rubriche varie

bollette

In materia di controversie sulle comunicazioni elettroniche tra utenti e compagnie, l’Autorità garante (AgCom) ha varato un regolamento (delibera 173/07/CONS) nel quale si identifica subito cos’è il “Tentativo obbligatorio di conciliazione”.

Esiste il modulo UG, necessario per avviare una richiesta di conciliazione al Corecom regionale, il Comitato regionale per le comunicazioni delegato dall’AgCom.

Ma come si svolge la conciliazione?

Chi può partecipare? E’ necessario avere un avvocato?

La prima risposta a cui rispondere è quella relativa al legale.

L’udienza di conciliazione si svolge alla presenza di un conciliatore (delegato dal responsabile del procedimento) che ha la funzione di “arbitro” – non potendo utilizzare altri termini impropri. Il conciliatore deve verificare che la discussione tra le parti (utente o suo rappresentante e delegato della compagnia telefonica) sia corretta e secondo i regolamenti ed invita le parti a esporre le proprie ragioni, in modo da chiarire i punti di contrasto e individuare una soluzione accettabile per entrambi.

Al termine dell’udienza si redige un verbale, che ha valore di atto esecutivo.

municipioavezzano

Per mercoledì 18 novembre, alle 10.00, nella sala conferenze del Comune di Avezzano, FIM-FIOM-UILM della Marsica, terranno una conferenza stampa su un attuale e scottante tema, cioé: QUEL CHE RESTA DELL'INDUSTRIA METALMECCANICA NELLA MARSICA, DOPO LA CRISI.

    Interverrà, per i saluti dell'Amministrazione Comunale di Avezzano, l'Assessore al Lavoro, Alessandra CERONE.

sulmona municipio 241012 rep 09UNA GIORNATA DI ORDINARIA "FOLLIA" POLITICHESE

Quella di martedi 10 novembre è stata una ordinaria giornata di "follia" politichese, ovvero il trionfo delle “manovrine di corridoio”, fatte di depistaggi, meschini giochi del cerino e trucchi regolamentari.

Con i consiglieri comunali Di Benedetto, La Civita e Lucci e noi comitati, ci siamo recati in Regione con un obiettivo preciso : far approvare dal Consiglio regionale una risoluzione (sarebbe la quinta) con cui si conferma il “no" assoluto al metanodotto Snam e alla centrale di compressione prevista a Sulmona, sia essa alimentata a gas oppure elettrica. E' la linea decisa ed approvata alla unanimità il, 30 ottobre scorso, dal Consiglio comunale di Sulmona. Per coerenza, dovrebbe esserci la giunta comunale della città, insieme al presidente del Consiglio e ai consiglieri dei vari gruppi. Ma di tutti costoro, nonostante la sollecitazione scritta di Luigi La Civita, non si presenta nessuno. Domanda : ma perchè questa persone elette dai cittadini, proprio nei momenti decisivi per le sorti della città, se la squagliano e si imboscano?Perché tra i politici è diffusa la convinzione che basta una alzata di mano e votare contro per convincersi e far credere che hanno svolto appieno il loro dovere istituzionale?

Il primo politico che incrociamo è proprio lui, il Presidente Luciano D'Alfonso, al quale consegniamo il volantino, con relativa vignetta, che lo accusa di tradimento e di killeraggio a danno di Sulmona e dell'intero Centro Abruzzo. Lui ci risponde con il tipico beffardo sorriso dalfonsiano. "Centrale elettrica?" - dice - " non c'è proposta, quindi non c’è delibera". E' la strategia del depistaggio, che poi ripeterà in aula con alcuni giornalisti. Gli replichiamo che, ormai, non ci fidiamo più di lui, non crediamo a quello che dice, perché nella scaletta della giunta regionale convocata per il pomeriggio, c'è anche l'adozione della delibera sulla centrale a propulsione elettrica". D’Alfonso sorride e non smentisce perchè, non può smentire, e va via. Siccome nella maggioranza non si muove foglia che D'Alfonso non voglia, il gioco del cerino comincia subito. Il primo a cui viene chiesto di presentare la risoluzione è l'Assessore alle aree interne Andrea Gerosolimo che, per tutta risposta, ci aggredisce verbalmente : "non presento nessuna risoluzione; siete stati scorretti con me, perché avete detto pubblicamente delle falsità”. “Quali sarebbero queste falsità?”, domandiamo, ma Gerosolimo non risponde e si allontana con altre persone. A questo punto chiediamo a Pierpaolo Pietrucci, consigliere PD dell'Aquila, che sia lui a presentare la risoluzione, ma Pietrucci respinge la richiesta dicendo che deve essere Gerosolimo a farlo. Ma Gerosolimo ha già detto di no.  Così non resta altra strada che richiedere la firma dei consiglieri di opposizione. I consiglieri di Forza Italia e dei 5 Stelle firmano subito la proposta e la presentano al Presidente Di Pangrazio.

Ma, per la discussione della risoluzione, tutta la giornata permane l'incertezza, nonostante le sollecitazioni dei rappresentanti dell'opposizione. 

