Politica

elezioni

Dopo la revoca delle deleghe da assessore comunale all'Aquila, Annalisa Di Stefano si candiderà, con Forza Italia, alle prossime regionali, in corsa come consigliere e dice di aver maturato la decisione di mettersi in gioco per L’Aquila e portare in Regione le istanze e i bisogni della cittadinanza.


quagliariello gaetano due

“Dopo la pietra tombale del Consiglio di Stato, ci auguriamo che anche i
più ostinati si decidano ad accettare la volontà popolare, che alle
elezioni comunali dell’Aquila si era espressa con assoluta chiarezza e che
la magistratura amministrativa ha ancora una volta confermato”. Lo dichiara
il senatore Gaetano Quagliariello (sopra), leader di ‘Idea’. “Archiviata
definitivamente questa vicenda, poco edificante per coloro che se ne sono
fatti promotori – prosegue Quagliariello -, l’amministrazione di Pierluigi
Biondi ha ora il compito di accompagnare la città all’appuntamento con il
decimo anniversario del terremoto imprimendo una svolta alla ricostruzione
e delineando L’Aquila del futuro. La pagina di definitiva certezza scritta
dal Consiglio di Stato – conclude – non potrà che far bene alla
determinazione dell’azione amministrativa.

marsilio marco 301118

Con la sua proposta di emendamento, che se approvato sventerebbe l'aumento
dei pedaggi dal prossimo anno, il senatore Marco Marsilio (sopra), dimostra ancora
una volta di avere a cuore le sorti dell'Aquila e le aree interne. È quanto
affermano il portavoce comunale del circolo di Fratelli d'Italia Michele
Malafoglia e la coordinatrice cittadina di Gioventu Nazionale Aq Margherita
Paoletti. Il suo intervento, insieme a quello del gruppo consiliare di Fdi
al Campidoglio e del sindaco Biondi, è stato importante nella risoluzione
della vicenda del trasferimento del terminal bus ad Anagnina. Auspichiamo
che in Senato ci sia lo stesso impegno del senatore Marsilio per la
questione pedaggi.

ranieri gianluca
RIFIUTI DAL LAZIO, MAZZOCCA TRA INCOMPETENZA E MALAFEDE, QUANDO LA DIFESA DEL PARTITO TRAVALICA SULLA SALUTE DEI CITTADINI
Ranieri (M5S) “Mazzocca sa bene che l’accordo per la gestione rifiuti è tra regioni. Ma preferisce fare propaganda sull’incidente che ha colpito Roma”
“Incompetenza o malafede. Cosa spingerà Mazzocca di dire tante castronerie in poche righe di una nota stampa? Non lo sappiamo, quello che però sappiamo e che forse Mazzocca fa finta di non sapere è che gli accordi di cui parla lui sono tra regioni, non vengono fatti con l’Ama e sono stati fatti 4 anni fa, quando Roma, la regione Lazio e la Regione Abruzzo erano a guida PD. L’Ama comunica solo le eventuali necessità alla regione Lazio che poi fa partire le richieste”. Il commento arriva dal consigliere regionale Gianluca Ranieri che incalza “E’ stata proprio AMA a comunicare alla cabina di regia di Ministero e Regione che grazie all’ottimo lavoro svolto, da gennaio 2019 non avrebbe più avuto bisogno di esportare i rifiuti di Roma. È solo a causa dell’incidente TMB, un incendio che pare essere doloso proprio a pochi giorni dalla fine del contratto tra Regione Abruzzo e Regione Lazio, che nasce di nuovo un momento di crisi per i rifiuti della capitale . Mazzocca piuttosto ragioni sul fatto che è stato proprio lui nell’ultimo PRGR ad aumentare le capacità di trattamento di rifiuti indifferenziati degli impianti abruzzesi, un’operazione speculativa ed insensata, che abbiamo più volte contestato, che spinge le stesse società di trattamento abruzzesi a comunicare a Roma la loro disponibilità ad accogliere i rifiuti. Quindi Mario Mazzocca invece di spararle grosse, forse inebriato dal clima pre elettorale, dovrebbe interrogarsi su come ha operato in questi anni in termine di gestione dei rifiuti. Infine prendiamo atto che per Mario Mazzocca finché era necessario dare una mano all’ incompetenza del PD sulla gestione dei rifiuti era ben disposto a raccogliere l’immondizia del Lazio, ora che c’è un motivo serio che richiede vera solidarietà, perché Roma (capitale del Lazio, oltre che d’Italia) è stata colpita da un atto doloso che causa problemi alla cittadinanza, fa propaganda su un’emergenza che mette a rischio anche la salute dei cittadini. Che bella figura Mario, complimenti!” conclude Gianluca Ranieri.

ranieri gianluca

Passano i giorni e si avvicina sempre di più la data delle prossime elezioni regionali in Abruzzo, previste per il 10 febbraio 2019 e, entro il 13 gennaio, dovranno essere presentate le liste dei candidati, sia quelli in corsa per la presidenza, che i candidati a consigliere. In tutta la regione si sta decidendo su chi saranno i concorrenti delle diverse liste. Nella provincia dell'Aquila e, in particolare, nella Marsica, è già stato presentato chi correrà per il M5S e la Lega, mentre gli altri partiti e liste civiche stanno ancora cercando il "loro uomo" da presentare e sostenere. In merito ai consiglieri marsicani uscenti, sia della maggioranza che della minoranza, per chi si ricandiderà (Gianluca Ranieri, M5S, nella foto, non ci sarà), potrebbe essere problematica una eventuale riconferma (e ciò a detta di molti), soprattutto in merito al lavoro svolto dagli uscenti negli ultimi 5 anni, per alcuni... Non molto proficuo.