Politica

fucino bis

In termini calcistici la partita di ritorno è stata vinta per 4 a 2 dall'Aquila. Infatti, 4 consiglieri regionali all'Aquila con goal di Imprudente, Santangelo, Di Benedetto e Liris e 2 alla Marsica, cioè Angelosante e Fedele, nonché pareggio nella Valle Peligna, con Scoccia. Mentre, all'andata, nel 2014, 5 consiglieri per la Marsica, 1 per L'Aquila e pareggio a Sulmona. Questo è stato dovuto, in larga parte, alle scelte dei tre consiglieri di maggioranza, di cui uno (Di Pangrazio), presidente del consiglio regionale per 5 anni; un altro, Berardinetti, quale presidente della commissione Agricoltura e nell'ultimo periodo assessore e un altro ancora, Di Nicola, presidente di commissione Bilancio e, nell'ultimo periodo, delegato ai Trasporti. Tutti e tre non rieletti. I votanti marsicani hanno, con le loro preferenze, anche se su basi diverse, bocciato l'operato dei tre. Fa scalpore il tonfo (ma non poteva non essere così), di Giuseppe Di Pangrazio che ha depauperato circa 4 mila voti per queste elezioni, con la conseguenza del disfacimento del Partito Democratico nella Marsica; per tale motivo è stato giudicato in maniera negativa, di fatto e come "non pervenuto", in merito ad esigenze, richieste ed urgenze, del territorio marsicano. A ciò si aggiunge, per la prima volta nella storia, un fatto scandaloso, da parte di certi personaggi marsicani, alcuni in cerca di un'occupazione e senza alcun titolo (politico): cioè, come altri, anche inquisiti, il sostegno (cosa comunque legittima), a candidati aquilani. Discorso a parte per Iride Cosimati, che ha scelto, pubblicamente, di appoggiare l'aquilano Liris; sembrerebbe che per la presidente del consiglio comunale di Avezzano, però, sia pronta una sfiducia.

l aquila anime sante

 

di pangrazio giuseppe rep 10

Ieri, con la conferenza stampa di Marco Marsilio, è iniziato il quinquennio del centrodestra alla guida della Regione. La Marsica, in queste elezioni, ha raccolto ben poco rispetto all'Aquila, non come in altri tempi, quando era tutto l'inverso, e ciò con l'elezione a consigliere regionale di due persone e mezza; i due, il sindaco di Ovindoli, Simone Angelosante, in quota Lega (grande la sua affermazione, "impressa a fuoco", considerata la presenza nella lista di forti concorrenti e soprattutto l'ostracismo da parte del suo partito all'Aquila); il secondo, Giorgio Fedele, per il M5S (Gianluca Ranieri non si è ricandidato). E non si può non citare Marianna Scoccia (sotto), avezzanese Doc, che il grande successo l'ha avuto, però, nella Valle Peligna, dove va a rimpiazzare il marito, Andrea Gerosolimo, in consiglio regionale. Tra gli esclusi e i "trombati", nella Marsica e nella provincia dell'Aquila, fa scalpore il tonfo dell'ex presidente del consiglio, Giuseppe Di Pangrazio (sopra), che ha dilapidato un patrimonio, in termini di voti (circa 4 mila in meno, rispetto al 2014), malgrado la sua posizione di rilievo, pagando per il suo scarso impegno per Avezzano e Marsica, azzerando, di fatto, nel Comprensorio, il PD. Altro grande escluso Emilio Iampieri, primo nella lista, che adesso paga per il calo di Forza Italia nella provincia dell'Aquila. Non dimentichiamo, poi, Pierpaolo Pietrucci, che è fuori a causa della perdita del seggio da parte del Partito Democratico. Nelle altre province, tra i grandi esclusi: Donato Di Matteo, Mario Mazzocca, Marinella Sclocco, Alberto Balducci.

scoccia marianna rep 02

angelosante simone tre

E' ufficiale: il sindaco di Ovindoli, Simone Angelosante (sopra), è all'Emiciclo. Il consigliere del comune di Avezzano, Giovanni Luccitti, esprime soddisfazione, dopo aver sostenuto, in fase pre elettorale, il neo consigliere regionale in quota Lega. "Primo ad aver creduto nel Movimento politico di Matteo Salvini e ad averlo portato in Abruzzo, Angelosante saprà lavorare bene ed onestamente per il nostro territorio e per le aree interne", ha affermato Luccitti (sotto).

luccitti giovanni tre

scoccia marianna 281111 rep 03

Regionali: in attesa della proclamazione ufficiale (e non si escludono eventuali ricorsi), alcune sorprese ci sono già per la provincia dell'Aquila (in attesa delle valutazioni nelle altre province), e tre sono le più clamorose, ovvero quella della mancata conquista del seggio di Forza Italia, dove il consigliere uscente Emilio Iampieri è il candidato con maggiori preferenze, ma senza seggio; stesso discorso per il PD aquilano (erano due i consiglieri uscenti e precisamente Pierpaolo Pietrucci e Giuseppe Di Pangrazio; anche in questo caso la lista non si è aggiudicata il seggio). Risalta, anche, la perdita di circa 4 mila referenze da parte del presidente del consiglio uscente, Di Pangrazio. Mentre la sopresa, in positivo, è l'elezione di Marianna Scoccia (sopra), in UDC – DC - Idea, che fa da staffetta con il marito, Andrea Gerosolimo, a palazzo dell'Emiciclo.

marsilio meloni

Grazie agli abruzzesi che hanno compreso il nostro messaggio. È stata una campagna elettorale durata 30 giorni, molto dura e difficile, anche per le condizioni climatiche. Il risultato è al di sopra delle più rosee aspettative, oltre il 48% ci avvicina alla maggioranza assoluta, neppure D’Alfonso era riuscito cinque anni fa a fare altrettanto”.

Lo ha detto il nuovo presidente della Regione Abruzzo, Marco Marsilio (sopra, con Giorgia Meloni), in una conferenza stampa all’Aquila, che si è tenuta questa mattina, 11 febbraio, alla presenza del leader di FdI, Giorgia Meloni, e delle altre forze della coalizione di centrodestra e di cui stiamo vedendo alcune immagini. Oggi alle 16 Giovanni Legnini, candidato presidente per il centrosinistra, che ha ottenuto il 31,3% di preferenze, arrivando al secondo posto, in conferenza stampa all'Aquila alla Sala Benedetto Croce, del Consiglio Regionale, a Palazzo dell'Emiciclo, all'Aquila.

Nel pomeriggio anche il leader della Lega e ministro dell’Interno Matteo Salvini è atteso all’Aquila, a Palazzo Silone.