Cronaca

fabrizi stefano 201211 rep 03

Consorzio di Bonifica: Di Berardino sarà sfiduciato per i suoi noti limiti nell’azione amministrativa

I soliti film da parte di molti commentatori sindacali e politici che, con fantasiose ricostruzioni, adombrano chissà quali trame per spodestare Di Berardino: ingerenze esterne, interessi sui progetti, paura delle imminenti elezioni. Nulla di tutto questo. Ricordiamo agli smemorati e a Di Berardino in particolare che dopo aver disatteso la staffetta nella posizione di Presidente per le fortissime pressioni politiche di ben noti consiglieri regionali, ora non più eletti,  aveva perso l’appoggio della sua maggioranza. I rappresentanti della Coldiretti e della CIA, già in precedenza avevano fatto mancare il loro voto nelle decisioni più importanti e solo il senso di responsabilità dei 4 eletti di Confagricoltura aveva salvato la Consigliatura ed evitato per il Consorzio il commissariamento che molti auspicavano per gestire e negoziare, con il governo regionale, il progetto del Masterplan.

Il rapporto con Di Berardino non è mai stato mai sereno per la sua tendenza ad agire senza consultarsi e, contrariamente a quanto lui afferma, non libero nelle sue decisioni. Non a caso ora il suo più strenuo difensore è Roberto Giovagnorio: Consigliere Provinciale, Assessore Comunale a Tagliacozzo ma che mai si è occupato delle sorti del Consorzio pur avendo ricevuto in passato alcune deleghe, tra le quali quella delicatissima al personale.  

Il Presidente Di Berardino, infischiandosi della collegialità o sopraffatto dalla struttura ha portato a ratifica della Deputazione Amministrativa molti atti delicati da approvare sempre in via di urgenza e necessità mettendo la Deputazione amministrativa su fatti compiuti. Il Presidente negli ultimi mesi ha dedicato il suo tempo in piccole e marginali questioni tralasciando l’interlocuzione con la Regione e l’ARAP per l’avvio dei progetti di irrigazione; disconoscendo la distinzione dei ruoli quotidianamente ha avuto rapporti conflittuali con il direttore ed il personale, ha costruito sistematici  conflitti con la sovrintendenza ai beni archeologici per le visite ai cunicoli, non ultimo il recente accordo con la Pro Loco dell’Incile che non è possibile applicare perché il sito è chiuso per lavori, ha ostacolato vanamente la stipula della convenzione con il CNR per le consulenze scientifiche e gratuite sullo stato della galleria Torlonia, con un maldestro tentativo ha cercato di bloccare la convenzione con il comune di Trasacco per lavori da fare nella località Tre portoni, con il rischio di perdere il finanziamento di 250.000 euro a favore del Comune ma gestito dal Consorzio, ha avuto un agire provinciale che lo ha escluso da tutti i contesti decisionali importanti: Assessorati Ragionali, ANBI ecc. delegando quasi sempre il Vice Presidente a partecipare agli incontri.“Se il Consorzio avrà in Dario Bonaldi un nuovo Presidente sarà meglio per tutti: garanzia di trasparenza, chiarezza sugli obiettivi, professionalità sulle decisioni, distinzione dei ruoli sulla struttura” Afferma Stefano Fabrizi Direttore di Confagricoltura L’Aquila “ Nessuno ha certezza che si voterà a novembre, sicuramente il nove di Settembre non ci sarà la nomina dei quattro rappresentanti delle Regione  stante l’iter di approvazione della nuova Legge regionale sul riassetto dei Consorzi di bonifica che prevede il successivo commissariamento dei 5 Consorzi regionali”. Conclude Fabrizi.

