rubriche varie

avezzanopanorama

Quando ci si reca al mercato del sabato, ad Avezzano, ci si accorge subito dell'intrico che si genera sulle vie che vengono ad essere occupate dagli esercenti ambulanti: in "sofferenza" (e si percepisce immediatamente), ci sono via Annamaria Torlonia (stracolma di tendoni e poco transitabile dai pedoni), via Roma, (parzialmente occupata e, per quel poco, disordinata), via Marconi e via Mazzini: l'una in uscita sul mercato, coinvolta nel caos all'improvviso, l'altra che procede verso la parte nord della città e che va imboccata laddove il mercato ha un suo "confine". Per non parlare di via Lolli, via Colaneri, via Febonio, via Iatosti, via Mattei, tutte piccole arterie, anch'esse prese a forza nella baraonda del mercato di fine – settimana. Ma il fatto grave è che, su via Fratelli Rosselli, che incrocia diverse strade del centro cittadino e che giunge fino a piazza Torlonia, quando si arriva al mercato, già è troppo tardi: lì non si può procedere; se c'è un'altra auto che ci segue (ed è capitato), non si può tornare indietro ed è vietato, ovviamente, infilarsi con l'auto tra le bancarelle. E allora... Si rimane intrappolati! Dei cartelli segnalatori, a riguardo, sarebbero opportuni. Lo facciamo presente alle Autorità.

giulianova porto 100313 rep 08

"Un ottimo primo traguardo per l’anno 2015\2016 raggiunto grazie alla nostra insegnante e a tutti i cervelli del gruppo. Questa mattina ci siamo sentiti una vera squadra dove ognuno ha dato il massimo seguendo la strategia vincente: aspettare sempre il momento opportuno per consegnare le risposte- a seguito di una accurata analisi della situazione”. Esordisce così il capitano, una studentessa del Quinto anno del "Curie", Liceo Scientifico di Giulianova.

La squadra è il frutto del lavoro svolto da una professoressa di matematica del liceo che allena il gruppo nel pomeriggio. Quest’ultimo è composto da veterani ( ragazzi del triennio ) scelti sulla base di competenze logico-matematiche. E, nell aprestigiosa "Coppa D?Ignazio", questi ragazzi si sono aggiudicati il secondo posto.

giulianova panoramica citta 080313 rep 05

Giulianova. Dopo una lunga discussione, nell’Unione Comunale di ieri sera, l’assemblea ha approvato la richiesta di riequilibrio in giunta mediante la presenza di due assessori nell’esecutivo con deleghe di rilievo, preservando la posizione dell’assessore Fabio Ruffini e considerando, per la scelta del nuovo assessore, le qualità e il peso politico espressi alle elezioni comunali del maggio 2014.

Quindi il Partito Democratico giuliese ha respinto la proposta del sindaco della carica di vicesindaco. Filipponi resterà alla guida del partito e consigliere, mentre l’assessore in più dovrà scelto fra gli eletti della lista PD.

Queste le condizioni del PD per il rinnovo della Giunta, ora la palla passa al sindaco che dovrà rivedere i suoi programmi e riorganizzare la squadra di governo, riassegnando le deleghe e nominando almeno un nuovo assessore ‘democratico’.

roseto

Sono rimasti fuori dalle aule per un’ora circa con accanto i loro genitori che hanno protestato per la situazione che si sta vivendo ormai da diverso tempo in alcune aule della scuola primaria e dell’infanzia “Schiazza” di Roseto, nella zona nord della città.

Il cattivo odore denunciato già nella scorsa primavera e avvertito in due stanze, da alcuni giorni si è esteso anche in un’altra classe che ospita i bambini della quarta elementare. Alle 9 i bimbi sono entrati nelle rispettive aule, tranne quelli della IV, accolti in parte nell’atrio, in parte nel corridoio.

La stanza incriminata ieri sera, dopo l’incontro tra la dirigente Maria Gabriella Di Domenico e i genitori dei bimbi, era stata sigillata. In attesa di un sopralluogo, da parte degli amministratori comunali.

teramo corso 110313 rep 05

Veti che la rallentano la realizzazione di opere pubbliche causando problemi ai cittadini. I sindaci della provincia di Teramo si sono incontrati questa mattina nell’Ente di via Milli per fare il punto della situazione e presentare le loro perplessità riguardo alle criticità riscontrate a seguito dell’accorpamento, a livello regionale, della Soprintendenza per i Beni architettonici e paesaggistici con quella dei Beni storici.

All’incontro, convocato dal consigliere delegato all’urbanistica, Maurizio Verna, sono state evidenziate e difficoltà riguardanti del autorizzazioni paesaggistiche, in particolare riguardo agli impianti di telefonia mobile.