rubriche varie

avezzano

E' dell'inverno scorso la notizia dello svaligiamento, da parte di sconosciuti, di un negozio di generi alimentari in uno dei paesini dell'hinterland tagliacozzano: curioso fu il fatto che la cassa con i soldi (che comunque erano pochi), rimase intatta, mentre salumi e formaggi, per un ammontare in denaro consistente, scomparvero tutti (trafugarono, in quel caso, solo cibi); più recente è l'accaduto subito da una signora avezzanese (non alla stessa persona, ma non è la prima volta che capita) che, lasciata l'auto aperta, non ha ritrovato il filone di pane che aveva appoggiato sul sedile anteriore... E poi, nella Marsica, è un ripetersi di lagnanze su furti di abiti appesi ai balconi, di tende, vasi, di utensili per il giardino, persino di fiori (per non parlare dei fiori al cimitero). Il furto è una brutta cosa e viene compiuto da chi non si fa scrupoli nel derubare il prossimo, ma quando il prelievo non autorizzato di roba altrui ha questo tenore, denota, sicuramente, la forza devastante della crisi in atto, che i più poveri sentono maggiormente.

Orietta Spera

municipio avezzano

Auto che sostano in doppia e anche tripla fila: succede ad Avezzano, su via Monte Velino, dove le macchine, come riporta in redazione un assiduo telespettatore (cosa vietatissima), si affiancano in malo modo e pericolosamente su di una strada sulla quale si affacciano case bellissime ma che ha il difetto grosso di vedere spuntare auto a velocità altissima, ad ogni ora.

Forse ci vorrebbero dei semafori, su via Monte Velino, soprattutto in prossimità dell'incrocio con via Roma e dei deterrenti luminosi della velocità; ma, sottolineano i residenti, se fosse possibile, dovrebbero essere rese luminose anche le strisce pedonali e la linea di mezzeria, poiché sono totalmente ignorate da diversi automobilisti, "rei", pure, di effettuare sorpassi "matti", azzardati, cioé incautamente, senza la minima prudenza.

Invitiamo ancora, Chi di competenza, a prenderne atto.

O. S.

municipioavezzano

Si può dire sia così da sempre, ma è da sempre, comunque, che gli automobilisti reclamano per le mancate precedenze, sul posto, e per i parcheggi azzardati, nonostante vi sia il divieto di sosta, a destra e a sinistra. Molte volte il traffico su questa via non scorre, proprio a causa di fermate troppo lunghe, di auto che vengono accostate a bordo strada, nonostante lì viga un divieto. Parliamo di via America, ad Avezzano, luogo popolato da diversi esercizi commerciali, piuttosto vivace, ma la cui segnaletica stradale è poco rispettata anche sulle piccole arterie che la intersecano.

Lo riferiamo, come sempre, a Chi di competenza.

o. s.

avezzano

Parliamo ancora delle problematiche del CRAB, i cui dipendenti sono senza stipendio da diversi mesi. La protesta dei lavoratori del CRAB si sposta fuori dai cancelli del Consorzio percorrendo le strade per ricordare ai politici, ai Consiglieri Regionali marsicani, che "la ricerca è una risorsa per il territorio: le altre regioni lo hanno capito” così recita anche un megamanifesto), “ l’Abruzzo NO. La politica che cosa fa?”

avezzano

Di vecchia data è la pipì dei cani sui mastelli della raccolta differenziata, così come lo è lo sporco degli stessi animali, a spasso con i padroni, che viene puntualmente depositato sull'erba dei giardini di comoetenza e cura del Comune di Avezzano (vedi quelli di fronte al Tribunale). Le deiezioni disseminano le aiuole e, in particolare, si trovano sotto le caditoie, sotto i discendenti di scolo delle case, qualche volta sulle soglie, di fronte ai portoni. Parlando di fatti dell'ultima ora, di "new entry", alcuni "regalini di Fido" vengono adesso rinvenuti anche all'interno dei cancelli di case private. Cioé, non solo molti padroni non raccolgono le deiezioni, ma quei cani di piccola taglia che possono, pare quasi siano autorizzati a penetrare nei giardini di chi ha inferriate atte ad ospitare le piccole dimensioni di questi quattrozampe. E, per molte persone, la sgradita sorpresa è dietro l'angolo. Infatti, sono in molti a lamentarsene. Il "fenomeno deiezioni" dilaga. Lo rifacciamo presente alle Autorità di competenza.