Cronaca

 orecchio ok

 

7^ edizione di Nonno Ascoltami: controlli dell’udito gratis in Abruzzo, in particolare a Pescara, Chieti e Sulmona domani, dopo la prima tappa dell’Aquila.

28 le piazze coinvolte in 8 regioni italiane, dove “Nonno Ascoltami” offre l’opportunità di effettuare controlli gratuiti dell’udito, nelle tende messe a disposizione da Misericordia e Croce Rossa. Domani appuntamento a Pescara, Chieti e Sulmona; il 9 ottobre ad Avezzano e Teramo; il 22 ed il 23 a Lanciano, Penne, Giulianova e Vasto. In piazza medici e tecnici specialisti dell’udito che per un’intera giornata saranno a disposizione dei cittadini che vogliano effettuare un controllo dell’udito, gratuitamente.

giulianova panoramica citta 080313 rep 05

Il Comune ha garantito l’estensione degli orari di apertura degli asili nido a Giulianova

Il potenziamento del servizio è stato possibile grazie ad un progetto approvato dalla Regione per 65.000 euro. Nello specifico l’orario di chiusura è stato posticipato alle 19. E sarà anche assicurata l’apertura durante il periodo natalizio e quello pasquale, con l’eccezione dei giorni festivi di tradizionale sospensione delle attività didattiche nelle scuole.

sma

Questo weekend nelle piazze di tutta Italia, i banchetti delle famiglie SMA che venderanno la ''Scatola dei sogni'', il cui ricavato andrà alle Famiglie Sma per il sostegno e la ricerca. Una scatola di latta piena di pasta.
Dopo la piazza di Magliano dei Marsi, sabato 1° ottobre, domenica 2 è la volta di Trasacco, in piazza Matteotti.

Tutti insieme contro la SMA.

cerchio citta e monumenti 110413 rep 09

Inaugurata la casa famiglia “L’angolo del sorriso”, a Cerchio. Tra i presenti all'avvenimento anche i ragazzi delle scuole cittadine.

La cerimonia è iniziata con la benedizione della struttura da parte di Padre Cosmas.

La casa famiglia ospiterà minorenni dai 3 ai 18 anni.

Soddisfatte anche le tre responsabili della Cooperativa Sociale “Andromeda” che gestirà il nuovo organismo.

cam acqua

"Siamo sempre stati disponibili e siamo disponibili alla riconsegna alla Regione Abruzzo della sorgente ubicata ad alcuni chilometri, non certo dello stabilimento per l'imbottigliamento dell'Acqua Santa Croce che insieme al marchio sono di nostra proprietà"

Così Camillo Colella, patron della Santa Croce, marchio nazionale di acqua minerale che si produce a Canistro (L’Aquila), alla luce della fissazione da parte della Regione Abruzzo il 3 ottobre prossimo alle ore 11 della riconsegna della sorgente. Nel documento si comunica alla società "Sorgente Santa Croce"  il giorno 3 ottobre "s'interverrà presso l'area di rispetto igienico-sanitario della concessione, situata in Località Sponga, per le operazioni di riconsegna di cui al comma 9,art.36 della L.R. 15/2002 e s.m.i.. i".

"Non ci siamo mai rifiutati e abbiamo sempre collaborato nei sopralluoghi fin dal primo momento - continua Colella -. Non ci siamo opposti neppure quando hanno tentato di confondere le pertinenze con la proprietà privata invitando grandi player". Tra la Sorgente Santa Croce spa e la Regione Abruzzo é in atto un braccio di ferro e un contenzioso legale. L'imprenditore molisano ha ribadito l'intenzione di chiedere risarcimenti milionari all’ente regionale "per i danni di immagine patiti alla luce delle vessazioni subite dalla Regione che ci perseguita dopo averci negato la concessione e la proroga adducendo irregolarità del Durc che abbiamo invano chiarito.". Proprio alla luce di questa situazione, la società ha attivato le procedure di mobilità per i 75 dipendenti.

L'ingegnere Colella sottolinea anche che non risponde al vero che la Regione ha apposto sigilli lo scorso mese di ottobre. Sulla riconsegna della sorgente, i legali della santa croce nel rispondere ad una nota della Regione "dai toni inspiegabilmente non cordiali", hanno spiegato in una lettera ufficiale che "Sorgente Santa Croce S.p.A. non ha mai  in nessun modo ostacolato o semplicemente reso più difficoltose o ritardato le attività di restituzione del giacimento e delle sue pertinenze alla Regione Abruzzo, come asserito in alcune comunicazioni della Regione".

"A riprova di ciò, si osserva che l’area della sorgente è già stata oggetto di diversi sopralluoghi da parte dei funzionari regionali e la Società, come da richiesta della Regione, ha già fornito in data 20/04/2016 una relazione descrittiva sullo stato di consistenza e conservazione delle prime opere di captazione poste all’interno dell’area oggetto di concessione - continuano i legali -. La Società riconferma anche in questa sede la propria piena disponibilità alla consegna del giacimento in data 3/10/2016 come richiesto dalla Dirigente Iris Flacco.” Nella nota della Regione si chiede all’azienda di mettere a disposizione il personale tecnico necessario alle operazioni di riconsegna.

CON CORTESE PREGHIERA DI PUBBLICAZIONE

Roma, 30 settembre 2016

Sorgente Santa Croce Spa

Ufficio Comunicazione