rubriche varie

pescara municipio 110812 rep 03

Buone notizie per i dipendenti dell'azienda Majella – Morrone, che da ben 11 mesi sono senza stipendio e che da settimane protestano con manifestazioni a Manoppello e a Pescara.

L'assessore Sclocco infatti ha fatto sapere che la Regione ha dato mandato alla tesoreria di sbloccare circa 210 mila euro che serviranno proprio per pagare gli stipendi.

Si tratta di un'anticipazione del Fondo Nazionale delle Politiche Sociali, concordato con il Governo. In questo modo verranno pagati 5 mesi di arretrati, sicuramente una boccata d'ossigeno per i lavoratori che però continuano a chiedere anche certezze per il loro futuro, considerando che l'azienda stessa per via dei tagli rischia di chiudere.

pescara mare 01

Un frigorifero in balia delle onde. Sta scatenando reazioni ironiche e di sdegno la fotografia postata dai Mimmo Grosso, esponente della marineria pescarese, che nei giorni scorsi è riuscito ad immortalare l'elettrodomestico a largo delle acque di Pescara, durante una battuta di pesca.

"In mare si pesca di tutto, anche frigoriferi . Su prenotazione scegli anche che marca desideri", ha commentato ironicamente lo stesso Grosso.

acerbo maurizio 04COMUNICATO STAMPA
Honda Atessa: cronaca di una "morte" annunciata

È notizia dei giorni scorsi che la Honda di Atessa ha rinunciato ad investire sul sito di Val di Sangro ed in più si paventa l’ipotesi di delocalizzare alcune delle già esigue attività dello stabilimento. Ma è bene ricordare che da anni allo stabilimento di Atessa non è rimasto che l’assemblaggio, dopo che è stata sostanzialmente abbandonata la produzione dei motocicli. Ora, a quanto si apprende, c’è il rischio concreto che anche l’assemblaggio dei motori venga fatto altrove.

Si tratta di un esito che noi, come Rifondazione Comunista, avevamo ampiamente previsto, tanto che già dal 2011 denunciammo che non sarebbero stati gli accordi al ribasso per i lavoratori, l’aumento della precarietà e le deroghe al Ccnl, a far ripartire le produzioni. Avevamo la sfera di cristallo per prevedere questo esito? No, avevamo parlato con i lavoratori e ci eravamo letti le carte, ed in alcuni accordi si affermava esplicitamente la previsione di una tendenza fortemente negativa dei futuri volumi produttivi.

Inutile stupirsi ora o affermare l’ovvietà che “questa non è la strada giusta”. Ripercorrendo le recenti vicende dello stabilimento, si nota chiaramente che non ha funzionato la morbidissima linea sindacale adottata quando Honda, a partire dal 2011 ha messo in serie accordi, anche in deroga al Ccnl, che hanno aumentato vertiginosamente le condizioni di precarietà dei lavoratori, con la scusa che quella strada avrebbe restituito competitività allo stabilimento.

Alla tendenza fortemente negativa del mercato delle moto, pure sottolineata negli accordi sottoscritti, si è aggiunta la chiara volontà della proprietà di produrre altrove. Ci si è forse dimenticati che quando la Honda mostrava la volontà di licenziare metà del personale ad Atessa, nel frattempo realizzava un nuovo stabilimento in Vietnam? E quindi, ora, di cosa ci si stupisce?

La vicenda della Honda ha dimostrato che non è con la precarietà ed i sacrifici dei lavoratori che si esce dalla crisi, ma garantendo loro diritti e salario propri di un lavoro almeno dignitoso, ma che di certo non verranno regalati dalla proprietà. Piuttosto, ci sarebbe da mettere in piedi strategie per ostacolare le delocalizzazioni produttive, che da anni interessano tutto l’Abruzzo. Ma nonostante gli impegni presi in campagna elettorale, il PD ed i suoi satelliti, esattamente come già fu per il centrodestra, dimostra di non essere in grado di mettere in campo politiche nemmeno per il mantenimento dei livelli occupazionali.

