elezioni 2018

martinomolinari 2

ELEZIONI: MARTINO, “PROPOSTA DI LEGGE PER L’AQUILA CAPITALE DEI BIG DATA SANITARI”

L’AQUILA, 21 feb - “Mi impegno a depositare una proposta di legge entro i primi 100 giorni della nuova legislatura affinché L’Aquila diventi la capitale dei ‘big data’ della sanità italiana grazie a tecnologie come il 5g”.

È l’idea innovativa di Antonio Martino, candidato del centrodestra alle elezioni politiche 2018 nel collegio uninominale per la Camera numero 1 - L’Aquila.

Il suo appello è affinché “il nuovo governo di centrodestra investa sull’Aquila creando un centro di immagazzinamento di tutti i dati provenienti dalle strutture sanitarie del Paese: questo potrebbe portare sviluppo, economia e nuove imprese attorno a questi investimenti”.

Le potenzialità che potrà scatenare il 5g in questa terra sicuramente ci potranno portare a diventare leader su alcune tecnologie in Italia - spiega in premessa - Una delle risorse importanti su cui si dovrà investire è l’infrastrutturazione, i data center: i dati sono sempre più importanti nel nostro percorso, i dati fanno ricchezza, si parla di dati nella gestione del denaro”.

Martino rileva come “perfino in Svizzera stiano cambiando il modello di business, chiudendo le banche d’affari e investendo sui data center. Chi gestirà i dati, gestirà le risorse e il tesoro del domani”.

Il capoluogo ha le caratteristiche effettive per diventare leader nel nostro territorio come conservazione e gestione dei dati per tutto il Paese - conclude - in particolare per quanto riguarda i dati sanitari, per questo sarà una priorità nella mia agenda programmatica”.

elezioni 

 

Si chiama “Alleanza Civica per Teramo” la nuova lista civica che concorrerà alle prossime elezioni amministrative della città.

Una lista che al suo interno racchiude diversi movimenti e si presenta con l’intento di affrontare le prossime elezioni cittadine su basi politiche ed etiche distanti da logiche di partito. L’obiettivo fondante della nuova proposta è quello di creare un progetto basato sui valori della legalità, della costituzione, della competenza e dell’efficienza amministrativa. Il primo appuntamento in cui la costituenda Alleanza Civica si presenterà alla cittadinanza teramana sarà il 24 Marzo in un incontro pubblico presso la sala polifunzionale della Provincia, alle 17:30.

d alfonso insediamento 160614 rep 06

«Sono pronto all’assunzione di responsabilità»

Il Presidente Luciano D’Alfonso incontra gli imprenditori abruzzesi

Due miliardi e mezzo di risorse finanziarie distribuite ai 305 Comuni abruzzesi e ad enti strumentali, 190.000 km percorsi, 16 ore giornaliere di dedizione lavorativa e capacità decisionale, 454 tavoli di lavoro tra Palazzo Chigi e i Ministeri per sostenere le ragioni dell’Abruzzo a livello di governo centrale. Sono questi i numeri relativi ai risultati conseguiti nei 45 mesi di presidenza regionale, presentati nel corso dell’incontro che Luciano D’Alfonso ha avuto con gli imprenditori abruzzesi allo stabilimento balneare “Hawaii” di Pescara.

«Sono pronto all’assunzione di responsabilità» ha dichiarato il Presidente in vista dell’appuntamento elettorale del 4 marzo rivolgendosi agli esponenti dell’economia d’impresa: una proposta di rinnovata fiducia basata sulla concretezza e la fruttuosità della politica che D’Alfonso ha portato avanti nelle sedi istituzionali nazionali ed europee. Fermamente convinto che la ripresa economica e occupazionale passi attraverso una dotazione di infrastrutture stradali, portuali e aeroportuali a servizio delle imprese, il Presidente ha enumerato alcune delle opere messe in campo, dalla realizzazione della Fondovalle Sangro - prossima all’inaugurazione del 22 febbraio con un finanziamento di 190 milioni - allo sfondamento della diga foranea di Pescara con 3,5 milioni, al raddoppio del tracciato ferroviario Pescara-Chieti con 111 milioni, fino al salvataggio dell’aeroporto di Pescara attraverso una modifica normativa europea sul piano della fiscalità e, infine, ai 133 milioni per la banda larga e ultralarga per garantire effettivamente un territorio regionale non solo raggiungibile e percorribile, ma anche connesso.