La maggioranza, con D'Alfonso in testa, non vuole che la risoluzione sia discussa e votata oggi. Pietrucci, presidente della Commissione Territorio che la deve esaminare e votare, propone come data giovedì 12. Noi siamo decisamente contrari perché per giovedì la Giunta regionale potrebbe avere già adottato la delibera sulla centrale ad alimentazione elettrica e venerdì 13 c’è l’incontro a Roma, probabilmente l’ultimo, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Forza Italia e 5 Stelle insistono, vogliono che si discuta subito e chiedono che il Consiglio si pronunci su questa richiesta. A questo punto, stranamente, la maggioranza PD cede. La commissione si riunirà la sera stessa, al termine dei lavori del Consiglio. Qualcosa non torna: di sicuro c’è un trucco e lo si scoprirà subito dopo. Infatti, quando la commissione si riunisce, ormai è tarda sera e si apprende che i lavori non possono svolgersi perché, a norma di regolamento (cambiato solo da pochi giorni), devono essere presenti tutti i componenti affinché la seduta sia valida. Ne mancano tre, due della maggioranza (Balducci e Di Nicola)  e uno della minoranza (D’Ignazio). Nulla di fatto, dunque. L'astuzia regolamentare ha bloccato la votazione. Tutto rinviato a giovedì 12 alle ore 21; ma allora varrà un'altra regola: per la validità sarà sufficiente la maggioranza semplice. L'assessore Gerosolimo promette : "Se D'Alfonso porta la delibera io voto contro e sono anche pronto a dimettermi". Poi l'assessore ci chiede di fare una foto con lui dicendo : "voglio metterla sul mio profilo facebook con la scritta : pace fatta".  Noi diciamo : " no, meglio scrivere ipotetica tregua". 

Sono le 21. Si chiude una giornata in cui della Politica, quella vera, nel senso più nobile della parola, non abbiamo percepito nulla: solo il suo discredito.

Sulmona, 1 novembre 2015 Comitati cittadini per l’ambiente

Info: Mario 3339698792 – Antonio 3407066402 – Giovanna 3284776001

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. http://sulmonambientewordpress.com/

Finanziare la formazione aiuta la crescita e favorisce il cambiamento.

Grazie all’opportunità dei Voucher formativi erogati dalla Provincia dell’Aquila - P.O. FSE Abruzzo 2007/2013 Ob. C.R.O 2012/2013- dieci neo imprenditori aquilani oggi possono introdurre nelle loro attività nuovi strumenti manageriali che innovano e rendono più competitivi.

Lo Short Master che hanno frequentato in “Project Management”, patrocinato da LUM School of Management e Confindustria L’Aquila, realizzato da Q110 Officina di Alta Formazione, ha fornito loro le competenze necessarie per “orchestrare” abilmente le componenti contestuali, comportamentali e tecniche di Project Management secondo il modello IPMA (Associazione Internazionale di Project Management). L’ottima riuscita del percorso di Alta Formazione appena concluso con il rilascio dell’attestato in “Project Management” si deve alla qualifica e alta professionalità dei docenti coinvolti, esperti ognuno nell’ambito di propria competenza, con la direzione scientifica dall’Ing. Giovanni Pisano, docente LUISS-LUM-IMPA. Ma si deve soprattutto alla partecipazione e al coinvolgimento degli imprenditori che hanno apprezzato la metodologia didattica, pratica e interattiva, affiancata all’analisi dei singoli argomenti, a case-history, alle esercitazioni e simulazioni. L’abilità è di integrare la conoscenza del business con una combinazione di capacità tecnico/metodologiche, manageriali, gestionali ma anche relazionali, comportamentali ed emotive.

Non può esserci futuro senza cambiamento, anche la piccola impresa va al passo con i tempi. Ne sono esempio i partecipanti allo Short Master in Project Management: Bussolotti Nicola e Roberto, della ASIAT S.R.L.; Ciocca Evelina, componente del consiglio di amministrazione ONEGROUP S.R.L., Dioletta Sara ed Eleonora della DUOMOGEL S.R.L., Centi Enrica e De Vitis Katia della HALOTERAPY S.N.C., Evangelista Guido imprenditore dell’omonima ditta, Murri Carmine della PICCOLI GRANDI PASSI S.R.L. e Scopano Alessandro imprenditore dell’omonima ditta.

teramo corso 110313 rep 05

Si chiama “Help Desk” ed è la nuova iniziativa dedicata agli screening oncologici di colon, mammella e utero promossadalla Asl di Teramo. Il progetto è stato presentato questa mattina, nell’aula convegni dell’Ospedale Mazzini dal direttore generale della Asl di Teramo, Roberto Fagnano, con la direttrice sanitaria Maria Mattucci e il direttore amministrativo, Maurizio Di Giosia. Da fine ottobre la Asl di Teramo ha messo a disposizione della cittadinanza il numero verde 800.21.00.02, attivo dal lunedì al sabato dalle 9 alle 17, dove operatori opportunamente preparati saranno disponibili per informazioni, delucidazioni e per soddisfare e recepire i bisogni della cittadinanza. Gli utenti sono inoltre contattati telefonicamente dagli operatori e invitati a partecipare ai programmi di screening (gli esami sono gratuiti). I risultati raggiunti a Teramo, in questi ultimi anni, sono positivi, infatti dal 2012 il numero delle persone che si sottopongono a screening è aumentato.