Cronaca

alberi

Quasi un ettaro di bosco tagliato abusivamente è stato sequestrato dalla Forestale a Rocca di Mezzo.

Durante la consueta attività di controllo del territorio montano, all’interno del Parco naturale regionale Sirente Velino, gli uomini del Comando Stazione di Rocca di Mezzo,hanno scoperto e posto sotto sequestro un’area demaniale all’interno della quale ignoti avevano abbattuto numerose piante di faggio.

Sul posto, di proprietà del Comune, era stato eseguito un taglio abusivo di circa un ettaro di bosco che avrebbe fruttato un bottino di svariate centinaia di quintali di legna qualora i forestali non fossero intervenuti sequestrando l’intera area e la legna e rendendo edotta sull'accaduto l’autorità giudiziaria.

defibrillatore

Ne parliamo a ridosso della "Giornata Mondiale del Cuore", che cade il 29 settembre: il progetto si chiama "Il ritmo giusto" e il suo scopo è quello di insegnare le manovre salvavita e l'uso del defibrillatore da parte del personale docente, del personale ATA e degli studenti dell'I.I.S. "Ettore Majorana" di Avezzano.

L’associazione VISES Onlus (Volontari Iniziative di Sviluppo Economico e Sociale) donerà un defibrillatore semiautomatico alla scuola per sensibilizzare ai temi del primo soccorso e della rianimazione cardiopolmonare, offrendo la possibilità di imparare a salvare vite umane.

Il defibrillatore consente di intervenire precocemente accelerando i tempi del soccorso di molti preziosissimi minuti.

Avezzano agenzia delle entrate rep 01

Cartelle esattoriali prescritte se c’è inerzia dell’Agente della riscossione per oltre 5 anni dalla notifica”

Si profila una speranza per i contribuenti che si vedono notificare da Equitalia una comunicazione preventiva di iscrizione ipotecaria e/o di fermo amministrativo che, come noto, sono alcune delle procedure previste dalla Legge di cui l’Agente della riscossione può servirsi per tutelare e riscuotere crediti non pagati dai cittadini.

In questo periodo di difficoltà economica, pochi sono i coraggiosi che, convinti delle proprie ragioni, decidono di rivolgersi ad un avvocato per contestare le pretese di Equitalia, così da evitare di pagare.

Ancora di meno, poi, sono coloro  che nel tentare di difendere la propria posizione, si ricordano di far valere non soltanto ragioni di merito (“Non devo pagare….. ho già pagato…..”), ma anche quei vizi procedurali (molto frequenti) che spesso vengono tralasciati, ma che, in realtà, possono costituire la vera via d’uscita.

E’ quello che è successo ad una contribuente (che, rivoltasi all’avvocato Mario Limone, del Foro di Avezzano) per impugnare un preavviso di iscrizione ipotecaria notificatole da Equitalia, si è vista accogliere il ricorso proposto dal prefato professionista il quale, in esecuzione di una prassi radicatasi già presso altri uffici, sosteneva l’intervenuta prescrizione dei crediti portati da alcune delle cartelle esattoriali richiamate nel preavviso impugnato argomentando – contrariamente alle difese spiegate dal Concessionario – che la cartella esattoriale è atto di natura amministrativa ed è priva dell’attitudine ad acquistare efficacia di giudicato, per cui risulta inapplicabile l’art. 2953 del codice civile (con conseguente prescrizione quinquennale).

In accoglimento delle menzionate eccezioni la Sentenza n. 546/03/2015 della Commissione Provinciale di Frosinone: “Ai crediti erariali indicati……, come statuito in giurisprudenza  della Corte di Cassazione (sezione V, n. 12263 del 25.05.2007), cui questo  Collegio convintamente si conforma, si applica il termine quinquennale di cui all’art. 2948 n. 4 del c.c., il quale sottopone a prescrizione quinquennale “ tutto ciò che deve pagarsi periodicamente ad anno o in termini più brevi”, e non quello decennale di cui all’art. 2953 dello stesso codice, riferito ai “diritti per i quali la legge stabilisce una prescrizione più breve di dieci anni, quando riguardo ad essi è intervenuta sentenza di condanna passata in giudicato”.

Nel caso di specie, dunque, a causa dell’inerzia per oltre 5 anni, ne è conseguita la prescrizione, con conseguente diritto della contribuente a non dover pagare completamente quanto ingiunto con un preavviso di iscrizione ipotecaria, fondato – in parte – anche su tali cartelle prescritte.

Prescrizione a parte, capita spesso che l’Agente della riscossione possa incorrere, suo malgrado, in vizi procedurali che ad occhi inesperti possono sfuggire o sembrare irrilevanti. A volte, però, una maggiore attenzione ai dettagli ed un professionista scrupoloso possono salvare la situazione.

mela

Nel prossimo week end torna a Teramo, tra 4.000 piazze italiane, "La Mela di Aism", evento a sostegno della ricerca sulla sclerosi multipla organizzato dalla sezione provinciale 'Annamaria Veroni' dell'Associazione contro la sclerosi multipla. Con il contributo minimo di 9 euro oltre a sostenere la ricerca scientifica (in Italia finanziata per ben 70% dall'Aism per il tramite della Fism), si può contribuire a finanziare anche servizi sanitari e sociali, quali il trasporto, il sostegno psicologico e le numerose attività di benessere e socializzazione che da diciotto anni  la Sezione offre gratuitamente alle persone con sclerosi multipla della nostra provincia.

bertolaso

Nel processo Grandi Rischi Bis il Procuratore Generale chiede di condannare a tre anni Guido Bertolaso (nella foto). E’ corsa contro il tempo per arrivare alla sentenza prima della prescrizione.

Una condanna di tre anni di reclusione per l’ex capo della Protezione civile, Guido Bertolaso. E’ quanto chiesto questa mattina dal procuratore generale dell’Aquila, Romolo, Como, nell’ambito del processo “Grandi rischi bis”, quello che vede appunto imputato per omicidio colposo plurimo l’ex responsabile del dipartimento, in particolare per aver organizzato un’operazione mediatica per tranquillizzare e rassicurare la gente, convocando all’Aquila la riunione di esperti del 31 marzo 2009, a 5 giorni dalla scossa distruttiva del 6 aprile.