Cordiali saluti

Stefano Fabrizi

Direttore

Avezzano carabinieri rep 05 

Operazione antidroga con arresti eseguiti in Avezzano.
Nel corso della mattinata odierna, i militari del
Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia
Carabinieri di Avezzano in collaborazione con il
Nucleo Cinofili di Chieti hanno dato esecuzione ad
un provvedimento di custodia cautelare in carcere
nei confronti di tre soggetti di etnia magrebina,
emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari
presso il Tribunale di Avezzano su conforme
richiesta del Sost. Procuratore della Repubblica –
dr.ssa Laura Seccacini che ha coordinato le
indagini.
I tre soggetti sono ritenuti responsabili della violazione di cui agli artt.110, 81 c.p. e 73, c.1 del
D.P.R. nr.309/90 (concorso continuato in spaccio di sostanze stupefacenti), reati commessi
prevalentemente nella frazione San Pelino di Avezzano.
Nell’ambito delle indagini, svolte dai militari a partire dall’11 novembre 2018, data dell’arresto in
flagranza di due dei tre odierni indagati, venivano raccolti inconfutabili elementi probatori che
permettevano di acclarare un preciso modus operandi utilizzato dai tre arrestati i quali, effettuando
le cessioni, in prevalenza cocaina, attraverso un cancello secondario, avevano di fatto trasformato
un’abitazione in loro uso in un punto riferimento per lo spaccio per l’area nord della città.
L’odierna attività investigativa, dopo l’operazione
denominata Call Off del febbraio 2019 che con l’arresto
di 15 soggetti consentì di smantellare un consolidato
gruppo criminale, si inserisce in una più ampia
pianificazione operativa volta alla prevenzione ed alla
repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti
disposta nella provincia dal Comando Provinciale
Carabinieri di L’Aquila.
Avezzano, 12 agosto 2019

scoccia marianna 281111 rep 03

Tutto è pronto, a Prezza, per la IV edizione di “Malmozzetto, la spada e la rosa”, in programma nel centro peligno Martedì 13 agosto. Numerose le novità previste dal

programma di quest’anno. Si inizierà alle ore 18,30 con il Corteo Storico, che prenderà il via dalla piazza del municipio alle ore 18,30 e raggiungerà piazza

Umberto I. Qui, alle ore 19 si ripeterà la “Rappresentazione Storica della cattura di Malmozzetto”. La piazza sarà trasformata in un angolo di una città medioevale, con

il mercato, le mura, il portone di ingresso alla città fortificata, la rocca. Quella città e quella rocca che le truppe di Malmozzetto cercheranno di conquistare, ma invano.

L’amore per una donna determinerà la rovina del comandante normanno e la salvezza della comunità prezzana. La regia dello spettacolo, come ogni anno, sarà di

Pietro Becattini. Prima e dopo la rappresentazione si esibiranno nella piazza e in altri angoli del paese la compagnia d’arme di Sancto Eramodi Torvaianica; la

compagnia di trampolieri “Due piume” ed i musici del Collegium Arniense. A sera, l’apertura delle botteghe del centro storico con la degustazione dei prodotti tipici.

La rappresentazione storica della cattura di Malmozzetto, oltre all’evento che si ripeterà Martedì, e la recente partecipazione, molto apprezzata, alla “Giostra d’Europa e dei Borg hi più belli d’Italia” di Sulmona, prevede anche altre iniziative sul territorio di ricerca e di coinvolgimento della scuole del territorio che riprenderanno a partire dal nuovo anno scolastico. L’iniziativa, come ogni anno, è organizzata dal Comune di Prezza con la collaborazione delle pro loco di Prezza e Campo di Fano e con la partecipazione della Fondazione Carispaq e della Regione.

 

(Sopra. Marianna Scoccia, Sindaco di Prezza.)

abruzzo spiaggia

In Abruzzo mare in piena salute e completamente balneabile, come dimostrano i dati dei nuovi ed ultimi prelievi effettuati il 5-6-7 agosto dall’Arta. Che distribuisce una app per controllare i dati delle singole spiagge.

Gli abruzzesi ed i turisti possono in questi giorni di vacanza godersi tranquillamente le bellezze delle nostre acque”. Ad annunciarlo è l’assessore regionale al Turismo Mauro Febbo che spiega “Nei punti di campionamento per la balneazione, che sono ben 112 su 126 Km di costa, abbiamo valori buoni ed ottimi, in moltissimi tratti eccellenti e quindi completamente rassicuranti per i turisti, balneatori e operatori turistici".

tornimparte

Lavori di messa in sicurezza antisismica del Viadotto Sant'Onofrio a Tornimparte sulla A24.

Abbiamo cominciato un lavoro complesso ma innovativo”. A spiegarlo è la concessionaria Strada dei Parchi. “Qui” - si legge in una nota - ” è in corso un’attività mai realizzata prima all’interno di un’autostrada aperta e in attività: la trasformazione di un grande viadotto tradizionale in una struttura antisismica, senza bloccare la circolazione”.