Da un punto di vista sindacale, speriamo, invece, che la storia di questa drammatica vicenda insegni anche la necessità di restituire ai lavoratori il protagonismo della lotta, senza la quale diritti e salario saranno sempre più ridotti.

Si invertano, allora, le disastrose politiche fin qui seguite. Visto che non si potrà mai competere con uno stabilimento vietnamita sul costo del lavoro, la strategia confindustriale e governativa di riduzione dei diritti dei lavoratori non funziona, visto che Honda ha ottenuto tutto quel che chiedeva e se ne va lo stesso. E pure la riduzione del danno da parte sindacale (non si ricorda, infatti, alcuna forma di reale mobilitazione sulla vertenza Honda, salvo rare eccezioni) funziona poco. Si apra, perciò, una vertenza forte e larga, capace di mobilitare pure i lavoratori dell’indotto anche non direttamente produttivo. Una vertenza che punti direttamente al nodo centrale: la necessità di una politica economica e industriale che non sia quella fin qui seguita di permettere alle grandi imprese di fare quel che a loro pare.

Marco Fars, segretario regionale Rifondazione Comunista

Maurizio Acerbo, segreteria nazionale Rifondazione Comunista

logo asl2 chieti

Influenza, parte la vaccinazione in provincia di Chieti

Vaccinarsi al più presto e adottare semplici, ma quanto mai efficaci, misure di igiene e protezione individuale per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza: sono le raccomandazioni basilari della campagna per la prevenzione e il controllo dell’influenza che da martedì prossimo, 10 novembre, sarà avviata anche nel territorio della Asl Lanciano Vasto Chieti. I soggetti che rientrano nelle categorie a rischio potranno vaccinarsi gratuitamente nei centri vaccinali della Asl e presso il proprio Medico di medicina generale e Pediatra di libera scelta. Sono considerate a rischio le persone di età pari o superiore a 65 anni; i bambini di età superiore ai sei mesi, ragazzi e adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza; i bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale; le donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza; gli individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti; medici e personale sanitario di assistenza; familiari e contatti di soggetti ad alto rischio; soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori; personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani. Accanto alla vaccinazione, il Servizio di igiene epidemiologia e sanità pubblica della Asl, diretto da Ada Luisanna Mammarella Anchitella, suggerisce a tutti alcune precauzioni importanti, come il lavaggio delle mani (con acqua o con gel alcolici); una buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce, trattare i fazzoletti e lavarsi le mani); l’isolamento volontario a casa delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale; l’uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologia influenzale quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali). I centri vaccinali della Asl ai quali possono rivolgersi i cittadini sono quelli di Chieti (Vecchio Ospedale di via Valignani), Francavilla al Mare (presso Istituto Padovano in piazza San Franco), Ortona (piazza San Francesco, 1), San Giovanni Teatino (a Sambuceto in via Cavour), Guardiagrele (presso l’Ospedale in via Anello 15), Tollo (via Principessa di Piemonte), Orsogna (via G. Magno), Lanciano (Largo Don Minzoni), Atessa (piazza Garibaldi), Casoli (ex Ospedale Consalvi di via Aventino), Villa Santa Maria (via Roma, 32), Gissi (ex Ospedale Civile di via Italia), Vasto (via Michetti, 86), San Salvo (via Alcide De Gasperi), Castiglione Messer Marino (via Alcide De Gasperi, 1).

pescara municipio 110812 rep 01

Arriva in consiglio regionale, a 17 mesi dal voto del referendum popolare, la proposta di fusione dei comuni di Pescara, Montesilvano e Spoltore denominato "Grande Pescara".

Lo ha fatto sapere il consigliere regionale del M5S Mercante, dopo che la proposta è stata iscritta all'ordine del giorno del prossimo consiglio.

Secondo Mercante, finalmente la maggioranza e D'Alfonso dovranno svelare le carte e far capire se sono favorevoli o contrari al progetto che prevede la fusione dei tre comuni, con un notevole risparmio in termini di spesa burocratica e soprattutto l'accesso ad importanti fondi messi a disposizione dal Governo.