Il programma politico che D’Alfonso ha illustrato punta alla valorizzazione della posizione geografica strategica dell’Abruzzo attraverso la velocizzazione della tratta ferroviaria Pescara-Roma con un investimento di 1,5 miliardi previsto dall’accordo di programma siglato tra Ministero delle Infrastrutture e RFI, e il completamento del Corridoio Baltico-Adriatico (rete transeuropea Ten-T) attraverso il prolungamento dell’alta velocità da Ancona a Bari. Altra misura di politica industriale è l’istituzione delle Zes (zone economiche speciali) con un’estensione pari a 905 ettari di territorio caratterizzati da riduzione degli oneri fiscali ed amministrativi, nell’ottica di una maggiore attrattiva di investimento, in risposta all’esigenza di semplificazione burocratica e procedurale da sempre espressa dagli imprenditori e in coerenza con la visione dello stesso D’Alfonso secondo cui «è il sistema amministrativo a doversi compiegare all’esigenza dell’impresa». Con l’obiettivo di garantire all’Abruzzo un nuovo protagonismo dopo 25 anni di assenza dalla scena governativa, D’Alfonso è pronto a mettersi in gioco con tutto l’entusiasmo, la professionalità, l’esperienza dell’uomo politico consapevole di non sentirsi più «patrimonio di sé, ma di una comunità».

elezioni tessera

Martedì 20 febbraio, a Lanciano, incontro con i candidati di Potere al Popolo, alle 18, in via Piave, mentre all'Aquila, alle 19.45, la candidata alla Camera per il proporzionale, collegio L'Aquila-Teramo, Silvia Frezza, incontrerà il mondo della scuola al locale Lucignolo, nei pressi della rotonda della Motorizzazione.

Mercoledì 21 febbraio, a Sulmona, sempre con Potere al Popolo, incontro su ambiente, salute e democrazia, in piazza XX settembre.

Saranno presenti Maurizio Acerbo, candidato capolista alla Camera, per il proporzionale collegio Chieti - Pescara e Maurizio Cacchioni, del comitato Giustizia per il Morrone.

Lorenza Panei, candidata della Coalizione di centrosinistra nel collegio uninominale per i territori L’Aquila-Marsica-Alto Sangro: martedì, 20 febbraio, alle 10,30, ad Avezzano, incontro con i rappresentanti di Confagricoltura e del settore agricolo e agroindustriale. Saranno presenti anche Antonella Di Nino e Antonio Del Corvo. Mercoledì 21 febbraio, alle 10,00, Panei sarà a Pescasseroli.

pezzopane stefania 041014 04
SCUOLA: PEZZOPANE (PD), RISULTATI IMPORTANTI E DOPO 4 MARZO TAVOLO NAZIONALE SU PULIZIE E SERVIZI

"Con i governi del Pd abbiamo dato molte risposte al mondo della scuola, e anche sul fronte della manutenzione e delle pulizie. Con la legge di Bilancio 2018 siamo riusciti a prorogare fino a tutto anno scolastico 2018/2019 gli appalti, per dare più stabilità ai lavoratori e garanzie alle famiglie e agli insegnanti di avere edifici scolastici più puliti. Siamo anche riusciti ad allargare ad altri servizi necessari ed offerti delle imprese che hanno vinto gli appalti e che possono migliorare gli standard di igiene e decoro delle scuole. Siamo riusciti a recuperare i fondi non spesi nel 2017 e ad impiegarli nel 2018. Per evitare lo sfruttamento dei lavoratori, alla luce dei nuovi e giusti provvedimenti, credo che ora sia urgente un tavolo nazionale, da avviare dopo le elezioni con i rappresentanti sindacali della scuola, con le Regioni e gli enti locali per verificare quale sia la soluzione migliore per il futuro del capitolo pulizie nelle scuole, pensando se sia il caso, invece di fare un nuovo appalto, anche di valutare l'internalizzazione dei servizi". Lo dice la senatrice del Pd Stefania Pezzopane, candidata dem a L'Aquila alla Camera, che oggi ha partecipato al tavolo regionale che da oltre un anno lavora su questa vertenza, con i rappresentanti sindacali dei lavoratori che operano nelle pulizie scolastiche e nella piccola manutenzione.
"Come si ricorderà - spiega ancora Pezzopane - il settore delle pulizie scolastiche è entrato in crisi con i provvedimenti di altri governi che hanno prodotto nel tempo da un lato la precarizzazione dei lavoratori e, dall'altro, la progressiva perdita di efficienza di un servizio indispensabile. In sostanza gran parte delle risorse si perdono purtroppo nell'intermediazione, scontentando sia le lavoratrici e i lavoratori che le famiglie e gli operatori della scuola, con momenti di vera e propria emergenza. Ecco perché sto pensando al modello Palermo, ottenuto con emendamento alla legge di bilancio, di internalizzazione del servizio".