Cronaca

farindola hotel

Tre informative distinte, oltre 40 testimoni ascoltati. Polizia, carabinieri e carabinieri forestali stanno terminando il lavoro preparatorio per l’inchiesta sulla valanga che ha travolto l’hotel Rigopiano uccidendo 29 persone.

Tre informative distinte, oltre 40 testimoni ascoltati, pacchi di documenti acquisiti: ma è solo l’inizio. Polizia, carabinieri e carabinieri forestali stanno terminando il lavoro preparatorio per l’inchiesta sulla valanga che, il 18 gennaio scorso, ha travolto l’hotel Rigopiano uccidendo 29 persone. La documentazione preliminare, tuttavia, non sarà terminata prima di una decina di giorni. Nel frattempo la Procura di Pescara, che indaga per disastro e omicidio colposo, ha disposto le perizie con l’aiuto dei Ris tornati sul luogo della tragedia per misurazioni più adeguate con strumenti laser.

luco dei marsi comune e carabinieri rep 10

Furto nel parcheggio del cimitero di Luco dei Marsi. E’ accaduto ieri, poco dopo l’ora di pranzo. Erano circa le 14:00 quando una donna del posto si era recata al camposanto per pregare sulla tomba di un suo caro defunto.

All’uscita, però, la triste scoperta: la portiera della sua Nissan era stata forzata e la borsa che aveva lasciato sul sedile era sparita: all’interno c’erano circa 100 euro, i documenti, un cellulare e le chiavi di casa. Indagano i carabinieri.

 

 

ospedale

E’ caduto a terra da una scala ed è rimasto infilzato da un paletto di ferro. Un anziano di Collelongo, A.V., è ora ricoverato all’ospedale di Avezzano.

Il fatto si è verificato poco prima dell’ora di pranzo: l’uomo stava potando una pianta quando ha perso l’equilibrio ed è caduto. Sul posto è intervenuta l’unità del 118 di Trasacco.

di pangrazio gianni 090414 rep 01

Questa mattina si è tenuta un’altra udienza nell’ambito del processo che vede implicato insieme ad altri imputati il sindaco di Avezzano Gianni di Pangrazio (nella foto). E’ accusato, insieme con altre quattro persone, di reati contro la Pubblica Amministrazione tra cui falso, peculato e abuso d’ufficio per aver attestato la regolarità tecnica di una delibera provinciale e per aver utilizzato per scopi personali l’auto di servizio e l’autista.

Il Giudice Billi ha rilevato la propria incompatibilità poiché aveva precedentemente firmato un atto relativo al processo ed ha disposto un ulteriore rinvio al 6 luglio.

carsoli citta 221112 rep 08

I carabinieri della stazione di Carsoli hanno arrestato Petrut Irinel Bunea, 35enne che abita in città, per il reato di resistenza a pubblico ufficiale. I militari questa mattina hanno eseguito un’ordinanza di detenzione domiciliare, emessa dal Tribunale di Sorveglianza dell’Aquila. Bunea, a settembre del 2011, fu denunciato dai carabinieri di Pescara per resistenza a pubblico ufficiale. Insieme con altre persone, a seguito di diverbi per motivi di lavoro, ebbe una violenta discussione con il proprietario di uno stabilimento balneare, durante la quale il titolare della struttura fu insultato e minacciato. I militari intervennero per riportare l’ordine, ma Bunea reagì con un comportamento ostile. Sconterà cinque mesi di detenzione domiciliare.