ospedale pescara due

Appalto Asl da 11 milioni, tre arresti della Finanza 

PESCARA. In mattinata i finanzieri del Nucleo di polizia economico-finanziaria di Pescara hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere con tre arresti, emessa dal Giudice per le indagini preliminari (Gip) del Tribunale Nicola Colantonio su richiesta della procura della Repubblica.

L'inchiesta è su un  appalto di oltre 11 milioni di euro  recentemente aggiudicato dalla Asl di Pescara con modalità ritenute illecite.

Secondo quanto emerso, risultano coinvolti il dirigente del Dipartimento di Salute mentale della Asl di Pescara, Sabatino Trotta, il legale rappresentante e una dipendente con funzioni di coordinatrice della Cooperativa sociale “La Rondine” di Lanciano. Quest'ultima società fa parte del Consorzio Coop. sociali S.G.S. che ha vinto la gara pubblica di appalto sull’affidamento della gestione di residenze psichiatriche extra ospedaliere, del valore complessivo di 11.309.100,00 euro. La gara era stata indetta dalla Asl il 9 gennaio 2020 e aggiudicata nel marzo 2021.

Agli indagati sono stati contestati reati contro la pubblica amministrazione, e in particolare i reati di corruzione, istigazione alla corruzione e turbata libertà degli  incanti.

I finanzieri hanno anche sequestrato beni per circa 50mila euro, sempre su disposizione del Gip.