sulla decisione politica ed elettorale, di tre esponenti dell’attuale maggioranza (gli assessori Alessia Ventura e Ambra Foracappa e del presidente dell’assise civica Federica Ciapanna), che si sono candidati con Città Viva.

elezioni scrutatori

Le elezioni del 10 giugno si avvicinano: a Silvi sono tre le liste che appoggeranno il sindaco uscente Francesco Comignani: “Democratici per Silvi”, “Obiettivo Silvi” e “Silvi Ripartiamo”.

Si tratta di una candidatura che sarà anche appoggiata dal movimento civico Silvi Bellissima, che alla fine ha deciso di non esentarsi ufficialmente alle elezioni, ma di sostenere le liste civiche che hanno come candidato l’ex sindaco Comignani.

 

elezioni

E' scaduto sabato 12 maggio, alle 12,00, il termine ultimo per per accogliere le presentazioni delle candidature alla carica di Sindaco e delle liste dei candidati alla carica di consigliere comunale, elezioni in programma il 10 di Giugno.

A Teramo come preannunciato sono 7 i candidati alla carica di primo cittadino per un totale di 17 liste. Nel Centrodestra Giandonato Morra è appoggiato da ben sei liste Fratelli d’Italia, Forza Italia, Lega, Popolo della Famiglia e le civiche “Futuro In” e “Oltre”,  mentre altre liste civiche hanno scelto di correre al fianco di Mauro Di Dalmazio con” Al centro per Teramo” e “Azione Politica”.   Nel centrosinistra il Pd ha scelto Gianguido D’Alberto appoggiato anche da “Teramo 3.0”, “Teramo Vive” e “Insieme Possimo”, mentre Giovanni Cavallari correrà con la sua lista “Bella Teramo”. Completano il quadro delle candidature Cristiano Rocchetti per il Movimento 5 Stelle, Alberto Covelli con “Popolari con Teramo” e “Abruzzo Insieme” e Paola Cardelli con la sua lista “Sinistra per Teramo”.

elezioni schede 

 

Due candidati sindaci per le prossime elezioni del 10 giugno a Civitella.

A sfidare Cristina Di Pietro e la sua Giunta, non sarà Andrea Sbranchella, sostenuto dagli attuali consiglieri di minoranza (Giuseppe Zunica, Stefano Tucci e Luca D’Alessio), ma Alberto Di Carlo, geometra ed ex consigliere nella Giunta Ronchi, con la lista Civitella Insieme.

Da segnalare anche la lista ‘Cittadini in Comune’ capitanata dal vicesindaco uscente, Mario Tulini e con la Giunta uscente e alcuni esponenti del Partito Democratico che ha recentemente confermato il sostegno a Cristina Di Pietro.